Consulenti finanziari, in Gran Bretagna si va verso una fee unica

A
A
A

La Financial conduct authority (Fca) del Regno Unito ha avviato da tempo una iniziativa per rendere più trasparenti i costi dei prodotti del risparmio gestito

Luca Spoldi di Luca Spoldi20 giugno 2017 | 10:15

La Financial conduct authority (Fca) britannica dovrebbe pubblicare entro la fine di giugno un importante studio di mercato sull’asset management britannico, industria che gestisce quasi 7mila miliardi di sterline di patrimoni di investitori individuali e istituzionali. Già ora tuttavia sono noti alcuni dei risultati provvisori. Per la Fca la competizione sul prezzo resta debole “in numerose aree del settore”: mentre i prezzi dei fondi passivi sono calati, i prezzi dei fondi attivi “sono rimasti elevati” e “nonostante l’ampio numero di società operanti sul mercato, il settore dell’asset management ha registrato elevati e sostenuti profitti nel corso di molti anni”. Agli investitori britannici in particolare non sembrano essere chiari quali siano gli obiettivi dei differenti fondi e le performance dei fondi non sono sempre rapportate a benchmark adeguati, nota l’authority, preoccupata anche “del modo in cui i consulenti finanziari operano” su un mercato che vede un’ampia presenza di investitori istituzionali tra cui molti piccoli fondi pensione che “dipendono pesantemente dai consigli dei consulenti”.

Tra le soluzioni che la Fca sta valutando per migliorare la situazione oltre a una più decisa applicazione dell’obbligo per i gestori “di agire nel miglior interesse degli investitori” c’è anche la proposta di introdurre una commissione “all-in”, che renda più semplice per gli investitori comprendere i costi che vengono prelevati dal fondo in cui investono, così da identificare meglio il prodotto che fa al caso loro. Oltre alle commissioni di gestione tra gli oneri ricorrenti applicati dai gestori britannici rientrano infatti costi di custodia, di amministrazione, di contabilità, sui cambi, sul prestito titoli e sul “collateral management”, mentre tra gli oneri non ricorrenti accanto a commissioni di ingresso e di uscita si notano costi per le attività di intermediazione, commissioni di performance e imposte di bollo. Ma a quanto ammontano i costi applicati mediamente ai fondi britannici? Lo studio non distingue nel dettaglio tra commissioni di gestione, di performance o di altro tipo ma dà un numero sintetico: nel 2015 i fondi azionari sono costati mediamente l’1,5%, i bilanciati l’1,01%, gli obbligazionari lo 0,67%.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn12Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Cf, come aumentare la concentrazione sul lavoro

Sorpresa: anche i millennials preferiscono i cf in carne e ossa

ITForum Milano al via: si parla di Mifid 2, Albo e commercialisti

Consulenti finanziari, se ne parla a Mi Manda Rai Tre

Mainò (Nafop): “I commercialisti nell’Albo? Sì ma coi requisiti giusti”

Poste Italiane, cambiamenti in vista nella rete dei cf

Albo cf, arriva l’emendamento-sveglia per la Consob

Consulenti, a Verona si chiude il Fee Only Summit

Certificazione Efa, a ITForum eventi gratuiti per mantenerla

Consulenti e Fintech nell’era di Mifid 2: se ne parla alla Tol

Mifid 2, come cambieranno i consulenti finanziari

Efpa Meeting 2017, cala il sipario

Bufi (Anasf): cara Consob, chiariamo l’ambito di attività di autonomi e scf

Consulenti, Mainò (Nafop): il regolamento Consob? Tutto da riscrivere

Morgan Stanley Investment Management, al via l’Open Week

Incentivi, Albo e attività dei cf: così Ascosim risponde su Mifid 2

Azimut CM festeggia il primo compleanno con 80 cf in più

Mifid 2, tessera di riconoscimento per i cf

Reti, agosto da record per la raccolta

Contribuenti, occhio all’Iva

Consulenti finanziari, il tour di IWBank PI riparte da Napoli

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

Albo consulenti finanziari, tutte le prossime scadenze

Al via il roadshow autunnale 2017 targato Pictet AM

Percezione vs Realtà, al via il Fidelity Roadshow Autumn 2017

Mifid 2, i 5 punti chiave del nuovo regolamento consulenti

Mifid 2, Bufi (Anasf): “Ora massimo impegno per un nuovo Ocf”

Polizze, ai cf piace la multiramo

Consulenti, come lasciare il segno col personal branding

Consulenti, perché è necessario fare corsi e autoaggiornarsi

Giro d’Italia in 20 città per il Raiffeisen Experience Tour

Mifid 2 allarga i confini della consulenza, ma si rischia una Babele

Consulenti, la scadenza per iscriversi all’esame

Ti può anche interessare

Azimut, un altro colpaccio in Svizzera

Con Az Swiss & Partners compra SDB Financial Solutions e raggiunge circa 2 miliardi di euro di m ...

Assopopolari promuove le Lezioni di diritto costituzionale

Iniziativa culturale dell’associazione rappresentativa delle banche popolari che ha presentato i l ...

Regole Esma e Mifid 2, come vendere un fondo extra-europeo

Le linee guida per l'applicazione della direttiva europea sui servizi finanziari. Cosa dovranno fare ...