Multa da 70mila euro per un ex pf che ha violato gli obblighi informativi

A
A
A

Tutto è cominciato con tre segnalazioni inviate alla Consob da cui è emerso che qualcuno stava svolgendo un’attività di “sollecitazione” in investimenti…

di Redazione2 settembre 2013 | 06:30

TRA BRASILE E FOTOVOLTAICO – Due pagine di blog sospette e una violazione, che la Consob ritiene accertata, degli obblighi informativi. È così che è scattata la sanzione amministrativa pecuniaria, per una cifra di 70mila euro, nei confronti di Paolo Barrai, ex promotore finanziario, accusato dalla Consob di non aver rispettato gli obblighi informativi previsti dall’articolo 97, comma 4, del decreto legislativo 58 del 24 febbraio 1998. La vicenda, secondo la delibera 18579, ha avuto inizio così: in seguito a tre segnalazioni inviate alla Consob il 6 marzo 2010, è emerso che qualcuno stava svolgendo un’attività di “sollecitazione” in investimenti in campo immobiliare e del fotovoltaico sulle pagine dei blog http://mercatoliberovainbrasile.blogspot.com/2009/11/progetto-mercato-libero-village e http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com/2010/03/scusatelassenza-partono-due-progetti.

LE VERIFICHE DELLA CONSOB
– Dalle verifiche svolte dalla divisione ispettorato il 15 e il 17 marzo 2010, è emerso che dalle pagine citate, entrambe riconducibili al blog denominato “Mercato Libero” il cui ideatore corrispondeva appunto a Paolo Barrai – nato a Milano il 28 giugno 1965, iscritto all’Albo dei promotori finanziari con delibera 15987 del 19 giugno 2007 e cancellato con delibera 16595 del 19 agosto 2008 – sembrava che l’uomo stesse pubblicizzando due proposte di investimento. La prima faceva riferimento a un investimento immobiliare in Brasile. La formula avrebbe garantito una rendita del 5% sul valore di acquisto dell’immobile per tre anni, con possibilità di rinegoziazione al termine del periodo. A fronte di tale rendita, l’investitore si sarebbe impegnato a utilizzare l’immobile esclusivamente per 10 settimane l’anno, lasciando al gestore l’uso per le restanti 42. Il secondo investimento riguardava la formazione di un “nucleo di azionisti” di circa 40/50 soci per la costituzione di una società avente lo scopo di realizzare una centrale fotovoltaica.

UNA “MULTA” DA 70MILA EURO
– Da qui è partito uno scambio di richieste e tentativi di chiarimento tra la Consob e Barrai, a seguito del quale tra il 16 e il 28 novembre 2011 la Consob ha potuto appurare che un annuncio pubblicitario sotto forma di banner reindirizzava l’utente alla pagina del blog contenente alcune immagini riguardanti la realizzazione e l’allacciamento dell’impianto fotovoltaico e che Barrai risultava non avere adempiuto all’impegno, assunto con la vigilanza il 4 maggio 2010, di comunicare sul blog che la medesima iniziativa non era – né sarebbe stata – realizzata. Anzi: Barrai sembrava avere realizzato il progetto, di cui venivano pubblicate alcune immagini sul blog. In seguito, nelle varie fasi del procedimento, Barrai non ha presentato documenti in sua difesa. Alla fine, la Consob ha ritenuto accertata la violazione contestata e ha erogato la sanzione amministrativa pecuniaria di 70mila euro.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

B.Mediolanum, cala l’utile e rallenta la raccolta

Utile sceso del 30% anno su anno mentre la raccolta cala del 20% circa. Quasi il 90% degli afflussi ...

Deutsche Bank bocciata da S&P

Taglio del rating per il gruppo tedesco da parte dell’agenzia statunitense ...

Addio a Enzo Escalona, padre nobile della professione

Fu manager di rete di grande livello in Fida/UniCredit Sim (oggi FinecoBank) a cavallo tra gli anni ...