Banche d’affari Usa, in 50 mila rischiano il posto

A
A
A

Secondo gli esperti, la parte più corposa della riduzione d’organico deve ancora avvenire, nonostante una crescita degli utili delle sei maggiori banche d’affari di Wall Street a livelli che non si vedevano dal 2007.

di Redazione31 luglio 2013 | 07:39

A WALL STREET LA CURA DIMAGRANTE ANDRA’ AVANTI – Avete sempre sognato di lavorare a Wall Street, sperando magari di diventare un giorno come Gordon Gekko, protagonista dell’omonimo film di Oliver Stone del 1987? Forse fareste meglio a riporre il vostro sogno in un cassetto definitivamente. Secondo la società di consulenza Meredith Whitney Advisory Group infatti, la parte più consistente della riduzione di forza lavoro a Wall Street deve ancora vedersi. 

DIVENTARE PIU’ EFFICIENTI – In un’intervista a Bloomberg Television la stessa Meredith Whitney ha ammesso: “Non è divertente, è penoso ma occorre ridurre drasticamente le dimensioni e diventare più efficienti su ogni singola linea di business” e questo probabilmente comporterà almeno altri 50 mila posti di lavoro persi in futuro per riportare il numero degli addetti a un livello sostenibile con i profitti (che peraltro nella prima parte del 2013 sono risaliti, per le prime sei banche d’affari americane, a 43,3 miliardi, il massimo dal 2007, in parte proprio grazie al taglio dei costi già varato).

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Cernobbio, Mustier (UniCredit): “I conti funzionano”

Il ceo dell'istituto di piazza Gae Aulenti si è poi detto molto positivo sull'andamento dell'econom ...

Reti e gestori, commissioni di performance sotto pressione

Report di Mediobanca in vista delle prossime semestrali. Le fee di risultato saranno in calo per col ...

Arriva anche in Italia il Brexit Navigator di Aon

Si tratta di una soluzione in tre fasi progettata per supportare le aziende internazionali che opera ...