L’azienda non versa i contributi al fondo pensione. Cosa fare?

A
A
A

Prima di rivolgersi a un legale è bene a cercare una soluzione bonaria contattando sia il datore di lavoro e sia il fondo pensione, anche chiedendo l’intervento della Covip quale organo di vigilanza.

Marco Muffato di Marco Muffato16 giugno 2017 | 11:43

Domanda. Un mio cliente, lavoratore dipendente di un’azienda del comparto commercio, nel 2007 ha aderito al fondo pensione di Alleanza. La sua azienda ha versato il Tfr al fondo fino al luglio del 2014, poi il cliente si è accorto che da circa tre anni non vengono più versati i suoi contributi. Come si deve comportare per recuperare le somme non versate? Preciso che l’azienda non è in stato di insolvenza.

F.C., Ancona

Risposta. Il lettore espone un caso divenuto assai frequente, in virtù della crisi economica. I datori di lavoro, anche quando non insolventi e nemmeno in malafede, non riescono a versare alla previdenza integrativa quanto dovuto, accumulando quindi debito.  Nel Decreto Legislativo 225/2005, norma che si trova alla base della moderna previdenza integrativa, non è espressamente previsto un caso del genere e ciò comporta un dubbio Sportello Advisory il soggetto legittimato a richiedere il pagamento, ossia se debba essere il lavoratore oppure il fondo pensione. Sotto questo aspetto occorrerebbe un chiarimento normativo che stabilisca a chi spetta il diritto. Si potrebbe stabilire, per esempio, che ad attivarsi sia il fondo pensione non appena si accorge, autonomamente o dietro segnalazione del lavoratore, del mancato versamento.  In caso di sospensione invece questa andrebbe immediatamente comunicata al fondo pensione in modo da rendere possibile distinguere i casi di omesso versamento da quelli di sospensione volontaria da parte del lavoratore.

Grazie alla sentenza di Cassazione 13997 del 15 giugno 2007, il lettore, quale lavoratore interessato, non corre comunque rischi di prescrizione del proprio diritto al risarcimento del danno derivante da omissione contributiva, perché questa decorre dal momento in cui raggiunta l’età richiesta per il conseguimento della prestazione, e concorrendo ogni altro requisito, il lavoratore perde il relativo diritto o lo vede ridotto a causa dell’omissione. Da quel momento, si hanno dieci anni a disposizione per reclamare quanto spetta.

Il lavoratore può agire anche prima del pensionamento formulando domanda di condanna generica al risarcimento dei danni, volta ad accertare la potenzialità dell’omissione contributiva a provocare il danno, salva poi la facoltà di esperire successivamente l’azione risarcitoria vera e propria. Su tale punto esistono copiosi provvedimenti di Cassazione: oltre la citata 13997 del 15 giugno 2007, ci sono le Sentenza 5825 del 26 maggio 1995, 22751 del 3 dicembre 2004, 26990 del 7 dicembre 2005. Il lavoratore può anche chiedere il mero accertamento nei confronti del datore di lavoro per stabilire, per esempio, l’esatto ammontare della contribuzione versata come anche per controllare l’esatta determinazione della base di calcolo della contribuzione medesima. Già nel 1986, con la Sentenza 2488 del 9 aprile di quell’anno, la Cassazione stabilì che sussiste l’interesse ad agire concreto ed attuale, che si verifica quando di fatto ricorra una situazione di obiettiva incertezza, implicante, per l’attore, un pregiudizio attuale e giuridicamente apprezzabile, che non possa essere eliminato senza una pronunzia giudiziale. Prima di rivolgersi a un legale comunque il lettore farà bene a cercare una soluzione bonaria contattando sia il datore di lavoro, sia il fondo pensione e magari chiedendo l’intervento della Covip quale organo di vigilanza.

Scrivi a: sportelloadvisory@bluerating.com

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Portugal Telecom, le banche dovevano informare

Come sono tassate le prestazioni dei fondi pensione per un residente all’estero?

Ammissioni al passivo ex popolari venete, istruzioni per l’uso

Ritardi nel rilascio della certificazione delle minusvalenze, la banca è responsabile

Il punto sulle fideiussioni omnibus

Quelle comunicazioni invisibili nell’home banking

Ingiusto pagare i costi di verifica di assegni circolari

Se il datore di lavoro non versa i contributi: il disastro FondInps

La tassazione di Bitcoin e dintorni

Quel bond strutturato acquistato in execution only

Opzioni binarie, Esma in campo contro i broker

Vicenda Portugal Telecom – Oi Brazil, svolta in arrivo per gli obbligazionisti

Mutuo, Centrale Rischi e segnalazioni

Ritrova buoni fruttiferi, ma in Posta negano l’incasso

Attenti agli assegni senza clausola di non trasferibilità

Vecchio numero cellulare? Meglio cancellarlo dall’home banking

Estinguere dossier con titoli in default? E’ possibile

Speranze di ristoro sui fondi immobiliari chiusi

Clonazione assegni, è sufficiente una foto per finire nei guai

Vittima del phishing? Diritto al risarcimento solo in un caso

Credito al consumo, paga le rate ma non riceve servizi. Che fare?

Vecchi buoni postali, allo studio un archivio digitale

Rimborso a chi estingue in anticipo anche per le polizze sui mutui

Successione del c/c, serve la volontà di tutti gli eredi

Acf e Abf, stop ai ricorsi sulle ex popolari venete

Farsi pagare l’assegno in banca? Il documento d’identità non basta

Risarcimento subordinati Mps: un’offerta da accettare al volo

Il conto corrente di base arriva sul serio. Per legge.          

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Interessi sui mutui: quando la banca rischia l’usura

Mps: bond subordinati convertiti in azioni, ristoro solo per il bond ‘Antonveneta’

Rimborso dei buoni fruttiferi postali, il nodo dei co-intestatari

Richiesta antichi estratti conto negata al cliente, ma la banca ha torto

Ti può anche interessare

Astor Sim cambia nome

Via libera della Consob alla nuova denominazione. La società si chiamerà Decalia Asset Management ...

La Mifid 2 in pillole

Si avvicina la data in cui la direttiva europea sui servizi finanziari diventerà legge. Un guida di ...

CheBanca! a caccia di consulenti e private banker

In un'intervista ad Affari&Finanza il direttore del wealth management Lorenzo Bassani illustra i ...