UBP archivia il semestre con utili in crescita

A
A
A

L’utile netto a fine giugno 2017 ammontava a 109,5 milioni di franchi svizzeri. La divisione Asset Management ha continuato a crescere in modo sistematico, con una raccolta che a fine giugno ammontava a 1,6 miliardi di franchi svizzeri.

Chiara Merico di Chiara Merico20 luglio 2017 | 10:05

SOLIDI RISULTATI – Union Bancaire Privée annuncia solidi risultati semestrali, con l’utile netto che a fine giugno 2017 ammontava a 109,5 milioni di franchi svizzeri, in crescita del 21,6% rispetto agli 89,9 milioni dello stesso periodo del 2016. Gli asset in gestione ammontano a 118,9 miliardi di franchi svizzeri a metà anno. I risultati operativi sono cresciuti del 12,5% anno su anno, dai 452,9 milioni di franchi svizzeri del primo semestre del 2016 ai 509,5 milioni di fine giugno 2017. Il margine d’interesse netto è aumentato del 18,5% a 139,3 milioni di franchi svizzeri, supportato, fra i vari fattori, dai maggiori tassi d’interesse sul dollaro. Anche l’aumento delle commissioni di più del 10%, sebbene aiutato dalla forza dei mercati, testimonia il crescente numero di asset di clienti privati sotto forma di mandati di consulenza. Le spese operative sono aumentate del 9,9% fra giugno 2016 e giugno 2017, passando da 294,5 milioni di franchi svizzeri a 323,7 milioni di franchi svizzeri, per via dell’integrazione di Coutts in Asia che è stata finalizzata nell’aprile 2016. Una rigorosa gestione dei costi ha permesso a UBP di migliorare il proprio cost/income ratio (al netto di svalutazioni e accantonamenti) al 63,5% a fine giugno 2017 contro il 67,9% di fine dicembre 2016. L’utile operativo si è attestato a 133,7 milioni di franchi svizzeri alla fine di giugno 2017 rispetto ai 110,5 milioni di un anno fa – un aumento di 23 milioni (+21,2%).

BENE L’ASSET MANAGEMENT – Le masse in gestione sono rimaste pressoché stabili a  118,9 milioni di franchi svizzeri (dai 118,3 milioni della fine del 2016), sostenute da favorevoli condizioni di mercato che hanno compensato l’effetto negativo del tasso di cambio durante la prima metà dell’anno (-3,3 miliardi di franchi svizzeri). La divisione Asset Management ha continuato a crescere in modo sistematico, con una raccolta che a fine giugno ammontava a 1,6 miliardi di franchi svizzeri. I flussi in entrata hanno superato quelli in uscita che si sono registrati conseguentemente all’ultima ondata di procedure di regolarizzazione fiscale che hanno interessato principalmente clienti privati europei e dell’America Latina. Il Tier 1 ratio, al 26%, resta largamente al di sopra dei requisiti minimi stabiliti da Basilea III e dalla FINMA.“Questi numeri della prima metà dell’anno sono molto incoraggianti. Se da un lato abbiamo beneficiato di un andamento positivo dei mercati, dall’altra il duro lavoro e la dedizione dei nostri team per offrire alla clientela soluzioni innovative hanno giocato un ruolo significativo nel raggiungimento di questi risultati. Questi dati riflettono anche i considerevoli investimenti da noi realizzati di recente per il rafforzamento dei nostri team e a dimostrano il dinamismo delle nostre attività in Asia” , ha dichiarato Guy de Picciotto, ceo di UBP.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

UBP: euro verso possibili nuovi massimi contro il dollaro

UBP: accordo Opec, la strada è ancora lunga

Ubp: come proteggersi dal protezionismo

UBP: potenziali sottoperformance in vista per il debito sovrano europeo

Le banche svizzere alla conquista dell’Asia

Ubp: Bce sulla difensiva per buona parte del 2017

UBP chiude il 2016 in forte crescita

UBP: l’oro risente delle politiche della Fed

UBP e Partners Group lanciano una strategia innovativa sul reddito fisso

UBP: nel 2017 vento in poppa per le convertibili

Ubp: Cina, nel 2017 occhi puntati sull’azionario

UBP: Azionario, 2017 in crescita per le “smid cap” europee

Ubp: obbligazionario, ritorni sostenuti possibili solo con una strategia dinamica

Ubp: Opec, strategia fallimentare o vincente?

Ubp, Benjamin Schapiro rafforza il team sui bond convertibili

Ubp: petrolio, nessun congelamento della produzione in vista

Ubp punta sulle azioni europee con l’ingresso di Anniss

Ubp rafforza il team milanese con Anton Giulio D’Amato

Ubp: volatilità elevata e crescita lenta, dove puntare?

Ubp: il petrolio verso la risalita

UBP: oro, riflettori puntati sulla Fed

Cina, ottime opportunità sul lungo periodo

Ubp, utile in crescita del 13% nel primo semestre

Turchia, Ubp: dal tentato golpe volatilità nel breve termine

UBP: occhi puntati sull’azionario degli Emergenti

Ubp: la Fed attenderà ancora prima di rialzare i tassi

Ubp: azionario Europa, dividendi in aumento all’orizzonte

Ubp, le banche centrali sono sempre meno credibili

UBP cambia partner nel fondo azionario Usa

Ubp, al via la partnership con Old Mutual Wealth Italy

Ubp punta sugli Emergenti con un nuovo fondo azionario

Ubp, il 2016 sarà un anno impegnativo

Materie prime, Ubp: “La Cina è la chiave per i metalli”

Ti può anche interessare

Girelli presenta la nuova Bim

Intervista a MF del consigliere delegato Stefano Girelli: "Ci vogliamo concentrare sul private banki ...

Credit Agricole Cariparma vuole CariCesena, Carim e Carismi

L’integrazione delle tre casse di risparmio nell’orbita di Crédit Agricole Cariparma ne rafforz ...

False notizie sui cf, troppa disinformazione

Le “fake news” spopolano ovunque e il mondo della finanza non fa eccezione. Spesso, nei casi di ...