La voluntary disclosure senza la voluntary disclosure

A
A
A

Paradossi italiani. Approvata la legge sul rientro dei capitali all’estero. Ma parla di tutto tranne che di capitali all’estero

di Redazione31 marzo 2014 | 06:55

VOLUNTARY DISCLOSURE – Con 164 voti a favore, 1 voto contrario e 33 astenuti l’assemblea del Senato ha approvato in via definitiva il ddl di conversione del decreto legge noto come “per il rientro dei capitali”. Anche se in effetti il rientro di capitali non c’è affatto, giacchè la Camera ha soppresso le norme relative alla voluntary disclosure per farle con fluire in un provvedimento specifico. Ci sono invece altre misure, a partire dalla conferma dell’applicazione della tassa di concessione governativa ai contratti di abbonamenti per la telefonia cellulare. Come detto, sostiene quifinanza.it è uscita dal decreto la voce più importante, tanto da dargli il nome; la voluntary disclosure, ossia la procedura di collaborazione volontaria finalizzata a consentire l’emersione di capitali e investimenti non dichiarati detenuti all’estero ed il loro eventuale rientro in Italia, verrà inserita in un prossimo provvedimento ad hoc. Sono ovviamente fatti salvi gli atti ed i provvedimenti adottati, gli effetti ed i rapporti giuridici sorti nel breve periodo di vita della procedura volontaria di “ufficializzazione” dei capitali esteri.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Voluntary flop

Voluntary Bis: colpo di reni per evitare il flop

Sanatoria per le liti pendenti

Rischio flop per la voluntary disclosure

Voluntary bis, gli effetti (possibili) dell’accordo Italia-Svizzera

La Voluntary bis scalda i motori

Voluntary 2, domani si parte

Voluntary bis, ecco le norme per il contante

Voluntary bis, pronto il modello definitivo

Voluntary bis, ecco il format della relazione di accompagnamento

Voluntary 2, cassette anonime nel mirino svizzero

“Voluntary 2”, imposta media di 37mila euro

Voluntary 2 col vecchio modello

La “Voluntary 2” è già partita

Voluntary bis, si parte

Voluntary bis, sanzioni invariate

Voluntary 2 allungata di 12 mesi

Voluntary disclosure, primo no al raddoppio dei termini

La “Voluntary” non sbaglia un colpo

Voluntary 2, si parte l’1 luglio

Voluntary, ci sarà il bis

Voluntary disclosure, istanze pendolari

Voluntary disclosure verso il bis

Voluntary, accertamenti col turbo

Voluntary, si studia il bis

Voluntary disclosure, ultimo giorno per la proroga tecnica

Voluntary Disclosure, mini-rinvio

“Voluntary disclosure”, ultimo sprint

Voluntary disclosure ai supplementari

Voluntary disclosure, 130mila istanze

Voluntary disclosure: gettito intorno ai 3,8 miliardi di euro

Voluntary, l’ufficio è a scelta

Voluntary, dalla sola Lombardia 1,8 miliardi

Ti può anche interessare

Mifid 2, cosa cambierà per sim e gestori

Autorizzazione delle sim, ingresso in Italia delle imprese di investimento Ue e disciplina applicabi ...

Deutsche Bank, utili con turbo e ricavi in calo nel primo trimestre

Il colosso tedesco ha chiuso il primo quarto dell'anno con utili netti di 575 milioni di euro. ...

Consulentia, già 2mila partecipanti iscritti

Molte registrazioni all'evento organizzato dall'Anasf in programma dal 14 al 16 febbraio. ...