Fondi e prodotti assicurativi fanno bene all’utile di Banca Fideuram

A
A
A

Il gruppo guidato dal presidente Enrico Salza e dall’a.d. Matteo Colafrancesco ha registrato un semestre denso di segni più.

Gianluca Baldini di Gianluca Baldini31 luglio 2013 | 15:32

RADDOPPIATA LA RACCOLTA NETTAEnrico Salza, ha approvato oggi la relazione semestrale consolidata al 30 giugno 2013. L’amministratore delegato di Banca Fideuram Matteo Colafrancesco commentando i risultati ha sottolineato: ”I dati di questo semestre evidenziano che la nostra crescita prosegue ad un ritmo sostenuto su tutti i fronti. Abbiamo più che raddoppiato la raccolta netta, i flussi di risparmio gestito in generale, ed assicurativo in particolare, conoscono una forte accelerazione, l’attività di reclutamento si mantiene molto intensa. Generiamo un utile crescente grazie alle nostre attività “core”, come dimostra l’andamento delle commissioni nette ricorrenti. Questo rende ancora più tangibili le nostre prospettive di creazione di valore sostenibile e durevole.”

1,6 MILIARDI DI RACCOLTA – Nel primo semestre 2013 l’attività commerciale ha registrato una raccolta netta di 1,6 miliardi di euro, in aumento di 946 milioni rispetto ai primi sei mesi dello scorso esercizio (+ 135%). Si rileva l’ottimo andamento della componente di risparmio gestito che ha mostrato una forte crescita rispetto ai primi sei mesi del 2012 (+3,4 miliardi) soprattutto per effetto della nuova raccolta in fondi comuni e prodotti assicurativi. Al 30 giugno 2013 le masse amministrate dal gruppo Banca Fideuram erano pari a 80,4 miliardi, in aumento di 1,1 miliardi (+ 1,4%) rispetto al 31 dicembre 2012. Tale risultato è riconducibile all’andamento positivo della raccolta netta (1,6 miliardi), solo in parte ridotto dalla performance di mercato (- 0,5 miliardi). La componente di risparmio gestito, pari a 62,5 miliardi (77,6% delle masse totali) è aumentata di 3,3 miliardi (+ 5,6%) rispetto al saldo di fine 2012. Al 30 giugno 2013 il numero complessivo dei private banker delle reti Banca Fideuram e Sanpaolo Invest si è attestato a 5.097 (5.082 al 31 dicembre 2012 e 4.980 al 30 giugno 2012).

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Più smartworking per i dipendenti di Crédit Agricole Italia

La possibilità del “lavoro agile” interessa un bacino di circa 2500 dipendenti. ...

Mps, via libera al salva-banche

Disco verde definitivo al decreto che disciplina la ricapitalizzazione degli istituti in crisi. ...

Consulenti e private, il poker che fa gol

Azimut, Banca Generali, Finecobank e Banca Mediolanum hanno potenziale di crescita. Lo sostiene un n ...