Liso (Deutsche Am): “Restituiamo il tempo ai nostri clienti”

A
A
A

Isabella Liso, strategic beta Southern Europe di Deutsche Am, illustra Strategy Portfolios, un nuovo servizio di consulenza per la costruzione dei portafogli.

di Redazione12 luglio 2017 | 10:26

Si chiama Stategy Portfolio ed è un nuovo servizio di consulenza lanciato da Deutsche Asset Management per la costruzione
e gestione del portafoglio. Ne parla a BLUERATING Isabella Liso (nella foto), strategic beta Southern Europe della società.

Dottoressa Liso, in gennaio 2018 entrerà in vigore la nuova direttiva MifiD II per gli strumenti finanziari. Quali saranno secondo lei le principali conseguenze?

Le conseguenze per i gestori di portafoglio in base alle Mifid II saranno molte e stringenti. Verrà elevata la protezione degli investitori, ma allo stesso tempo sia per i gestori patrimoniali che per i consulenti ed anche per le banche, la normativa e gli oneri amministrativi subiranno un incremento significativo.

 

Perchè?

Facciamo alcuni esempi: a partire dal prossimo anno i gestori devono rendere il loro compenso trasparente, e questo vorrà dire produrre molta più documentazione. Inoltre il ruolo dei consulenti diventerà molto più impegnativo in quanto dovranno monitorare costantemente la conformità del prodotto alle esigenze del cliente, in altri termini dovranno garantire che in ogni momento i prodotti risultino adeguati per i clienti e viceversa.

…e tutto ciò deve esseere documentato, giusto?

Esattamente. E ancora: in caso di consulenza indipendente non si potrà ricevere alcun tipo di remunerazione dalle case prodotto. Questo sarà permesso solo per la consulenza dipendente ma bisogna dimostrare di dare e fornire del valore aggiunto al cliente. Inoltre anche la ricerca diventerà a pagamento in futuro, e questo vuol dire che per l’intera industria ci sarà meno tempo a disposizione e maggiori costi.

 

E quindi quale è la soluzione?

La domanda è, quale parte del servizio offerto dai gestori patrimoniali può essere delegato esternamente senza perderne in qualità. Con i nuovi Strategy Portfolio noi possiamo offrire ai nostri clienti una soluzione facile da usare, con le competenze e l’esperienza di un player globale. In questo modo loro possono guadagnare e ottenere tempo per compiti e adempimenti molto importanti quali il supporto per il cliente finale, e la ricerca d nuovi clienti.

 

Cosa c’è esattamente dietro gli Strategy Portfolio?

Gli Strategy Portfolio sono essenzialmente un servizio di consulenza che può essere utilizato dai gestori di portafoglio, dalle banche o dai family office. Questi clienti riceveranno i nostri Portafogli Multi Asset che potranno essere utilizzati per i loro clienti finali all’interno della loro strategia di investimento. I portafogli gestiti attivamente comprendono dai 10 ai 20 ETF, in questo modo è possibile replicare un portafoglio globale multi asset in modo relativamente semplice, coprendo tutte le maggiori classi di investimento.

E come si presenta in concreto un progetto per un portafoglio Multi – Asset?

Si tratta di una lista di nomi, ISIN e pesi di ciascun fondo, in modo che il nostro cliente possa replicare la strategia selezionata e aggiustarla come preferisce. Inoltre i clienti avranno accesso al nostro Portfolio Portal, dove saranno pubblicati report e informazioni dettagliate sulle nostre decisioni di investimento. Su questo portale, accessibile solo ai clienti degli Strategy Portfolio, verrà fornita tutta la nostra expertise di asset manager globale.

Una lista di circa 15 fondi- sembrerebbe un po‘ pochino…

Ma non lo è, anzi al contrario. Questa lista è un concentrato di expertise di 580 analisti ed esperti di mercato che lavorano per Deutsche Asset Management globalmente. E permette ai nostri clienti di costruire un portafoglio efficiente di Etf per i propri clienti, che non devono rivolgersi alla nostra azienda. In questo modo con soli 15 ETF si possono ottenere portafogli che traducono la view della casa. Quindi non ci si deve più preoccupare di quante azioni o quanti bond sono necessari per bilanciare il proprio profilo di rischio. Tutto ciò fornisce ai nostri clienti un enorme vantaggio in termini di tempo. E inoltre in questo modo possono avere un accesso più veloce al mercato, dove la competizione è davvero molto serrata.

 Cosa accade con l’esecuzione degli ordini? In pratica chi compra o vende gli ETF?

La banca o il gestore che usa i nostri Strategy Porfolio, gestisce in totale autonomia gli ordini. In alcuni casi e per specifiche tipologie di wrapper, vedi mandato o fondo, pensiamo noi anche all’esecuzione degli ordini.

Quali sono i principi di investimento secondo cui sono costruiti i portafogli?

L’approccio multi asset dei portafogli consente di ottenere dei risultati soddisfacenti a fronte di un rischio ragionevole, perfino in condizioni di mercato difficili. Gli esperti di Deutsche Asset Management, analizzando continuamente i mercati e le strategie di investimento alla base degli Strategy Portfolio. Banche, promotori, e gestori di portafoglio possono facilmente offrire ai loro clienti una o più sofisticate soluzioni multi asset a costi interessanti. Offerta che sarebbe difficilmente raggiungibile altrimenti, soprattutto per piccole case di investimento.

