Tassazione sulle rendite finanziarie, ecco cosa cambia da domani

A
A
A

E’ scattato il conto alla rovescia: a partire da domani, martedì primo luglio, il prelievo fiscale sulle rendite salirà dal 20% al 26% …

di Diana Bin30 giugno 2014 | 09:10

TASSAZIONE AL 26% DAL 1° LUGLIO – E’ scattato il conto alla rovescia per l’entrata in vigore delle nuove aliquote per la tassazione delle rendite finanziarie. A partire da domani, martedì primo luglio, il prelievo fiscale sulle rendite salirà dal 20% al 26% e sarà calcolato sugli interessi e altri proventi di conti correnti, depositi bancari e postali. Restano fuori i titoli di Stato, la cui tassazione permarrà al 12,5%. Ecco nel dettaglio che cosa cambierà, come ha spiegato l’Agenzia delle Entrate nella Circolare n. 19/E.

CONTI CORRENTI, DEPOSITI BANCARI E POSTALI, OBBLIGAZIONI – L’aliquota di tassazione  passa dal 20% al 26% sugli interessi e altri proven ti di conti correnti, depositi bancari e  postali, maturati dal 1° luglio 2014. La nuova misura è valida anche per i redditi  derivanti da obbligazioni, titoli simili e cambiali finanziarie e sugli interessi, premi e altri proventi derivanti dalle obbligazioni maturati a partire dal 1°  luglio 2014, indipendentemente dalla data di emissione dei titoli.

REDDITI FINANZIARI -  Da domani, l’aliquota di tassazione passa al 26%  anche per i redditi diversi di natura finanziaria. Al fine di evitare che l’aumento dell’aliquota inci da sui redditi maturati  antecedentemente al 1° luglio 2014, è prevista la possibilità di affrancare il costo o il  valore di acquisto delle attività finanziarie possedute al 30 giugno 2014, con il  versamento di un’imposta sostitutiva del 20% sulle  plusvalenze latenti. 

LE DEROGHE -  Rimane confermata l’aliquota del 12,5% per i titoli pubblici italiani (come  titoli del debito pubblico, Boc, Bor, Bop, buoni fruttiferi postali emessi dalla Cassa Depositi e Prestiti) e titoli equiparati, emessi da organismi internazionali, nonché per le  obbligazioni emesse da Stati esteri  white list e da loro enti territoriali. Per questi ultimi,  l’aliquota di tassazione passa dal 20% al 12,5%, con riferimento agli interessi e ad altri  proventi maturati a partire dal 1° luglio 2014 e alle plusvalenze derivanti dalla loro  cessione o rimborso realizzate dalla stessa data. 

IL COMMENTO – “La gestione del cambiamento di aliquota”, ha osservato Olivia Zonca, responsabile dell’area fiscalità finanziaria di Bnp Paribas Securities Services, “è questione estremamente complessa e i back office delle banche stanno lavorando a pieno ritmo per rispettare il change over  del 1° luglio. Oltre ad adeguare le procedure, occorre informare la clientela circa la possibilità di affrancare i capital gain maturati sugli strumenti finanziari detenuti su un certo conto titoli  alla data del 30 giugno. In questo caso il contribuente può scegliere  di assicurarsi  la tassazione al 20% pagando, senza vendere i titoli, un’imposta sostitutiva sulla plusvalenza latente ai valori di borsa del 30 giugno, con l’effetto che solo i proventi realizzati dopo tale data saranno tassati al 26%”. Occorre dunque che ogni situazione sia attentamente vagliata, perché le variabili da considerare sono tante. Ad esempio, continua Zonca, “potrebbero essere presenti eventuali minusvalenze non ancora utilizzate sul proprio dossier titoli, che possono quindi essere spese per ridurre il valore della plusvalenza latente da tassare al 20%, eventualmente richiedendo questa informazione alla propria banca.  Il cliente deve però anche considerare che per essere effettiva, la procedura di affrancamento prevede la messa a disposizione dell’intermediario della provvista per versare le imposte sulle plusvalenze latenti”. Sul fronte degli intermediari, Zonca segnala la difficoltà di gestire un regime transitorio complesso, in particolare con riguardo alla speciale procedura di cambiamento di aliquota per le quote dei fondi comuni di investimento, per il quali opera di fatto una sorta di “affrancamento automatico”: i plusvalori maturati al 30 giugno continueranno ad essere tassati al 20% anche se realizzati dopo tale data.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenza fiscale: partecipazioni qualificate e non, il dilemma dei dividendi esteri

Arriva la mini voluntary. Ecco quanto costa e a chi si rivolge

Caos Spesometro, il termine slitta al 5 ottobre

Fatture, termine prorogato al 28 settembre

Voluntary, più tempo per mettersi in regola

Manipolazione indici: multe per le grandi banche d’investimento

Istat: nel primo trimestre dell’anno la pressione fiscale è aumentata

Fisco e calcio, un rapporto complicato

Anti-evasione: arriva la stretta

Ocse lima previsioni crescita italiana nel 2017, stangata di fine anno più probabile?

Trump presenta la sua riforma fiscale, sparisce la tassa sulle importazioni

Voluntary bis, ecco il format della relazione di accompagnamento

Istat: nel 2015 Pil a +0,7%, pressione fiscale resta ferma al 43,4%

Osborne: tagliare le tasse alle imprese per limitare la fuga post-Brexit

Fisco: continua a gennaio la crescita delle entrate erariali

Julius Baer trova l’accordo di massima col fisco Usa

Credit Agricole paga 99,2 milioni di dollari al fisco Usa

La corsa delle entrate fiscali italiane prosegue a ottobre

Via l’Imu sulla prima casa? Ne beneficierà chi vive in un castello

L’immobiliare ha dato una mano all’economia italiana

Voluntary disclosure, nessuna esclusione del quadro Rw

Fisco: ratificati gli accordi con Svizzera, Monaco, Vaticano e Liechtenstein

Voluntary disclosure, le tasse vengono dimezzate

Il mattone riparte, l’Ance chiede riduzione pressione fiscale

Fisco, la Svizzera si accorda anche con l’Ue sullo scambio di informazioni

Agenzia delle Entrate e Inps insieme contro le frodi

Gestori, occhio alle scadenze fiscali di lunedì 18 maggio

Fisco, firmato l’accordo Italia-Vaticano

Fisco, ecco i Paesi che non “collaborano”

Fisco, anche il Liechtenstein firma l’accordo con l’Italia

Fisco, firmato l’accordo Italia-Svizzera

Fisco e promotori, il giallo della tassa sui versamenti in contanti

Fisco, dopo la Svizzera arriva l’accordo con il Liechtenstein sullo scambio di informazioni

Ti può anche interessare

Veneto Banca e Bpvi, la Bce le vuole più liquide

La Banca Centrale Europea ha chiesto ai due istituti di aumentare il Liquidity Coverage Ratio (Lcr), ...

Broker (abusivi) del Forex, o perdi o vinci i soldi non li vedi più.

Ancora un investitore che rimane con un pugno di mosche in mano fidandosi delle promesse di facili g ...

Banca Leonardo colloca il bond Citi – iStoxx Europe Economic Growth Select 50

L’obbligazione sarà disponibile presso la rete di Banca Leonardo fino al prossimo 16 giugno 2017. ...