San Marino, le banche ancora piene di buchi

A
A
A

Su 5 miliardi di euro di attivi, gli istituti di credito della Repubblica del Titano hanno ben 2 miliardi di sofferenze. Colpa, in buona parte, del crack di Delta.

Andrea Telara di Andrea Telara21 giugno 2017 | 09:18

Circa 2 miliardi di prestiti sofferenti (non performing loan-npl) su un totale di 5 miliardi di attivi. E’ questa, in sintesi, la situazione del sistema bancario di San Marino, in profonda crisi come attesta uno studio diffuso dalla Banca Centrale della stessa Repubblica del Titano. “I 2 miliardi di sofferenze sono inclusivi di 700 milioni di euro circa che Cassa di Risparmio di San Marino detiene nei confronti del Gruppo Delta, e che minano la capacità di generare profittabilità a conto economico del sistema”, recita un comunicato della Banca Centrale. Il Gruppo Delta è una società finanziaria che faceva capo alla Cassa di Risparmio di San Marino e che è finita nel crack nel 2009.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

San Marino, conti in rosso per la Cassa di risparmio

Ti può anche interessare

Polizze vita dormienti, l’Ivass chiede più tutele per gli assicurati

Iniziativa dell’authority per i contratti scaduti e non riscossi dai beneficiari. Richiesto un pia ...

SocGen sostiene i progetti green

Dal 10 al 17 di ottobre, due obbligazioni green zero coupon emesse da International Finance Corporat ...

Enasarco, come controllare se i contributi sono in regola

L’ente di previdenza degli agenti di commercio e dei consulenti finanziari mette a disposizione un ...