Promotori, Giuliani (Azimut): obiettivo, masse per 24 miliardi

A
A
A

Il numero uno parla dei target per il 2013. E su eventuali acquisizioni dice: siamo sempre attenti alle opportunità che si possono presentare.

Maria Paulucci di Maria Paulucci29 marzo 2013 | 10:09

L’APPETITO PER LA CRESCITA – “I risultati del 2012 sono il frutto del lavoro svolto negli ultimi anni”, dice il presidente e amministratore delegato di Azimut, Pietro Giuliani (nella foto). “Dopo il 2008 abbiamo modificato il nostro modo di lavorare reagendo prontamente, grazie alla nostra indipendenza e flessibilità, al mutato contesto. Siamo intervenuti su più fronti: innovazione di prodotto, internazionalizzazione, ristrutturazione interna delle reti del gruppo con l’avvio di nuovi progetti e una forte attenzione al passaggio generazionale, potenziamento del progetto wealth management grazie all’ampliamento dei servizi. Tutto questo rafforzando il nostro modello di business, che colloca il promotore finanziario e il private banker al centro, essendo anche coinvolti in qualità di azionisti della società”.

È da un po’ che sembra esserci un innamoramento tra il mercato e Azimut.
Il buon feeling con il mercato, che credo sia destinato a durare, è basato sul rispetto degli impegni presi da parte del management della società: le cose che abbiamo detto le abbiamo sempre realizzate. Da quando ci siamo quotati, nel 2004, il titolo Azimut è cresciuto del +207%, muovendosi in modo diametralmente opposto rispetto al Ftse Mib, che è diminuito nello stesso periodo del 39%. Peccato che a puntare sul titolo Azimut siano soprattutto gli investitori esteri. Gli azionisti italiani rappresentano solo il 4%: lo spazio di sviluppo è, quindi, ancora ampio.

Com’è andato l’inizio dell’anno?
L’anno è iniziato molto bene e nei primi due mesi abbiamo registrato una raccolta netta di 573 milioni euro. Rappresentiamo un unicum in Italia, continuando a investire sia nella distribuzione che nella gestione. Siamo un operatore globale che, grazie anche alle competenze specifiche acquisite all’estero, continua a migliorare la sua capacità nella gestione, ad ampliare l’offerta con prodotti e servizi altamente innovativi, dedicando particolare attenzione alla clientela di fascia alta. Siamo fiduciosi di poter continuare il nostro percorso di crescita ma è difficile prevedere ora con esattezza quello che succederà da qui a fine anno, perché la variabile principale resta l’andamento dei mercati.

I vostri obiettivi su raccolta netta e consistenze patrimoniali per il 2013?
Raccogliere 1-1,5 miliardi di euro e tendere a quota 24 miliardi di patrimonio complessivo a fine 2013.

Quanti sono i vostri promotori finanziari? E cosa prevede ora il piano di reclutamento?
Il reclutamento è proseguito nel 2013 con 40 nuovi ingressi. Il nostro obiettivo è continuare a rappresentare il luogo ideale dove svolgere al meglio la professione. Non abbiamo piani di reclutamento. La nostra priorità è inserire professionisti, in tutte le zone d’Italia, di alto profilo, capaci e qualificati, che dispongano del necessario entusiasmo e spirito imprenditoriale per affrontare le sfide di oggi e di domani, qualunque siano le difficoltà del contesto in cui operare.

Possibili acquisizioni in vista?
Nessun nome o interesse particolare. Siamo però sempre attenti alle possibili opportunità che si possono presentare.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il deal Sofia fa bene alla raccolta di Azimut

Peninsula, dove investe il nuovo socio di Azimut

Azimut, Giuliani: “Credono in noi”

Azimut si rafforza con un nuovo socio

Azimut investe nell’olio biologico

Azimut prende 11 private banker da Fineco

I fondi di Sofia ora sono di Azimut

Azimut, nuovo socio in vista

Timone Fiduciaria salirà in Azimut

Azimut, frenata d’inizio anno

 Azimut, patto di sindacato in manovra

Azimut, l’estero sorregge la raccolta

Azimut e Banca Generali regine dei dividendi

Reclutamento, tre big in doppia cifra

Martini (Azimut CM): “I nostri piani per il ricambio generazionale”

Azimut CM, il 2018 parte a forza 20

Azimut, arriva il cedolone

Albarelli (Azimut): “Così lavora il nostro Global Team di gestori”

Azimut, marzo deboluccio

Le donne d’oro, Di Pietro (Azimut): “Contano i numeri”

Azimut, compreremo ancora

Azimut prende Bocchin

Secondo miglior utile della storia per Azimut

Azimut, Timone Fiduciaria punta a salire

Azimut, raccolta granitica a febbraio

Azimut punta sempre più sulla Cina

Un pezzo di Azimut in mano a BlackRock

Azimut, colpo in Lombardia

Azimut prende Sofia Sgr

Azimut, completato il piano mensile di acquisto di azioni

Azimut, i 3 ex supergestori all’attacco

Azimut, gennaio positivo per la raccolta

ConsulenTia18/Albarelli (Azimut): ” Con Mifid 2 i cf guadagneranno di più “

Ti può anche interessare

Arbitro della Consob, più di mille ricorsi in sei mesi

Il bilancio di un semestre di attività dell’Acf, l’organismo di risoluzione extra-giudiziale de ...

Incentivi, Albo e attività dei cf: così Ascosim risponde su Mifid 2

Un Ocf imparziale, indipendente e autonomo dalle varie associazioni di categoria. E poi l'attività ...

Sudtirol Bank ingaggia a Milano

L’istituto altoatesino guidato da Peter Mayr e Christian Lato recluta il consulente finanziario An ...