Crisi bancarie, Vegas (Consob): l’Italia paga a caro prezzo i suoi ritardi

A
A
A

“L’Italia oggi paga a caro prezzo i ritardi nella gestione del problema”, ha tuonato il presidente Consob intervenendo al Senato.

Maria Paulucci di Maria Paulucci20 giugno 2017 | 16:25

“La revisione della Crd IV e della Mifid dovrebbe includere una regola che preveda che taluni strumenti di debito bail-inable particolarmente complessi – per esempio le obbligazioni subordinate e i titoli ibridi – possano essere sottoscritti direttamente dagli investitori al dettaglio solo nel contesto di servizi di investimento che garantiscano l’applicazione del regime crisi bancariedell’adeguatezza bloccante – consulenza/gestione individuale – oppure, in via indiretta, nell’ambito di una gestione collettiva del risparmio”. Questa armonizzazione è una delle proposte avanzate dal presidente Consob Giuseppe Vegas (nella foto) nel corso dell’intervento presso la VI commissione permanente Finanze e Tesoro del Senato (qui le slide) in merito al cosiddetto “Pacchetto bancario”. Sul tavolo l’applicazione della Brrd, la Banking recovery and resolution directive emanata nel maggio 2014, che ha introdotto il principio del bail-in estendendo la condivisione degli oneri, in caso di difficoltà delle banche, alle obbligazioni ordinarie e ai depositi superiori a 100mila euro.

Nel novembre 2015 la Brrd è stata recepita nell’ordinamento italiano, con i decreti legislativi 180/2015 e 181/2015, entrando in vigore nel gennaio 2016 “senza un’adeguata fase di transizione”, ha sottolineato Vegas. Il presidente Consob è apparso molto critico verso le scelte dei governi italiani. “Fino al 2013”, ha detto, “tutti i principali Paesi Ue hanno risanato e ristrutturato profondamente i propri sistemi bancari con un massiccio ricorso a risorse pubbliche, mentre l’Italia non ha affrontato il problema se non facendo ricorso alle garanzie pubbliche sulle obbligazioni, anche se il nodo delle sofferenze stava già esplodendo. Dopo il 2013, il nuovo approccio adottato dalla Commissione Ue ha reso più difficile il sostegno pubblico al settore bancario. E oramai l’Italia ha ‘perso il treno’. Spagna e Irlanda, invece, hanno realizzato interventi che hanno portato a una profonda ristrutturazione di sistemi bancari che nel 2013 presentavano criticità anche più rilevanti rispetto all’Italia. Ciò mostra che la tempestività è un elemento centrale per la risoluzione delle crisi bancarie. L’Italia oggi paga a caro prezzo i ritardi nella gestione del problema”.

Banconote EuroQuanto all’applicazione in Italia della direttiva, Consob punta il dito contro la scelta di adottare la nuova disciplina con effetto retroattivo, scelta che “ha avuto un forte effetto distorsivo sull’ordinamento discendente dalla Mifid, determinando una sorta di ‘inadeguatezza sopravvenuta’ in un secondo momento rispetto al profilo di rischio del risparmiatore valutato anni prima in fase di emissione e collocamento. È auspicabile”, ha sottolineato quindi, “riconsiderare l’applicazione retroattiva delle norme relative al bail-in, ipotizzando soluzioni normative che impediscano il coinvolgimento degli strumenti finanziari emessi prima del primo gennaio 2016″. Consob propone inoltre l’esenzione per le obbligazioni ordinarie sotto i 100mila euro “o l’equiparazione ai depositi anche per ciò che attiene alla aggredibilità”, la revisione della norma sulle ricapitalizzazioni precauzionali e l’introduzione di limitazioni negli stress test, i quali “si basano su ipotesi che penalizzano le banche con modelli di business tradizionali e non valutano adeguatamente le esposizioni in attività finanziarie, assai contenute per le banche italiane”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il neo presidente della Consob: “Il bail-in ha funzionato”

Consob, al via l’era Nava

Crac De Asmundis, un rimborso chiamato desiderio

Radiazione sotto la Mole

D9 Clube, l’intervento di Consob

La sanzione a Venezia

Consob, stop a cinque siti abusivi

Stop di Consob a 8 società abusive

Radiata consulente nel pavese

Scure della Consob sul Credito Cooperativo Interprovinciale Veneto

Bonifici sospetti, sospeso un consulente finanziario

Consob, cartellino rosso a quattro società

La finanza digitale secondo Consob

Un poker di abusivi e una vecchia conoscenza…

Tre violazioni in punta di trading

Consob e Cattolica unite nella formazione

Società non autorizzate, altolà della Consob

Disco verde della Consob a Euromobiliare Advisory Sim

Cocktail di irregolarità, radiato un consulente

Consulenti, il (finto) limbo normativo in attesa dell’Albo

Regolamenti Intermediari, il punto di vista dei legali

Obblighi informativi Mifid 2, il richiamo di Consob

Acquisto senza comunicazione, Consob sanziona Guerini

Coppia di abusivi sotto la scure di Consob

La Consob segnala una sfilza di società abusive

Processo in corso, consulente sospeso

Ascosim: dopo Consob ecco la scuola per i consulenti

Tris di irregolarità, radiato un cf

Esma orienta, Consob recepisce

Regolamento intermediari, Bufi (Anasf): “Soddisfatti a metà, ecco perché”

Consob, arriva la sanzione per un broker abusivo

Offensiva Consob contro i broker abusivi

Fondi, la Mifid2 chi l’ha vista?

Ti può anche interessare

Polizze in banca, chi vigilerà su unit e index linked

Con l’arrivo della direttiva Idd, la competenza spetterà alla Consob per i prodotti venduti negli ...

Azimut, completato il piano mensile di acquisto di azioni

Ad oggi sono già state acquistate azioni per circa 13,9 milioni, di cui circa 2,1 milioni dal presi ...

Vegagest, clienti di Poste a raduno su Facebook

Iniziativa sul popolare social network di risparmiatori che hanno investito nel fondo immobiliare pr ...