Crediti deteriorati, 20 banche sotto la lente di Bankitalia

A
A
A

Per otto di questi venti gruppi le verifiche sono state estese a tutto il portafoglio crediti. L’attività ispettiva continuerà durante tutto il 2013.

di Redazione30 luglio 2013 | 10:30

BANKITALIA TIENE D’OCCHIO LA QUALITA’ DELL’ATTIVO – Sono una ventina i gruppi bancari tenuti sotto stretta sorveglianza dalla Banca d’Italia per quanto riguarda la qualità dei crediti. E’ quanto emerge dall’analisi dei prestiti deteriorati condotta da Via Nazionale, che identifica appunto 20 istituti grandi e medi “il cui tasso di copertura era inferiore alla media o aveva registrato diminuzioni significative”. Per questi gruppi l’analisi a distanza, precisa Bankitalia, “è stata seguita, nell’autunno del 2012, da uno specifico ciclo di ispezioni mirate a valutare dettagliatamente l’adeguatezza delle rettifiche di valore sui crediti deteriorati ed esaminare le politiche e le prassi aziendali adottate in materia”.

IL 40% DEL TOTALE DEI CREDITI DETERIORATI – Ai gruppi ispezionati “fa capo circa il 40% del totale dei crediti deteriorati del sistema”. Anche per questo Via Nazionale seguirà “con particolare attenzione” l’adozione da parte di questi istituti “delle iniziative correttive richieste”. Per 8 dei 20 gruppi esaminati “le verifiche sono state estese a tutto il portafoglio crediti, interessando in alcuni casi l’intera operatività del soggetto vigilato. In questi casi le verifiche ispettive in loco sono ancora in corso”. L’azione di monitoraggio sulla qualità degli attivi bancari e sul livello delle rettifiche non si fermerà qui, anzi: Palazzo Koch precisa che “continuerà nel corso del 2013” e che “è già stata estesa ad altri gruppi attraverso l’attività ispettiva ordinaria” . Inoltre tale azione “sarà coordinata con analoghi esercizi condotti in sede internazionale”.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Bufi (Anasf): “Perché la Mifid 2 avvantaggia noi cf”

Il presidente dell’Anasf ospite alla trasmissione Mercati che fare di Banca Mediolanum: “La dire ...

Un pezzo di Azimut in mano a BlackRock

Le comunicazioni della Consob attestano una partecipazione di quasi il 7,8% del gruppo americano nel ...

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Che Londra, l’hub finanziario più importante d’Europa, sia tra le città dove affittare un uffi ...