Mario Monti dichiara un milione di euro. Ma ne perde 400mila con Deutsche Bank

A
A
A

In base ai redditi dichiarati dai parlamentari nel 2012 (e ralativi al 2011), il Professore è il secondo leader politico più ricco d’Italia dietro Berlusconi, che…

di Redazione28 febbraio 2013 | 14:33

MONTI PERDE 400MILA EURO CON LA GESTIONE DEUTSCHE BANK – Il premier italiano uscente Mario Monti, secondo leader più ricco della politica italiana con 1,09 milioni di euro dichiarati nel 2012 (e relativi al 2011), ha perso 401 mila euro con la gestione patrimoniale affidata alla banca tedesca Deutsche Bank. E’ quanto emerge dalla dichiarazione dei redditi dei parlamentari, a cui Corriere.it dedica un’articolo.

LA CLASSIFICA DEI REDDITI – Pur posizionadosi al secondo posto comunque, il reddito del Professore risulta ben lontano rispetto a quello dichiarato nello stesso periodo dall’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, ovvero oltre 35 milioni. Tra i big del Parlamento si piazza poi al terzo posto Walter Veltroni con 235 mila euro dichiarati nel 2012. Seguono Renato Schifani con 222 mila euro, Angelino Alfano con 189,4 mila euro, e da Antonio Di Pietro (174,8 mila), uno dei grandi eslcusi dal Parlamento con il voto di domenica.

Ecco la classifica dei redditi dei leader e dei presidenti delle Camere

Berlusconi 35.439.981 euro
Monti 1.092.068 euro
Veltroni 235.063 euro
Schifani 222.547 euro
Alfano 189.428 euro
Di Pietro
174.864 euro
La Russa 166.133 euro
D’Alema 164.870 euro
Maroni 162.164 euro
Bossi 161.542 euro
Meloni 160.940 euro
Fini 157.549 euro
Cesa 148.310 euro
E. Letta 141.697 euro
Bersani 137.973 euro
Bocchino 125.592 euro
Casini 116.074 euro


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Reti, quante commissioni incassano i cf

Un’analisi sui conti di alcune società quotate: Azimut, Banca Mediolanum e Fineco. Ai consulenti ...

La squadra di Mossa prima in procapite

I consulenti finanziari di Banca Generali hanno ottenuto il miglior risultato di raccolta procapite ...

Bcc a una svolta, dite la vostra sulla nuova vigilanza

"Le disposizioni", spiega Bankitalia, "preservano i caratteri di mutualità e localismo tipici di qu ...