Veneto Banca, il 2012 finisce con una perdita di 40 milioni

A
A
A

Il gruppo ha registrato perdite a causa degli accantonamenti sui crediti deteriorati relativi al comparto immobiliare che hanno pesato soprattutto su Banca Intermobiliare.

di Redazione29 marzo 2013 | 09:07

2012 IN ROSSO – Il 2012 si è concluso in rosso per Veneto Banca, che ha registrato una perdita netta di 39,7 milioni di euro. Lo ha annunciato lo stesso istituto di credito guidato dall’a.d. Vincenzo Consoli, che ha evidenziato come il perdurare della congiuntura negativa e le incertezze nell’evoluzione dello scenario complessivo abbiano “spinto il cda ad adottare una politica estremamente rigorosa e prudenziale con riguardo alla qualità del credito”.

ACCANTONAMENTI SUI CREDITI DETERIORATI – In particolare il risultato dell’esercizio, ha aggiunto l’a.d., è stato “severamente penalizzato dagli accantonamenti sui crediti deteriorati relativi al comparto immobiliare, che hanno riguardato tutto il gruppo e hanno inciso in modo particolarmente significativo su Banca Intermobiliare” (qui i dati 2012 di Bim). Secondo indiscrezioni circolate alla metà di marzo, Ubs starebbe tra l’altro valutando l’acquisto dell’istituto di private banking, che fa parte del gruppo Veneto Banca da gennaio 2011 (qui la notizia).

GLI ALTRI NUMERI DI BILANCIO –
Nel dettaglio le sofferenze nette del gruppo sono state pari a 1,2 miliardi di euro, in crescita del 30,9% rispetto al 2011, mentre il coverage ratio, considerati gli stralci effettuati sulle singole posizioni concorsuali, è stato pari al 55,4%. Nel complesso, i crediti deteriorati netti sono saliti a 2,56 miliardi di euro, +30,4% su anno.  Quanto agli altri dati di bilancio, la raccolta diretta si è attestata a 28,6 miliardi di euro, +10,64% rispetto al 2011, mentre gli impieghi lordi sono saliti dello 0,8% a 28,08 miliardi di euro e il margine d’interesse del 2,9% a 612,90 milioni di euro. Il margine d’intermediazione è risultato pari a 1,08 ,miliardi di euro, +15,4% rispetto al 2011 e il risultato della gestione operativa è salito a 402,14 milioni di euro contro i 238,60 milioni di euro di fine 2011: si tratta del risultato più alto nella storia del gruppo, evidenzia Veneto Banca. Quanto alle rettifiche di valore, queste sono salite del 164% a 466,98 milioni di euro a causa di “valutazioni più prudenziali degli immobili a garanzia delle sofferenze”.

PATRIMNONIO – Il patrimonio netto consolidato di pertinenza del gruppo si attestava a fine 2012 a 2,85 miliardi di euro, in crescita del 13,75% rispetto ai 2,51 miliardi di fine 2011, anche per effetto dell’incremento di patrimonio sociale per circa 210 milioni sia da parte di vecchi sia di nuovi soci. Per quanto riguarda infine i coefficienti di solvibilità, il Tier 1 ratio si attestava a fine anno al 7,8% rispetto al 7,6% del 31 dicembre 2011, mentre il total capital ratio è risultato pari al 9,8%, contro il 10,10% del passato esercizio.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Dalla Consob oltre 5 milioni di multe a Veneto Banca

Popolari Venete e risparmio tradito, ancora possibile il ricorso all’Arbitro Consob

Bad bank popolari venete: quanto valgono le partecipazioni da cedere?

Banche Venete, rischio di un’altra beffa per gli azionisti

Credit Suisse approfondisce analisi su Intesa Sanpaolo

Bim vola in borsa grazie a ipotesi cessione in tempi rapidi

Banche venete, resta aperto il dossier Arca

Bim, l’ex ad di Veneto Banca indagato per estorsione e truffa

Le popolari venete passano a Intesa Sanpaolo

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Banche venete, il salvagente di Intesa Sanpaolo

Intesa Sanpaolo sale in Borsa, pronta a comprare asset da Bpvi e Veneto Banca

Popolari venete, è il giorno decisivo

Veneto Banca, dagli ex manager un danno di 2,3 miliardi

Intesa Sanpaolo valuta evolversi crisi ex popolari venete

Banche Venete, a risarcire gli azionisti ci pensa l’arbitro (della Consob)

Unicredit e Intesa Sanpaolo prudenti dopo nuove voci su salvataggio banche venete

Banche Venete, pressing del governo sulle Intesa e UniCredit

Bper Banca, il rialzo svanisce sul finale di giornata

Mps tira un sospiro di sollievo, Bpvi e Veneto Banca non ancora

Arca, si avvicina la cessione a Bper

Anche Banco Bpm arresta la sua corsa in borsa

Banche Venete, Padoan esclude il bail-in

Banche Venete a rischio bail-in

Banche in crisi: per le ex popolari venete servono più capitali privati

Banche venete di nuovo a caccia di soldi

BpVi cede lo 0,683% di Ima, contina la campagna vendite delle popolari venete

Banche Venete, prende quota la cessione di Arca e Bim

Arca sgr, sale l’ipotesi di vendita a Bper e Popolare di Sondrio

Rumors: BpVi e Veneto Banca sarebbero solvibili per la Bce

Perdita miliardaria per Veneto Banca

Banche venete, Viola vuole i soldi dello Stato

Popolare di Vicenza, “rosso” da 1,9 miliardi

Ti può anche interessare

UniCredit promuove Frizé

Il manager francese nominato global head di financial institutions group (Fig) all'interno della div ...

Allianz Bank apre a Rimini

La rete del gruppo Allianz porta così a 236 i propri punti consulenza sul territorio nazionale. ...

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con i tassi

La risposta esatta alla domanda pubblicata giovedì, a proposito degli obblighi di comunicazione, er ...