Credem, l’addio di Duccio Marconi

A
A
A

All’uscita dell’ex direttore commerciale si accompagna, sempre in questi giorni, quella del regional manager della Lombardia Tino Bosoni. Secondo indiscrezioni, la probabile destinazione di Marconi sarebbe CheBanca!

Chiara Merico di Chiara Merico3 luglio 2017 | 15:20

Duccio Marconi lascia il Credem: la notizia è stata confermata dall’azienda, che sempre oggi ha ufficializzato la nomina di Moris Franzoni a direttore commerciale, come anticipato da Bluerating.com (leggi qui). Secondo indiscrezioni, la probabile destinazione del manager sarebbe CheBanca! All’uscita di Marconi si accompagna, sempre in questi giorni, quella del regional manager della Lombardia Tino Bosoni, alla quale è seguita, a quanto risulta a Bluerating.com, quella di altri sei consulenti della rete.

La società sottolinea che la rete guidata dal nuovo responsabile Moris Franzoni, che riporta al coordinatore delle reti di private banking e consulenza finanziaria Matteo Benetti, ha recentemente superato a maggio 6 miliardi di euro di masse totali e 580 consulenti finanziari. Dopo gli oltre 80 ingressi nel 2016, nei primi cinque mesi dell’anno sono già 30 i consulenti reclutati e  il portafoglio medio della rete ha superato 10 milioni di euro. Entro il 2018 l’obiettivo è proseguire nella strategia di crescita attraverso il reclutamento di 120 consulenti finanziari e l’apertura di 10 negozi finanziari dedicati per raggiungere quota 700 consulenti ed i 50 punti vendita. “I primi 5 mesi del 2017, con l’ingresso di 30 nuovi consulenti finanziari e una raccolta netta di circa 300 milioni di euro, confermano il trend di sviluppo della rete dell’ultimo triennio grazie a 2 principali driver: innalzamento del livello qualitativo della rete e la prosecuzione dell’attività di sviluppo della stessa”, ha dichiarato Matteo Benetti, coordinatore delle reti di private banking e consulenza finanziaria Credem. “In particolare mi fa piacere concentrare l’attenzione sull’innalzamento del livello qualitativo dei nostri consulenti finanziari ottenuto grazie a un’intensa attività formativa che abbiamo inaugurato 18 mesi fa e che inizia a dare i risultati attesi. E’ importante sottolineare come per un modello integrato nella banca commerciale, innalzare il livello qualitativo non significhi aumentare il portafoglio medio, ma mettere le persone nelle condizioni di saper offrire alla clientela tutti i servizi che solo un modello come il nostro può garantire. La qualità del consulente non va valutata solo sulla base del portafoglio gestito in quanto è come la persona eroga la consulenza che ne misura la qualità nel medio periodo. Con la Mifid 2 alle porte e i mercati finanziari su livelli record un’eccessiva focalizzazione all’asset allocation comporta rischi professionali troppo elevati e solo coprendo tutte le esigenze della clientela il consulente finanziario moderno può superare questo momento di forte discontinuità. Già oggi i nostri consulenti finanziari hanno a disposizione oltre 50 advisor con varie specializzazioni dal real estate, alle tematiche di passaggio generazionale della ricchezza al supporto all’attività più classica di gestione dei portafogli della clientela. Per Credem la consulenza finanziaria rappresenta uno dei principali canali di sviluppo della banca per la quale già oggi incide per il 20% della raccolta e il 23% del gestito”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Credem, utile in crescita per la holding

I fondi di Capital Group nella rete del Credem

Credem, Euromobiliare Am Sgr diventa management company per la Sicav lussemburghese

Credem chiude il 2017 con 21 nuovi ingressi

Janus Henderson, coppia di sicav nella rete del Credem

Credem ingaggia Tinti e va a caccia di 130 consulenti finanziari

Credem, corre l’utile del leasing

Credem, Moody’s conferma il rating

Credem supera l’esame della solidità patrimoniale

Consulenza, Credem mette il turbo

Consulenti, è guerra tra Credem e CheBanca!

Credem, Alfieri nominata amministratore

Credem, S&P conferma il rating

Recruiting cf: B. Generali ride, Credem no

Euromobiliare strappa un manager a Symphonia Sgr

Franzoni (Credem): “Nuove regole? La nostra rete è pronta”

Credem, se ne va un consigliere

Credem assume un esercito di giovani

Banca Generali prende due private a Carrara

Credem, campagna acquisti tra i private banker

Credem si affida a Petrisano in Calabria

Franzoni (Credem): “Il modello vincente? L’integrazione banca-rete”

Credem punta sulla Capitale

Credem punta sulla Lombardia

Credem positivo dopo la trimestrale

La rete del Credem perde altri tre pezzi in Calabria

La rete Credem perde il numero 1 della Campania

Credemtel rileva il 20% di Sata

Consulenti, Credem punta sulla Liguria con Solinas

Credem emette un bond da 100 milioni

Credem, terremoto nella rete

Cf Credem, gestito per vocazione

Indicazioni positive per Credem

Ti può anche interessare

Banca Generali, il Cfo & Strategy è Di Russo

L'istituto guidato dall'a.d. Gian Maria Mossa ha scelto il Chief Financial Officer e Strategia. Prov ...

Consulenti, come conquistare la clientela

Di seguito l’intervento di Maria Grazie Rinaldi, head hunter e psicologa iscritta all’Albo che s ...

Congressi Anasf, gli eletti in Trentino Alto Adige, Piemonte, Valle d’Aosta e Umbria

I risultati nelle ultime 4 regioni che hanno votato per il rinnovo degli territoriali ...