Promotori, Giuliani (Azimut): obiettivo, masse per 24 miliardi

A
A
A

Il numero uno parla dei target per il 2013. E su eventuali acquisizioni dice: siamo sempre attenti alle opportunità che si possono presentare.

Maria Paulucci di Maria Paulucci29 marzo 2013 | 10:09

L’APPETITO PER LA CRESCITA – “I risultati del 2012 sono il frutto del lavoro svolto negli ultimi anni”, dice il presidente e amministratore delegato di Azimut, Pietro Giuliani (nella foto). “Dopo il 2008 abbiamo modificato il nostro modo di lavorare reagendo prontamente, grazie alla nostra indipendenza e flessibilità, al mutato contesto. Siamo intervenuti su più fronti: innovazione di prodotto, internazionalizzazione, ristrutturazione interna delle reti del gruppo con l’avvio di nuovi progetti e una forte attenzione al passaggio generazionale, potenziamento del progetto wealth management grazie all’ampliamento dei servizi. Tutto questo rafforzando il nostro modello di business, che colloca il promotore finanziario e il private banker al centro, essendo anche coinvolti in qualità di azionisti della società”.

È da un po’ che sembra esserci un innamoramento tra il mercato e Azimut.
Il buon feeling con il mercato, che credo sia destinato a durare, è basato sul rispetto degli impegni presi da parte del management della società: le cose che abbiamo detto le abbiamo sempre realizzate. Da quando ci siamo quotati, nel 2004, il titolo Azimut è cresciuto del +207%, muovendosi in modo diametralmente opposto rispetto al Ftse Mib, che è diminuito nello stesso periodo del 39%. Peccato che a puntare sul titolo Azimut siano soprattutto gli investitori esteri. Gli azionisti italiani rappresentano solo il 4%: lo spazio di sviluppo è, quindi, ancora ampio.

Com’è andato l’inizio dell’anno?
L’anno è iniziato molto bene e nei primi due mesi abbiamo registrato una raccolta netta di 573 milioni euro. Rappresentiamo un unicum in Italia, continuando a investire sia nella distribuzione che nella gestione. Siamo un operatore globale che, grazie anche alle competenze specifiche acquisite all’estero, continua a migliorare la sua capacità nella gestione, ad ampliare l’offerta con prodotti e servizi altamente innovativi, dedicando particolare attenzione alla clientela di fascia alta. Siamo fiduciosi di poter continuare il nostro percorso di crescita ma è difficile prevedere ora con esattezza quello che succederà da qui a fine anno, perché la variabile principale resta l’andamento dei mercati.

I vostri obiettivi su raccolta netta e consistenze patrimoniali per il 2013?
Raccogliere 1-1,5 miliardi di euro e tendere a quota 24 miliardi di patrimonio complessivo a fine 2013.

Quanti sono i vostri promotori finanziari? E cosa prevede ora il piano di reclutamento?
Il reclutamento è proseguito nel 2013 con 40 nuovi ingressi. Il nostro obiettivo è continuare a rappresentare il luogo ideale dove svolgere al meglio la professione. Non abbiamo piani di reclutamento. La nostra priorità è inserire professionisti, in tutte le zone d’Italia, di alto profilo, capaci e qualificati, che dispongano del necessario entusiasmo e spirito imprenditoriale per affrontare le sfide di oggi e di domani, qualunque siano le difficoltà del contesto in cui operare.

Possibili acquisizioni in vista?
Nessun nome o interesse particolare. Siamo però sempre attenti alle possibili opportunità che si possono presentare.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, continua lo shopping in Australia

Azimut, il titolo piace a Credit Suisse

Azimut, ecco la newco dei 3 ex super gestori

Albarelli (Azimut): “Tanto sviluppo, tanto estero”

Azimut: “Piano di acquisto completato da 1.200 colleghi”

Azimut e Alfalah Investments lanciano un fondo sull’azionario pakistano

Azimut colpisce ancora in Australia

Azimut? Arriverà a 50 euro

Azimut, nei 9 mesi il secondo miglior utile di sempre

Bluerating in edicola: “Partiamo in vantaggio con la Mifid 2”

Azimut, rivoluzione nella gestione

Azimut, l’Australia traina la raccolta a ottobre

Colpo AlpenBank, ingaggiata Rita Ghigo

Fineco e le altre: è tempo di trimestrali

Azimut, alleanza in Medio Oriente

Azimut, l’estero fa bene al business

Azimut, è caccia grossa a 150 bancari “affluent”

Azimut, acquisizione in Iran

Azimut, BlackRock scende di nuovo sotto il 5%

Azimut CM festeggia il primo compleanno con 80 cf in più

Azimut Wealth Management sopra la soglia dei 10 miliardi

Lanzoni entra nella squadra di Azimut Wm a Genova

Azimut varca la soglia dei 4 miliardi

Azimut fa ancora shopping in Australia

Azimut, nuovo colpo in Australia

Personal branding: Azimut ti prende per mano

Investire sull’economia reale è un bene

Azimut festeggia il via libera dal Brasile

Azimut, Anima e FinecoBank: risparmio gestito sotto i riflettori a Milano

Azimut punta forte sul private equity

Blueindex: è tempo di trimestrali ma occhio al dollaro

Azimut, utile quasi raddoppiato

Acquisizione di Aletti Gestielle? Ecco la risposta di Azimut

Ti può anche interessare

Mainò (Nafop): “I commercialisti nell’Albo? Sì ma coi requisiti giusti”

Un commento e un’analisi del co-fondatore di Consultique e membro del consiglio direttivo di Nafop ...

Bank of America, Buffett è ora il primo azionista

Il finanziere americano ha convertito in azioni un warrant da 700 milioni ...

Reti, raccolta positiva ma in frenata

A giugno flussi netti positivi per 2,6 miliardi, contro i 3,7 miliardi di maggio. Bilancio semestral ...