Investire in polizze vita per salvare il patrimonio dai creditori non è una buona idea…

A
A
A

Un cliente chiede di investire in polizze vita per salvare le proprie consistenze patrimoniali in una vertenza civile. Non è una scelta efficace perché è soggetto all’azione revocatoria sui premi pagati e a precise responsabilità penali. Avrebbe senso solo in un caso.

Marco Muffato di Marco Muffato31 ottobre 2014 | 09:39

DOMANDAUn cliente mi chiede di investire solo in polizze vita perché sta affrontando una grossa vertenza civile e teme di perdere il proprio patrimonio. A me pare poco logica ed efficace come soluzione. Che ne pensate?
M.F., Milano

RISPOSTA – Il nostro lettore promotore finanziario ha ragione. L’operazione, infatti, è poco opportuna in quanto gli eventuali aventi diritto possono, in caso di esito per loro vittorioso della causa in corso, attuare un’azione revocatoria relativamente ai premi pagati sempre che il contratto appaia stipulato non per reali finalità previdenziali ma a pregiudizio dei creditori. Secondo la Sentenza di Cassazione, Sezioni Unite, numero 2871 del 31 marzo 2008, appunto, si sarebbe in presenza di una prestazione assicurativa non impignorabile come da Codice Civile perché il contratto è stipulato senza finalità previdenziali. L’impignorabilità ha lo scopo di tutelare il risparmio finalizzato alla previdenza ed è, quindi, da ritenersi applicabile solo alle somme che scaturiscono dalla funzione tipica del contratto, ovvero all’indennità assicurativa. Prima della citata sentenza i danneggiati potevano intervenire con l’azione revocatoria ottenendo il riscatto della polizza e ciò sulla base della sentenza 8676 del 26 giugno 2000.
Come se non bastasse, il cliente del promotore adottando una simile soluzione si espone al rischio del reato di mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice previsto dall’articolo 388 del Codice Penale, secondo il quale chiunque, per sottrarsi all’adempimento degli obblighi civili nascenti da una sentenza di condanna, o dei quali sia in corso l’accertamento dinanzi l’Autorità giudiziaria, compie sui propri o sugli altrui beni atti simulati o fraudolenti o commette allo stesso scopo altri fatti fraudolenti, è punito (qualora non ottemperi alla ingiunzione di eseguire la sentenza) con la reclusione fino a tre anni o con la multa da 103,29 a 1032,91 euro.
Solo dopo cinque anni dal pagamento dei premi, decorsi i termini di legge per l’azione revocatoria ordinaria sui premi pagati, l’idea inizierebbe ad avere un senso. Ma non crediamo che sia il caso riportato dal lettore.

Hai un quesito da porre a Sportello Advisory? Scrivi a: sportelloadvisory@bluerating.com

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Acf e Abf, stop ai ricorsi sulle ex popolari venete

Farsi pagare l’assegno in banca? Il documento d’identità non basta

Risarcimento subordinati Mps: un’offerta da accettare al volo

Il conto corrente di base arriva sul serio. Per legge.          

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Interessi sui mutui: quando la banca rischia l’usura

Mps: bond subordinati convertiti in azioni, ristoro solo per il bond ‘Antonveneta’

Rimborso dei buoni fruttiferi postali, il nodo dei co-intestatari

Richiesta antichi estratti conto negata al cliente, ma la banca ha torto

Buoni senza info sul termine? Tema caldissimo per l’Abf

Donazioni, quando le polizze vita si fanno preferire

Bond subordinati ai clienti, la Consob è responsabile?

Trasloco c/c e deposito titoli in 12 giorni: arrivano le sanzioni

Bonifici con Iban errato: ABF punisce l’errore e il cliente si rivolge al giudice

L’azienda non versa i contributi al fondo pensione. Cosa fare?

Banca di Credito Popolare, azionisti in allarme per il valore dei titoli

Un film la doppia tassazione sui beneficiari di buoni postali residenti all’estero

Gestione in famiglia abusiva, attenti alla caccia alle streghe

Broker (abusivi) del Forex, o perdi o vinci i soldi non li vedi più.

Lo strano mutuo Abbey National. Che grana per i clienti Unicredit

Nasce il sistema informativo sui morosi della telefonia

La dichiarazione di successione in banca? Per il Garante la richiesta non lede la privacy

Ricerchi una polizza? Il risultato non è sicuro e l’Ivass vuole vederci chiaro

Equalizzatore fiscale, quel mostro che a volte ritorna

Gli assegni smarriti possono essere protestati: meglio chiederne il sequestro

Salvataggi: i conti di deposito rimborsati meno velocemente dei conti correnti

Niente paura, la firma biometrica è sicura

Libretti delle Coop, troppi rischi rispetto ai vantaggi

Il timbro sul buono postale è illeggibile? Non scatta la prescrizione

Doppio addebito dei biglietti aerei? Questione di sicurezza

Conto bloccato per le rate del mutuo: un illecito ai limiti del reato

Rendite tassate come il lavoro? Anche peggio

L’imposta sulle polizze miste vale anche per le rendite

Ti può anche interessare

La Consob segnala due società abusive

L’authority mette in guardia da alcuni broker (o presunti tali) che offrono servizi di investiment ...

Pioneer, prezzo di vendita attorno ai 3,5 miliardi

E’ la cifra che, secondo il quotidiano Mf-Milano Finanza, il gruppo francese Amundi sarebbe dispos ...

Eurovita Assicurazioni, accordo con Banca popolare del Frusinate

L’intesa prevede la commercializzazione di prodotti assicurativi – polizze multiramo “ramo 1 ...