Mps, occhio agli aumenti di costi e commissioni

A
A
A

Per riuscire a ripagare i Monti bond, la banca potrebbe dover agire, oltre che sul taglio dei costi già avviato, anche sull’incremento dei guadagni dalla clientela…

di Redazione31 gennaio 2013 | 11:08

MONTI BOND PIU’ CARI DEI TREMONTI BOND – È il tema del momento e diamo per scontato che chi ci legge conosca a sufficienza le vicende del Monte dei Paschi di Siena. La banca, in evidenti difficoltà, verrà salvata dai famosi Monti bond, figli spuri dei Tremonti bond a cui Mps farà ricorso per 3,9 miliardi di euro. La differenza tra i Tremonti e i Monti bond è che i secondi sono molto più costosi dei primi. Questi soldi che lo Stato darà alla banca senese dovranno essere rimborsati a un tasso crescente, che parte dal 9% e arriva fino al 15%. Bene. Sin qui tutto detto e tutto scritto.

E SE LA BANCA NON RIUSCISSE A PAGARE? – Se Mps non pagherà, lo Stato verrà rimborsato con azioni della banca, che verrà così nazionalizzata. Bastano due calcoli semplici: oggi Mps capitalizza 3 miliardi di euro in Borsa, se dovesse rendere 3,9 miliardi non basterebbero nemmeno tutte le azioni per soddisfare il creditore. Il destino di Mps sembra dunque segnato e la sensazione prevalente è che i 3,9 miliardi non verranno rimborsati.

TOSARE I CORRENTISTI – Però se il presidente Profumo e l’amministratore delegato Viola volessero tentare un recupero dovrebbero tagliare i costi e aumentare i ricavi. Il taglio dei costi è già iniziato con la riduzione delle filiali, un piano di diminuzione del personale e l’abbattimento di premi e privilegi. Ma per aumentare i ricavi, una banca che dovrà agire con molta cautela, visti i trascorsi degli eccessi della finanza creativa, potrà ragionevolmente aumentare i guadagni dalla clientela. Insomma, tosare i correntisti, che potrebbero vedersi incrementare costi e commissioni. Certo, ci sono altri modi per far salire le entrate, magari dando più qualità agli investimenti. Ma con una zavorra come quella del Montepaschi, fatta di un macigno di Btp a lunga scadenza e circa 17 miliardi di crediti “difficili”, i margini di manovra sono molto ridotti.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Mps, gran rientro nel mercato obbligazionario

Mifid 2, disguidi in partenza per i consulenti delle banche

Mps e Mastercard rinnovano la partnership

Vitto (Mps): “Così crescerà il nostro private banking”

Mps rilancia il private banking

Banca Mps, un premio allo spot

Azionisti Mps, ecco le possibilità di rivalsa

Mps, lo Stato sopra il 68%

Mps, confermati Morelli e Falciai

Mps e Banche venete, quasi 9mila esuberi e 2,8 miliardi di costi

Bond subordinati Mps, come ottenere i risarcimenti

Mps,Credito Fondiario entra nella cartolarizzazione degli Npl

Banca Mps e Compass, nuovo accordo per distribuire finanziamenti

Risarcimento subordinati Mps: un’offerta da accettare al volo

Una donna a capo della direzione retail di Mps

Mps punta a tornare sul listino a inizio ottobre

Mps: bond subordinati convertiti in azioni, ristoro solo per il bond ‘Antonveneta’

Mps promossa da Dbrs e bocciata da Equita

Montepaschi, cercasi compratore in Belgio

Banche in spolvero a Piazza Affari

Mps: Cerved si allea con Quaestio per offerta per Juliet

Mps: 5.500 esuberi e 600 filiali da chiudere

Mps, il via libera Ue alla ricapitalizzazione è arrivato

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

Piazza Affari chiude in calo, tra petrolio in rialzo e banche sotto esame

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

Mps, pronto l’accordo con Atlante 2 per la cessione di Npl

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Atlante 2 rileva Npl di CariFe, resta in piedi operazione con Mps

Mps, cartolarizzazione Npl pare in stallo

Npl Montepaschi, voci di offerta dai fondi hedge

Mps tira un sospiro di sollievo, Bpvi e Veneto Banca non ancora

Axa resta in Mps

Ti può anche interessare

SocGen, utile in calo e ricavi in crescita nel primo trimestre

Il gruppo francese ha presentato ha realizzato un utile inferiore alle attese a causa di accantoname ...

Riorganizzazione ai vertici per Credito Fondiario

Guido Lombardo, già head of banking, ha assunto il ruolo di chief investment officer. Mirko Briozzo ...

Consulenti, Credem punta sulla Liguria con Solinas

L’obiettivo della rete integrata con le filiali sul territorio, guidata dal nuovo capo mercato in ...