Marzotto Sim “Draghi promosso (quasi sempre) a pieni voti”

A
A
A

Analisi della politica monetaria della Bce a 5 anni dal discorso in cui il presidente della banca centrale pronunciò il famoso Whatever it takes

Andrea Telara di Andrea Telara26 luglio 2017 | 12:06

Di seguito un’analisi dell’ufficio studi di Marzotto Sim sulla politica monetaria della Bce a 5 anni di disstanza dal discorso in cui il presidente della banca centrale pronunciò il famoso “Whatever it takes”. 
A 5 anni dal famoso Whatever it takes pronunciato dal presidente della Banca Centrale Europea, Mario Draghi nel luglio 2012, periodo di massimo pessimismo circa la disgregazione dell’Euro, proviamo a fare un bilancio degli effetti che tale dichiarazione e le azioni che ne sono seguite Quantitative Easing in primis hanno prodotto sul sistema economico e finanziario europeo. Posto che si tratta di dati aggregati, relativi all’Unione Europea in cui un paese può essere cresciuto più o meno di un altro e così via, la sintesi è che il risultato è stato complessivamente positivo. Passiamo ad esaminare la situazione sintetizzandola in 5 punti.
1. Rischio sistemico: nel 2012 il sistema economico europeo ara ai minimi della propria credibilità. Questo era indicato dai rendimenti dei titoli di stato dei paesi periferici che hanno toccato punte del 6% per il BTP decennale con uno spread btp/bund di 446 punti. Oggi in seguito alle iniezioni di liquidità nel sistema il rendimento del BTP decennale è al 2.2% e lo spread è a 177 punti, i costi di finanziamento dei paesi si sono abbassati riducendo le possibilità di default. Draghi promosso.

2. Crescita economica: nel luglio 2012 il GDP europeo aggregato era in flessione dello 0.4%. L’iniezione di liquidità ha garantito accesso al credito facilitato contribuendo allo sviluppo dell’attività economica. Oggi l’Europa cresce ad un ritmo del 2.1%. Draghi promosso.

3. Inflazione: nel luglio del 2012 era al 2.5% e dopo avere iniziato un trend decrescente che l’ha portata a toccare un minimo dello 0.5% oggi è all’1.6%. I danni sono stati limitati ma l’obiettivo di target inflattivo del 2% non è stata raggiunto. Draghi rimandato a settembre.

4. Disoccupazione: è passata dall’11.55% al 9.3% l’effetto positivo dell’aumento di domanda di lavoro è stato visibile nella riduzione dei disoccupati di circa il 2%. Siamo ancora lontani dal livello di lungo periodo del 7%. Draghi rimandato a settembre.

5. Mercarti finanziari: la riduzione d’incertezza, l’immissione di liquidità e la percezione di una ECB ponta a tutto pur di sostenere i mercati e l’economia europei hanno corroborato le principali asset classes del vecchio continente. L’effetto maggiore si è avuto sui mercati obbligazionari sia corporate che government i cui rendimenti sono in alcuni casi andati in territorio negativo con performances di prezzo a doppia cifra. Anche il mercato azionario sostenuto sia dalla ripresa economica che da quella del ciclo degli utili ha messo a segno performances nell’ordine del 56% per lo Eurostoxx50. Draghi promosso a pieni voti.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bce: Draghi accenna a discussione su QE, euro dollaro sulle montagne russe

State Street: dopo il meeting della Bce euro può flettere, bond recuperare

Bce: tutto fermo su tassi e quantitative easing

Unipol stabile, Bper Banca in rialzo in un valzer di rumor e dichiarazioni

Draghi (Bce): nessuna novità per tassi e QE, crescita si rafforza senza inflazione

Commerzbank propone prepensionamenti

Draghi (Bce) non cambia idea su misure straordinarie: restano necessarie

Draghi (Bce) più ottimista sulla ripresa, ma i tassi resteranno fermi a lungo

Draghi: non è ancora ora di cambiare la politica monetaria della Bce

Blueindex: Credit Agricole torna in testa in una giornata positiva per i bancari europei

Draghi: QE ha creato 4 milioni di posti di lavoro, ma per Schaeuble va interrotto

In attesa delle decisioni della Bce le borse frenano

Euro in calo dopo parole Draghi: poca crescita, inflazione non durerà

Bce estende QE ma ad un ritmo ridotto

Bce: il QE si avvia verso la fine?

Deutsche Bank: la politica della Bce di Draghi ha bloccato le riforme

Draghi (Bce): eurozona resiliente alla Brexit, ma i rischi aumentano per l’export

Draghi: azioni comuni Ue per superare le sfide di questi tempi

Draghi non tocca tassi nè QE, scattano vendite su bond e azioni

Occhio alla Bce: oggi nuove stime e forse nuovi stimoli

Borse europee in calo, Londra chiusa per festività

Npl, Draghi invoca la mano pubblica

Siamo sicuri che Draghi voglia allentare ancora la politica monetaria?

Bce: Draghi ribadirà di essere pronto ad agire nei prossimi mesi

Dopo la BoE e la Fed tocca alla Bce dare un segnale

Draghi (Bce): allineare le politiche per superare la crisi

La “cura Draghi” porta i rendimenti dei bond corporate sull’1%

Draghi (Bce) aggiorna le stime su crescita e inflazione

Bce: tassi fermi, alle 14.30 Draghi illustra dettagli nuove misure

Bce potrebbe confermare o rivedere al rialzo le stime

Milano positiva sul finale grazie a Draghi, che fa ripartire le banche

Bce, cosa cambia dopo la mossa a sorpresa di Draghi

Draghi riesce ancora una volta a sorprendere i mercati

Ti può anche interessare

L’ Anasf partecipa alla Settimana dell’Investitore

Parte in tutta Italia una campagna di educazione finanziaria per giovani e adulti ...

Brexit, al via il trasloco dell’Eba da Londra

Dieci Stati membri sono interessati all’Autorità Bancaria Europea (Eba), mentre ventuno paesi avr ...

UniCredit, disco verde dei soci all’aumento di capitale

Con una maggioranza “bulgara” (99,6%) gli azionisti della banca guidata da Jean Pierre Mustier a ...