Promotori, il portafoglio perfetto in 5 semplici mosse

A
A
A

Poche domande facili e veloci a cui rispondere per capire se avete individuato e consigliato il giusto mix d’investimento per voi e per i vostri clienti.

Daniel Settembre di Daniel Settembre5 settembre 2014 | 10:30

REGOLE D’ORO – La regola principe da seguire per investire nel modo corretto è la diversificazione. Non sempre è facile riconoscere quando sono state fatte le scelte giuste e, soprattutto, se all’intero del proprio portafoglio è presente il giusto mix di prodotti finanziari. Il Time ha cercato di stilare 5 semplici regole da seguire per costruire il “portafoglio perfetto”. Un buon metodo di autoanalisi è, infatti, quello di rispondere a queste 5 domande.

1. Hai bisogno di tutte e due le mani per contare i tuoi investimenti?
Chiaramente non c’è nessun numero “corretto” d’investimenti da possedere. Ma una volta che si supera i 5 o 6 è probabile che avrai un sacco di sovrapposizioni inutili. La verità è che si può ottenere un’alta diversificazione solo investendo in pochi fondi mixando quelli azionari e quelli obbligazionari.

2. Hai prodotti finanziari che non capisci?
Rispondere “Sì, è un etf leveraged che offre il doppio del rendimento dell’S&P500” non basta. È necessario sapere veramente come si calcola il ritorno di leva e il rendimento. Se non sai come funziona realmente un investimento, non saprai mai se ne hai veramente bisogno.

3. Riesci a spiegare esattamente il perché dei tuoi acquisti?
Perché l’hai sentito su un programma finanziario in televisione o perché era sulla lista delle prime 10 azioni su qualche rivista non è una risposta accettabile. Oltre a sapere come funziona un investimento, è necessario capire quale specifico ruolo svolge nel tuo portafoglio e in che modo, soprattutto, ne migliora le prestazioni. Idealmente, si dovrebbe anche essere in grado di quantificare il beneficio che si riceve possedendolo o indicare dati sulla performance, che dimostrino in che modo migliora il rapporto tra rischio e rendimento.

4. Sei proprietario di prodotti che non hai mai toccato dopo l’acquisto?
Se stai seguendo una strategia d’investimento a lungo termine, allora il mix di attività nel tuo portafoglio, qualunque esso sia, dovrebbe riflettere i tuoi obiettivi d’investimento e la propensione al rischio. È necessario però riequilibrare e rimodulare periodicamente il portafoglio per riportarlo alle dovute proporzioni. Se ci sono prodotti che non hai mai toccato è probabile che non facciano parte della tua strategia.

5. Aggiungi continuamente nuovi investimenti al tuo portafoglio?
Una volta creato un portafoglio ben bilanciato, il tuo lavoro è praticamente terminato. Certo, c’è il monitoraggio e il ribilanciamento, ma non c’è bisogno di aggiungere continuamente nuove asset class o prodotti solo perché le imprese di investimento continuano a lanciarli. Se lo fai, è molto probabile che finirai con una valanga ingombrante di investimenti difficile da gestire.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Edmond de Rotschild punta sugli immobili

Warren Buffett primo azionista di Cattolica

Perde quota il mercato delle auto d’epoca

I miliardari adesso puntano sulle città galleggianti

Investimento in diamanti, campanello d’allarme anche in Belgio

Fondi alternativi: ripresa, ma non per tutti

I fondi private scelgono l’Africa

Investire non è un gioco

Inseguendo la crescita

ICBPI lancia piano di investimenti da 1 miliardo

Refees rende gli investimenti trasparenti

Cosa avremmo dovuto imparare dal 2016

FinecoBank, a Milano un summit con i clienti per spiegare la finanza comportamentale

Per gli investitori è tempo di abbracciare i robot?

Il robo-advisor scopre il “factor investing”

Attenti agli investimenti in stile videolotteria

Promotori, occhio alla superstizione: è una strategia (terribile) d’investimento

Natixis Global AM, gestori a confronto sulle attese del secondo semestre

Anima sgr: quando i cambi pesano sulla stabilità dei prezzi

Risparmio e pianificazione, ecco un caso concreto

Valzer di poltrone, in La Française AM arriva un nuovo gestore

Etru, il nuovo acronimo per le imprese

Anche i ricchi preferiscono i bond

Risparmio – Gli italiani lontano dal mercato equity

Investimenti: gli italiani reclamano maggiori informazioni

Beni rifugio alla riscossa. Gli italiani non vogliono più investire

Ti può anche interessare

Finecobank, Foti vende un po’ di azioni

Secondo il quotidiano Mf, l’amministratore delegato della banca ha ceduto sul mercato un pacchett ...

Widiba cresce in Campania

Un ex bancario di esperienza è stato inserito nell’area di Fabrizio Sorrentino. ...

UniCredit cede npl nell’Europa orientale

Venduti a una società finanziaria ungherese crediti deteriorati per 44,3 milioni di euro ...