Cosa possiamo dire sui costi?

Una caratteristica fondamentale è che i portafogli sono costituiti prevalentemente da ETF. Questo vuol dire che riusciamo ad ottenere una larga ed importante diversificazione con prezzi molto favorevoli. Gli ETF consentono, infatti, agli investitori di accedere in modo facile a tutti i mercati e a tutte le asset class, con alta trasparenza e liquidità. Così si può entrare ed uscire dal mercato quando si vuole. Inoltre gli ETF sono anche significativamente più a buon mercato dei fondi attivi, e questo vantaggio di costo può essere, se lo si desidera, trasmesso all’investitore finale.

Quindi cosa ottiene un gestore esattamente?

Si riesce così a salvare tempo e risorse. Non tutti hanno dozzine di analisti che li tengono informati circa gli sviluppi imporanti e gli investimenti di mercato. Analizzare il mercato, ed ottenere portafogli globali, porta via molto tempo. Occupandoci parzialmente o totalmente di questa perte di lavoro, consentiamo di focalizzarsi sui clienti e e sulla loro acquisizione.

Ma in questo modo i gestori non potrebbero essere preoccupati di non sviluppare la propria strategia, e indirizzare i clienti ad una strategia di Deutsche Asset Management?

Non credo proprio, anzi molti clienti finali sono contenti di sapere che i propri gestori patrimoniali hanno un partner così forte a loro disposizione. Molti nostri clienti sottolineano la propria offerta come “in cooperazione con Deutsche Asset management” e questo è un ottimo selling point per loro.

Per chi è particolarmente indicato lo Strategy Portfolio?

Noi sappiamo, attraverso le conversazioni che abbiamo avuto con in nostri clienti, che molte piccole case di investimento stanno soffrendo molto per l’arrivo della nuova regolamentazione. Molti vorrebbero più tempo per focalizzarsi sul proprio core business, lavorare per i propri clienti. E con l’arrivo della MifiD II la situazione diventerà ben più complessa. Ad esempio, le banche che hanno venduto prodotti finanziari e non hanno una propria divisione di investimento con una propria asset allocation, possono trarre vantaggio dagli Strategy Portfolio. O facciamo un altro esempio: un pool di intermediari finanziari che fino ad oggi hanno venduto fondi, ma che non hanno mai ricevuto portafogli strategici: questi possono utilizzare la nostra expertise e vendere ai loro clienti finali il prodotto con il loro nome. Così come i family office che hanno creato in passato specifici prodotti finanziari, ma hanno sottostimato, per esempio, il tempo necessario per gestirli.

Guardiamo più da vicino gli Strategy Portfolio. Per chi sono state pensate le soluzioni A-Line e Q-Line?

Iniziamo dalla A-Line. Conosciamo tutti l’ottima reputazione di cui gode Deutsche Asset Management nel mercato come gestore attivo, da qui il progetto di offrire anche ai nostri clienti tale expertise. Nella A-Line i nostri esperti condividono la loro view per ognuna delle asset class. Questa linea rappresenta la view di mercato di Deutsche Asset management, tradotta con tre tipologie di rischio: “defensive”, “balanced” e “growth”. Inoltre possono anche offrire delle soluzioni particolari di tipo strategico, come gli Strategy Portfolios A- Moderate Income e A-High Income.

Ed invece cosa possiamo dire della Q-Line?

I portafogli di tipo quantitativo sono stati offerti a clienti istituzionali da tempo. In questa nuova tipologia di prodotto viene molto apprezzata la flessibilità, che consente di poter scegliere o uno specifico obiettivo di rendimento, o un profilo di rischio ben definito o determinate asset class.

Come funzionano esattamente?

I Portafogli quantitativi vengono creati al fine di perseguire un obiettivo di volatilità o rendimento predefiniti, a seconda delle esigenze del cliente, e dopo un’analisi quantitativa del mercato. Noi forniamo ai nostri clienti tutti gli strumenti e loro posso decidere di avere un’allocazione più o meno rischiosa. Questo è il motivo per cui questo genere portafogli sono perfetti per quei clienti che abbiano una piena competenza e conoscenza del mercato, ma non abbastanza tempo per allocare il loro portafoglio.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Model Portfolio, così nasce un portafoglio su misura

Mifid 2, Assosim bacchetta Deutsche AM

Mifid 2, Deutsche Am si farà carico dei costi di ricerca

Ti può anche interessare

Sforza Fogliani (Assopopolari): “La Bicamerale sulle banche si occupi anche della riforma delle Popolari”

Un commento alla proposta rilanciata oggi da Renzi di una commissione parlamentare d'inchiesta sulle ...

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con la gestione separata Inps

La risposta esatta alla domanda pubblicata ieri, a proposito dei documenti da conservare, era quella ...

Consulenti, Mifid 2 al meeting dei big boss

Domani al convegno Assoreti le sfide della direttiva. Colafrancesco a BLUERATING: il robo-advisor no ...