Banca Euromobiliare saluta 12 ingressi in tre mesi

A
A
A

I nuovi entrati vantano una consolidata esperienza nella gestione dei patrimoni, sia come consulenti finanziari sia come private banker.

Chiara Merico di Chiara Merico17 luglio 2017 | 16:25

DODICI INGRESSI – Dodici professionisti hanno fatto il loro ingresso negli ultimi tre mesi in Banca Euromobiliare, società del gruppo Credem specializzata nel private banking, guidata dal direttore generale Giuseppe Rovani. I nuovi entrati vantano una consolidata esperienza nella gestione dei patrimoni, sia come consulenti finanziari sia come private banker. Nel dettaglio, sono entrati all’interno della rete di consulenti finanziari Alessio Maria Bianzino,  Davide Dalla Valle, Maurizio Nicoli, tutti provenienti da Banca Intermobiliare; Beatrice Cociani, ex Deutsche Bank; Maria Chiarulli, proveniente da Cassa di Risparmio di Orvieto; Dario Garetto, ex Fideuram; Enrico Edoardo Gavassino, già responsabile finanziario della Gavassino Cantieri Navali Spa e del gruppo Gavassino dopo un’esperienza in Fideuram ISPB,  Pietro Lo Re, proveniente dal Banco di Sicilia. Per quanto riguarda il canale private banking, sono entrati Renato Calabretto, ex Banca Intermobiliare; Giancarlo Nicolazzo, proveniente dal Monte dei Paschi di Siena; Michele Paolella, ex Ubs, Stefano Piccinin, anche lui proveniente da Banca Intermobiliare. E’ stato inoltre inaugurato un nuovo ufficio finanziario a Vicenza in Corso Palladio, il secondo in città dopo lo storico centro finanziario di Contrà Porta Padova.

QUALITA’ E VICINANZA AL CLIENTE – “La presenza delle nostre filiali e centri finanziari dedicati al private banking garantisce qualità del servizio e vicinanza al cliente. A tal proposito, grazie alle sinergie con il gruppo Credem ed alla presenza distribuita sul territorio nazionale, offriamo ai nostri clienti la possibilità di operare anche presso le filiali Credem abilitate per l’esecuzione delle principali operazioni e servizi di cassa: un altro elemento caratterizzante e distintivo del nostro modello organizzativo – forse unico – nel panorama bancario italiano”, ha dichiarato Giuseppe Rovani, direttore generale di Banca Euromobiliare. “Desideriamo entrare in contatto con professionisti in grado di valorizzare il nostro modello di servizio sviluppato secondo una filosofia private”, ha aggiunto Rovani, “che si riflette nell’attenzione che dedichiamo nell’interpretare correttamente i bisogni, le aspettative ed il mandato del cliente, nell’approccio alla gestione degli investimenti basato su un attento presidio del rischio e nell’offrire servizi integrati per la tutela e la valorizzazione del patrimonio complessivo dei nostri clienti”, ha concluso Rovani.

 

 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn3Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Euromobiliare, balzo dell’utile nel semestre

Banca Euromobiliare ingaggia due private

Banca Euromobiliare, valzer di poltrone nella rete

Ti può anche interessare

Mifid 2, consulenti dite la vostra

Dopo l’ok del governo la Consob apre alle consultazioni entro il 30 settembre. Bufi: “Anasf si f ...

Axa Italia, arriva Gigantiello

Il manager è stato nominato chief transformation officer e membro del management committee del grup ...

Bail-in, per l’Anasf le regole vanno riviste

Intervento dell'ufficio studi dell'associazione guidata da Maurizio Bufi: “troppe disparità di tr ...