San Marino, le banche ancora piene di buchi

A
A
A

Su 5 miliardi di euro di attivi, gli istituti di credito della Repubblica del Titano hanno ben 2 miliardi di sofferenze. Colpa, in buona parte, del crack di Delta.

Andrea Telara di Andrea Telara21 giugno 2017 | 09:18

Circa 2 miliardi di prestiti sofferenti (non performing loan-npl) su un totale di 5 miliardi di attivi. E’ questa, in sintesi, la situazione del sistema bancario di San Marino, in profonda crisi come attesta uno studio diffuso dalla Banca Centrale della stessa Repubblica del Titano. “I 2 miliardi di sofferenze sono inclusivi di 700 milioni di euro circa che Cassa di Risparmio di San Marino detiene nei confronti del Gruppo Delta, e che minano la capacità di generare profittabilità a conto economico del sistema”, recita un comunicato della Banca Centrale. Il Gruppo Delta è una società finanziaria che faceva capo alla Cassa di Risparmio di San Marino e che è finita nel crack nel 2009.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

San Marino, conti in rosso per la Cassa di risparmio

Ti può anche interessare

All’ITForum IWBank Private Investments punta sulla formazione

In occasione dell’evento, la banca - pioniere nel trading online sui listini regolamentati e ai ve ...

False informazioni ai clienti, sospeso un consulente di Banca Mediolanum

Provvedimento dell’authority ai danni di un professionista originario di Savona. Le irregolarità ...

La banca deve informare se il rischio cresce

Un cliente lamenta il mancato avviso dell’aggravamento del rischio riguardo un titolo posseduto. C ...