Promotori, ecco tutte le scadenze fiscali da qui a fine anno

A
A
A

Anasf ha pubblicato un vademecum con tutti gli adempimenti fiscali previsti dall’attività di promotore finanziario, per essere sempre in regola con gli oneri contributivi.

di Redazione27 giugno 2013 | 07:55

LE SCADENZE 2013 – Dai versamenti periodici dell’Iva al saldo di Irpef e Irap: Anasf ha pubblicato online lo scadenziario degli adempimenti fiscali previsti per il 2013 per chi esercita l’attività di promotore finanziario.

8 LUGLIO  – Si parte l’8 luglio con il saldo 2012 e l’acconto 2013 di Irpef e Irap. Il versamento, ricorda l’associazione nazionale promotori finanziari, deve essere effettuato tramite il modello F24 utilizzando i codici 4001 per il saldo Irpef; 4033 per l’acconto della prima rata 2013 dell’Irpef; 3800 per il saldo Irap e 3812 per l’acconto della prima rata 2013 dell’Irap. Per chi paga entro il termine dell’8 luglio non sono previste maggiorazioni, mentre per chi paga tra il 9 luglio e il 20 agosto 2013 ci sarà una maggiorazione dello 0,4%. Gli importi sono suddivisibili in un massimo di sei rate.

31 LUGLIO – La seconda scadenza fiscale, fissata per il 31 luglio, è quella del Modello 770/2013: in questo caso, scrive l’Anasf, per il periodo di imposta in corso va presentata in via telematica all’Agenzia delle Entrate la dichiarazione del modello semplificato (dichiarazione del sostituto di imposta per le ritenute effettuate su redditi da lavoro dipendente, equiparati ed assimilati, indennità di fine raporto, redditi da lavoro autonomo, provvigioni erogate ai dipendenti, ai collaboratori e ai lavoratori autonomi). Per quanto riguarda invece il periodo di imposta 2012 va presentato – sempre per via telematica – il modello ordinario (dichiarazione del sostituto di imposta per le ritenute effettuate su dividendi, proventi da partecipazione, redditi da capitale erogati a persone fisiche) relativo appunto al periodo di imposta 2012.

30 SETTEMBRE E 2 DICEMBRE – Dopo l’estate sarà poi la volta della presentazione, entro il 30 settembre,  dei modelli Irap e Iva 2013 (relativi all’anno 2012) e del Modello Unico persone fisiche 2013. Il 2 dicembre scade invece il termine per il versamento della seconda rata di acconto Irpef e Irap relativamente al periodo d’imposta 2013: i codici tributo da utilizzare nella compilazione del modello F24 sono in questo caso 4034 per il secondo acconto Irpef e 3813 per il secondo acconto Irap.

27 DICEMBRE – Infine il 27 dicembre ci sarà il versamento – sempre tramite modello unificato F24 – dell’acconto Iva, relativa al mese di dicembre per i contribuenti mensili (codice tributo 6013) e al trimestre ottobre-dicembre per i contribuenti trimestrali (codice tributo 6035). L’acconto, ricorda Anasf, non deve essere versato se l’importo è inferiore a 103,29 euro.

VERSAMENTI PERIODICI DELL’IVA – Per i contribuenti mensili (volume d’affari superiore a 400.000 euro il versamento deve essere effettuato entro il giorno 16 del mese successivo, mentre per i contribuenti trimestrali (volume d’affari inferiore o uguale a 400.000 euro il versamento – maggiorato dell’1% a titolo di interessi – deve essere effettuato entro il giorno 16 del secondo mese successivo alla chiusura del trimestre. Se l’importo non supera l’ammontare di euro 25,82 il versamento deve essere effettuato insieme a quello relativo al mese/trimestre successivo.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Banco Bpm supera l’esame della Bce

Il gruppo Banco BPM, informa una nota, supera ampiamente i requisiti previsti dal processo annuale d ...

Bluerating AWARDS, ecco i cf Credem

La rete del gruppo Credem ha indicato i nomi dei professionisti che concorreranno per il premio fina ...

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con le tecniche di comunicazione a distanza

La risposta esatta alla domanda pubblicata ieri, a proposito delle società per azioni, era quella c ...