Credem, promotori a raccolta per parlare di voluntary disclosure con Tremonti

A
A
A

Nel corso dell’evento, tenutosi ieri a Reggio Emilia, è intervenuto l’ex ministro dell’Economia e delle Finanze Giulio Tremonti che…

di Diana Bin30 gennaio 2015 | 10:56

UN EVENTO SULLA VOLUNTARY DISCLOSURE – La normativa sulla voluntary disclosure è stata al centro di un incontro organizzato dalla promozione finanziaria Credem, che ha approfondito gli impatti della nuova procedura per il rientro dei capitali sui clienti interessati.

IL COMMENTO DI MARCONI – “La voluntary disclosure ha senz’altro un portata rilevante se si considera che le masse interessate al rimpatrio sono stimate in centinaia di miliardi di euro per la sola Svizzera”, ha commentato Duccio Marconi, responsabile commerciale promozione finanziaria Credem. “I nostri promotori finanziari hanno un ruolo importante nel fornire consulenza ai propri clienti in tema di investimenti e sono in grado di indirizzarli verso competenze specifiche anche su temi particolarmente complessi, di natura fiscale o previdenziale”, ha aggiunto il manager.

GIULIO TREMONTI TRA I PARTECIANTI
– All’evento – tenutosi ieri a Reggio Emilia – ha partecipato il professor Giulio Tremonti (nella foto), ex ministro dell’Economia e delle Finanze, che è entrato nel dettaglio della nuova normativa. La rete dei promotori finanziari Credem è costituita da 500 professionisti attivi in tutta Italia all’interno di Credempoint e corner nelle filiali Credem.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

In arrivo la Voluntary 3

Voluntary flop

Voluntary Bis: colpo di reni per evitare il flop

Sanatoria per le liti pendenti

Rischio flop per la voluntary disclosure

Voluntary bis, gli effetti (possibili) dell’accordo Italia-Svizzera

La Voluntary bis scalda i motori

Voluntary 2, domani si parte

Voluntary bis, ecco le norme per il contante

Voluntary bis, pronto il modello definitivo

Voluntary bis, ecco il format della relazione di accompagnamento

Voluntary 2, cassette anonime nel mirino svizzero

“Voluntary 2”, imposta media di 37mila euro

Voluntary 2 col vecchio modello

La “Voluntary 2” è già partita

Voluntary bis, si parte

Voluntary bis, sanzioni invariate

Voluntary 2 allungata di 12 mesi

Voluntary disclosure, primo no al raddoppio dei termini

La “Voluntary” non sbaglia un colpo

Voluntary 2, si parte l’1 luglio

Voluntary, ci sarà il bis

Voluntary disclosure, istanze pendolari

Voluntary disclosure verso il bis

Voluntary, accertamenti col turbo

Voluntary, si studia il bis

Voluntary disclosure, ultimo giorno per la proroga tecnica

Voluntary Disclosure, mini-rinvio

“Voluntary disclosure”, ultimo sprint

Voluntary disclosure ai supplementari

Voluntary disclosure, 130mila istanze

Voluntary disclosure: gettito intorno ai 3,8 miliardi di euro

Voluntary, l’ufficio è a scelta

Ti può anche interessare

Bancari e consulenti finanziari, cresce l’ipotesi di un contratto unico

L'Abi apre la proposta del sindacato Fabi: un inquadramento di lavoro comune per i dipendenti del se ...

Con Widiba il Telepass diventa a portata di click

Da oggi i clienti Widiba potranno richiedere un nuovo apparato o trasferire da altro conto il Telepa ...

Ambrosi (Efpa Italia): “Perché la formazione è premiante per i cf”

Intervista al presidente di Efpa Italia, tra i premiatori ai Bluerating Awards ...