Fineco, un assegno da 112 milioni di euro

A
A
A

La società guidata da Alessandro Foti ha distribuito alla controllante UniCredit un assegno da 111,8 milioni di euro a valere sui 125,4 milioni di utile netto del 2012.

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino28 giugno 2013 | 06:15

MAXI DIVIDENDOFinecoBank beneficia la controllante Unicredit con un maxiassegno di ben 111,8 milioni di euro. A tanto ammonta, infatti, il dividendo che l’assemblea della banca online guidata da Alessandro Foti e controllata dall’istituto di Piazza Cordusio ha deciso di distribuire all’unico azionista a valere sui 125,4 milioni di utile netto del 2012: il profitto restante è stato destinato per 6,2 milioni alla riserva legale, per 2,2 milioni a erogazioni liberali, per 165.691 euro alla riserva da utili indisponibile e per i restanti 4,9 milioni alla riserva da utili.

PROFITTO RADDOPPIATO – Balza agli occhi che anno su anno il profitto di FinecoBank è  praticamente raddoppiato, visto che nel 2011 l’utile era stato di 62,7 milioni. Particolarmente significativa la circostanza che seppure le commissioni nette siano diminuite tra il 2011 e il 2012 da 155,21 a 143,6 milioni, il margine d’interesse – vero indicatore dello stato di salute di una banca – è lievitato da 133,6 a 143,6 milioni e il margine di intermediazione è migliorato da 303 a 415,1 milioni. “L’utile netto – dice la relazione sulla gestione – evidenzia un raddoppio rispetto al 2011. La crescita è stata trainata dall’incremento del margine di intermediazione, in particolare del margine di interesse, che ha più che compensato le minori commissioni generate dall’attività di negoziazione e di internalizzazione a seguito della riduzione dei volumi negoziati e delle transazioni che hanno coinvolto tutti i mercati finanziari”. A livello di aggregati patrimoniali la raccolta totale da clientela ha raggiunto i 39,9 miliardi con un incremento del 14% sul 2011: il numero dei conti correnti in vita era pari a fine 2012 a 661.000, con una media di raccolta totale di oltre 60.000 euro.

LA RETE DI PROMOTORI FINANZIARI – Il bilancio 2012 di FinecoBank si sofferma anche sull’importante ruolo la rete dei promotori finanziari che l’anno scorso ha raccolto nel gestito 1,6 miliardi e 2,2 miliardi nel servizio di advisory. La banca guidata da Foti ha puntato nel 2012 sui promotori reclutandone 91 e inserendo 61 neofiti provenienti dal “Progetto giovani”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Collaborazione volontaria: Azimut ne parla a Roma, Torino e Milano

COLLABORAZIONE VOLONTARIA 2.0 – Tre appuntamenti per approfondire la nuova edizione della pro ...

La Consob colpisce in Sardegna, radiato consulente finanziario

Provvedimento dell'authority ai danni di un professionista originario di Arzachena (Ot). ...

Popolare di Vicenza, già 10mila soci chiedono il rimborso

Secondo il quotidiano Mf, migliaia di azionisti hanno già accettato l'offerta di indennizzo attorno ...