Mps chiude il 2012 con una perdita di oltre tre miliardi

A
A
A

Il gruppo Mps chiude il 2012 con un risultato netto a dir poco preoccupante. Anche se i Monti bond fanno sperare in una ripresa del gruppo senese che tanto ha fatto parlare di sè negli ultimi tempi.

Gianluca Baldini di Gianluca Baldini28 marzo 2013 | 17:29

PERDITE PER OLTRE TRE MILIARDIMps ha chiuso il 2012 con una perdita netta di 3,17 miliardi di euro dopo svalutazioni complessive per circa 1,6 miliardi, di cui 1,5 miliardi per avviamenti e 110 milioni su intangibili.  Questi i numeri principali di un gruppo balzato di recente agli onori della cronaca per diversi scandali (qui e qui per i dettagli)
 
IL POTERE DEI MONTI BOND – A fine 2012, si legge in una nota dell’istituto, le rettifiche nette di valore per deterioramento di crediti ammontano a 2,672 miliardi, più che raddoppiate rispetto ai 1,297 miliardi del 2011. Solo nel quarto trimestre 2012 queste rettifiche sono state pari a 1,372 miliardi. A fine 2012 il patrimonio di vigilanza del gruppo si è attestato a 12,8 miliardi, con un Core Tier 1 Ratio (comprensivo dei 1,9 miliardi di Tremonti Bond) all’8,9% (8,8% a fine 2011), un Tier 1 Ratio al 9,6% (dal 10,3% del 2011) e un Total Capital Ratio al 13,8% (dal 14,9% del 2011). Considerando la totalità dei Nuovi Strumenti Finanziari emessi a febbraio 2013, i cosiddetti Monti Bond, il Core Tier 1 sarebbe all’11,3% proforma, il Tier 1 all’11,9% proforma e il Total Capital Ratio al 16,1% proforma. 
 
PAROLA AL GRUPPO, I MOTIVI DI UNA DEBACLE – “Nel 2012 il gruppo Montepaschi ha operato in un contesto di mercato straordinariamente difficile caratterizzato da un progressivo rallentamento della crescita economica e dall’acuirsi della crisi del debito sovrano nell’area euro che ha determinato un brusco aumento degli spread creditizi e la chiusura dei mercati interbancari ed istituzionali, innescando al contempo una spirale negativa sulle quotazioni di borsa e dei titoli di stato italiani. I tassi di interesse hanno registrato una forte discesa (l’Euribor ad 1 mese è diminuito nell’anno di circa 90 bps, raggiungendo il minimo attorno agli 11 bps) e le curve per scadenza si sono notevolmente appiattite. Per le banche italiane, le condizioni di raccolta sui mercati all’ingrosso si sono confermate molto difficili per gran parte dell’anno, pertanto le operazioni di rifinanziamento a lungo termine con garanzia statale, attivate dalla Bce nel primo trimestre 2012 (LTRO), hanno significativamente contribuito a garantire la liquidità del sistema. La sfavorevole congiuntura, unitamente al permanere dell’instabilità finanziaria e ad un ridotto clima di fiducia delle imprese e delle famiglie, hanno determinato un eccezionale peggioramento della qualità del credito: a ottobre, a livello di sistema bancario, la quota dei prestiti alle imprese in temporanea difficoltà (esposizioni incagliate e ristrutturate) sul totale dei finanziamenti ha raggiunto quasi l’8%.Tale scenario ha fortemente condizionato l’attività dell’intera industria bancaria e ha avuto notevoli ripercussioni sulle dinamiche patrimoniali e reddituali del gruppo Montepaschi“.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Mps rilancia il private banking

Banca Mps, un premio allo spot

Azionisti Mps, ecco le possibilità di rivalsa

Mps, lo Stato sopra il 68%

Mps, confermati Morelli e Falciai

Mps e Banche venete, quasi 9mila esuberi e 2,8 miliardi di costi

Bond subordinati Mps, come ottenere i risarcimenti

Mps,Credito Fondiario entra nella cartolarizzazione degli Npl

Banca Mps e Compass, nuovo accordo per distribuire finanziamenti

Risarcimento subordinati Mps: un’offerta da accettare al volo

Una donna a capo della direzione retail di Mps

Mps punta a tornare sul listino a inizio ottobre

Mps: bond subordinati convertiti in azioni, ristoro solo per il bond ‘Antonveneta’

Mps promossa da Dbrs e bocciata da Equita

Montepaschi, cercasi compratore in Belgio

Banche in spolvero a Piazza Affari

Mps: Cerved si allea con Quaestio per offerta per Juliet

Mps: 5.500 esuberi e 600 filiali da chiudere

Mps, il via libera Ue alla ricapitalizzazione è arrivato

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

Piazza Affari chiude in calo, tra petrolio in rialzo e banche sotto esame

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

Mps, pronto l’accordo con Atlante 2 per la cessione di Npl

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Atlante 2 rileva Npl di CariFe, resta in piedi operazione con Mps

Mps, cartolarizzazione Npl pare in stallo

Npl Montepaschi, voci di offerta dai fondi hedge

Mps tira un sospiro di sollievo, Bpvi e Veneto Banca non ancora

Axa resta in Mps

Banche: per Mps la soluzione si avvicina, per ex popolari venete ancora no

Finanziamenti alle startup: Mps partner ufficiale di Confimprese

Mps, al via il salvataggio

Mps, terminata l’ispezione della Bce

Ti può anche interessare

Popolari venete, è il giorno decisivo

L'ipotesi più accreditata prevederebbe la cessione di Popolare di Vicenza e Veneto Banca a Intesa S ...

Banco BPM concede un periodo di esclusiva a Cattolica Assicurazioni

Il periodo è finalizzato alla negoziazione e definizione dei termini e delle condizioni del potenzi ...

Anasf, una borsa di studio per gli universitari

Previsto un assegno da 3mila euro riservato a chi studia materie economiche in qualsiasi ateneo ita ...