Azimut, un altro colpaccio in Svizzera

A
A
A

Con Az Swiss & Partners compra SDB Financial Solutions e raggiunge circa 2 miliardi di euro di masse in gestione

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino26 giugno 2017 | 08:55

Secondo colpo di Azimut Holding in Svizzera. AZ Swiss & Partners S.A., emanazione del gruppo presieduto da Pietro Giuliani e guidato da Sergio Albarelli (nella foto), dopo l’acquisto nel 2016 di Sogenel Capital Holding, oggi ha infatti firmato un contratto di compravendita vincolante per l’acquisto dell’intero capitale sociale di SDB Financial Solutions S.A., che diventerà una controllata di AZ Swiss e continuerà ad essere guidata dall’attuale management team. Grazie a questa seconda acquisizione e alla crescita organica, AZ Swiss raggiunge 2 miliardi di franchi svizzeri (1,9 miliardi di euro) di masse in gestione dall’inizio delle sue attività nel luglio 2016.

AZ Swiss è stata fondata nel 2012 e a gennaio 2016 ha ricevuto l’approvazione dalla FINMA, l’autorità di vigilanza svizzera, per operare tramite una licenza in linea con lo Swiss Collective Investment Schemes Act (CISA). Oggi AZ Swiss gestisce 14 fondi UCITS, un fondo alternativo (inclusi 2 fondi in advisory) e gestioni patrimoniali per circa 90 clienti (con portafogli medi di 5-10 milioni di franchi svizzeri). Oggi la società conta 19 professionisti, di cui più di due terzi dedicati alla gestione degli investimenti.

SDB è stata fondata a Lugano nel 2008 da Alfredo Serica, e opera come società indipendente di asset management, in linea con lo OAD-FCT (Organismo di Autodisciplina dei Fiduciari del Cantone Ticino), oltre ad essere distributore autorizzato dalla FINMA. SDB offre i propri servizi a clientela istituzionale e privata e a fine maggio 2017 contava masse complessive per circa 490 milioni di franchi svizzeri (451 milioni di euro) con oltre 100 clienti e un team composto da 4 persone. La valutazione di SDB è basata su un multiplo dell’utile pro-forma 2016, aggiustato per una ristrutturazione che verrà completata dai venditori entro il 2017. In aggiunta alla componente fissa, le controparti hanno stabilito un normale aggiustamento di prezzo legato al raggiungimento di determinati obbiettivi nel lungo termine. Azimut ed il general manager di SDB, Gianluca Noce, hanno inoltre concordato di lavorare insieme per far crescere il business in Svizzera nel medio-lungo periodo.

Serica ha così commentato il deal: “Fin dall’inizio abbiamo sviluppato la base clienti di SDB in modo organico, ottenendo risultati solidi e costanti. Siamo felici di poter far crescere ulteriormente il nostro business unendo le forze con AZ Swiss & Partners. Il nostro impegno nel lungo periodo, il focus sulla performance, e gli elevati standard di servizio verso i nostri clienti rimarranno invariati”.

Albarelli ha commentato: “Un anno fa abbiamo annunciato la strategia in Svizzera basata su (1) la costruzione di una fabbrica prodotto per gestire fondi comuni e gestioni patrimoniali, (2) la creazione di una rete di distribuzione per investitori qualificati (HNWI e clienti istituzionali) e (3) il consolidamento di gestori indipendenti e private banker in Svizzera per sviluppare una piattaforma indipendente di wealth management. Come per altri paesi nel mondo dove siamo presenti, siamo fieri di poter mantenere le promesse e continuare ad ottenere ottimi risultati economici e di crescita. Continuiamo a credere che la nostra proposta sia attrattiva per molti professionisti di talento, desiderosi di far parte di una organizzazione internazionale ed indipendente come Azimut”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il deal Sofia fa bene alla raccolta di Azimut

Peninsula, dove investe il nuovo socio di Azimut

Azimut, Giuliani: “Credono in noi”

Azimut si rafforza con un nuovo socio

Azimut investe nell’olio biologico

Azimut prende 11 private banker da Fineco

I fondi di Sofia ora sono di Azimut

Azimut, nuovo socio in vista

Timone Fiduciaria salirà in Azimut

Azimut, frenata d’inizio anno

 Azimut, patto di sindacato in manovra

Azimut, l’estero sorregge la raccolta

Azimut e Banca Generali regine dei dividendi

Reclutamento, tre big in doppia cifra

Martini (Azimut CM): “I nostri piani per il ricambio generazionale”

Azimut CM, il 2018 parte a forza 20

Azimut, arriva il cedolone

Albarelli (Azimut): “Così lavora il nostro Global Team di gestori”

Azimut, marzo deboluccio

Le donne d’oro, Di Pietro (Azimut): “Contano i numeri”

Azimut, compreremo ancora

Azimut prende Bocchin

Secondo miglior utile della storia per Azimut

Azimut, Timone Fiduciaria punta a salire

Azimut, raccolta granitica a febbraio

Azimut punta sempre più sulla Cina

Un pezzo di Azimut in mano a BlackRock

Azimut, colpo in Lombardia

Azimut prende Sofia Sgr

Azimut, completato il piano mensile di acquisto di azioni

Azimut, i 3 ex supergestori all’attacco

Azimut, gennaio positivo per la raccolta

ConsulenTia18/Albarelli (Azimut): ” Con Mifid 2 i cf guadagneranno di più “

Ti può anche interessare

Fineco, 200 milioni da UniCredit

La banca guidata da Alessandro Foti ha emesso un prestito obbligazionario perpetuo interamente sotto ...

Mifid 2, disguidi in partenza per i consulenti delle banche

Secondo il quotidiano Mf, diversi advisor degli istituti di credito non possono più fornire da soli ...

Mps, quasi un quarto dei ricavi dal wealth management

Trimestrale positiva per la banca toscana, che torna all’utile per 188 milioni ...