Operazioni in derivati, c’è l’accordo tra Verona e UniCredit

A
A
A

Resta invece aperta la causa tra Verona e Merril Lynch, l’altra banca con cui – come ricorda l’agenzia di stampa Reuters – il Comune aveva stipulato i contratti.

di Redazione31 maggio 2013 | 08:14

ACCORDO RAGGIUNTO TRA VERONA E UNICREDIT – Accordo extragiudiziale raggiunto tra il Comune di Verona e UniCredit nell’ambito della causa sui derivati che vede contrapposta l’amministrazione cittadina e le banche. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters, che cita “una fonte vicina all’amministrazione comunale”, secondo la quale la chiusura del derivato – con un mark to market negativo per qualche milione di euro – è a completo carico della banca senza oneri per il Comune.

FRONTE APERTO CON MERRILL LYNCH – La parte del debito sottostante al contratto stipulato tra Verona e UniCredit è di 43 milioni di euro su un debito totale oggetto di operazioni in derivati pari a 256 milioni di euro. Il Comune di Verona è assistito dallo studio Iaquinta di Milano. Resta invece aperta la causa tra Verona e Merril Lynch, l’altra banca con cui – come ricorda sempre la Reuters – la città aveva stipulato i derivati.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Tra Poste e Anima si inserisce Cdp

Il Sole24Ore analizza i dettagli dell’accordo firmato la scorsa settimana tra il gruppo postale e ...

Il colpo di piccone di Widiba, arriva la Banca a 3D

L’a.d. della banca del gruppo Mps ha presentato a Milano il nuovo modello distributivo che sarà c ...

Richiesta antichi estratti conto negata al cliente, ma la banca ha torto

Domanda. La mia banca sostiene di non potermi dare gli estratti conto del 2003 e del 2004 perché so ...