Promotori, la brutta clausola di “non concorrenza”

A
A
A

Quella di non concorrenza può essere un forte limite per i pf. Tutto dipenderà dell’evoluzione del modello distributivo.

Luca Spoldi di Luca Spoldi19 agosto 2014 | 15:00

LA “NON CONCORRENZA” – Mentre prosegue la marcia a “tappe forzate” del decreto legge 91/2014 sulla competività delle imprese, sempre più simile a un decreto “omnibus” in stile “prima Repubblica”, viene naturale domandarsi che senso abbiano nell’attuale e prospettico quadro micro e macro economico italiano le clausole come quella di “non concorrenza” che limitando la mobilità del fattore lavoro possono ledere un interesse pubblico e incidere negativamente sul grado di competitività delle aziende italiane nel loro complesso. Come spesso capita, tuttavia, passare da un ragionamento teorico a un caso pratico comporta la necessità di cambiare punto d’osservazione.

LA RAGION D’ESSERE – Così nel concreto quando si parla di clausole/ patti di non concorrenza nei contratti che regolano i rapporti tra promotori finanziari e le loro mandanti è opportuno tenere a mente che per quanto tale clausola possa rappresentare una forma di rendita a vantaggio delle imprese, la asimmetria esistente nell’attuale mercato del lavoro italiano a favore dei lavoratori può giustificarne l’esistenza. Nel caso specifico dei promotori finanziari, per esempio, le aziende mandati sostengono costi sia relativi alla formazione costante, nel tempo, dei promotori stessi sia inerenti all’affidamento agli uomini della propria rete di vendita del patrimonio relazionale di cui dispone la banca o società di gestione del risparmio. Patrimonio per il quale la mandante ha evidentemente investito nel corso degli anni anche, ma non solo, in termini di spese di marketing.

IL MODELLO DISTRIBUTIVO
– La clausola di non concorrenza, dunque, ha una sua ragione d’essere al momento, ma per il futuro? Dipenderà, evidentemente, dall’evoluzione del modello distributivo che l’atteso varo dell’Albo unico di promotori e consulenti finanziari e la diffusione di formule remunerative fee only a fianco o al posto dell’attuale modello commissionale comporteranno. Se attualmente un promotore finanziario agisce in tutto o in parte “in conflitto d’interessi” col proprio cliente (in ragione della remunerazione a provvigione), un domani l’affermarsi di formule “fee only” potrebbe portare ad un’evoluzione della figura del promotore verso una funzione di gestore degli investimenti dei propri clienti in assenza di conflitti d’interesse.

PER IL FUTURO – A quel punto, verosimilmente non prima di due o tre anni, ci si potrebbe e forse dovrebbe chiedere che senso possa avere ancora una clausola di non concorrenza che potrebbe limitare la possibilità per il professionista di scegliere la soluzione ottimale per clienti che saranno a tutti gli effetti “propri” e non più in qualche modo legati a uno specifico intermediario. Che questo possa poi voler dire che la clausola di non concorrenza è destinata a finire in soffitta nel giro dei prossimi anni è quanto meno prematuro affermarlo, allo stato dei fatti.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consob, radiazione nel milanese

Consulenti e Enasarco, focus sulle prestazioni integrative 2018

Anima e Poste, un accordo dai tre volti

Mediolanum fa 100 nel reclutamento

Promotori, in Usa e Gran Bretagna più salgono i patrimoni meno si paga

Promotori, training class: oggi parliamo di fondi pensione

Promotori, negli Usa le commissioni pesano per l’1% all’anno

I promotori costano 23 miliardi l’anno agli italiani

Promotori-consulenti, chi boccia il cambio di nome

Training class: promotori, mettetevi alla prova con le domande dell’esame

Promotori regolari e abusivi, la nuova direttiva Ue rivede le sanzioni

PHOTOGALLERY – Promotori, ecco i 10 protagonisti del 2014

Promotori, salta l’Albo unico

Training class: promotori mettete alla prova la vostra preparazione con le domande dell’esame

Consulenti, le sorti dell’Albo Unico nelle mani del maxi-emendamento del governo di questa sera

Promotori, le app che fa(ra)nno tendenza

Promotori, ok alle nuove regole sugli stipendi

Training class: promotori, testate la vostra preparazione con le domande dell’esame

Un promotore ex Fideuram entra nel c/c di una cliente e si accredita 173mila euro: radiato

Mediolanum, di Montigny lancia la piattaforma dell’ottimismo

Voluntary disclosure, grosso scudo penale

Poker di ingressi per Barclays RBB

Promotori – training class, le domande dell’esame: questa volta si parla di azionario

Efpa svela con nove mesi d’anticipo la location del prossimo Italia Meeting 2015

Si finge promotore e truffa un centinaio di persone

Azimut Wealth Management soffia Riccardo Esclapon a Pictet

Promotori, pressing Apf sull’Albo unico

Promotori, i 5 errori da evitare per diventare un buon investitore

Risparmio tradito, ecco quanto rischia davvero chi scappa con i soldi

Trainig class: promotori, sareste pronti oggi a sostenere l’esame?

Sempre più promotori e meno bancari

Promotori, si facciano avanti le leve più nuove

Promotori, un solo obiettivo: largo ai giovani

Ti può anche interessare

Capital Group rafforza la partnership con Banca Generali

L'intera gamma di fondi del gruppo di asset mangement statunitense potrà essere collocata dai consu ...

Veneto Banca e Popolare Vicenza accelerano sui rimborsi

I due istituti stanno cercando di raccogliere più adesioni possibile alla proposta di rimborso cont ...

Fineco sopra la soglia dei 4 miliardi

A settembre, la banca guidata da Alessandro Foti ha registrato flussi positivi per 312 milioni di eu ...