Il capital gain si paga doppio spostando il bond in un dossier cointestato

A
A
A

Un cliente di un pf si è visto addebitare due somme a titolo di capital gain perché un bond prima intestato solo a lui era stato successivamente spostato in un dossier cointestato con la moglie. Per la normativa questa operazione viene considerata come una cessione a titolo oneroso con conseguente liquidazione dell’imposta.

Marco Muffato di Marco Muffato29 maggio 2015 | 09:08

DOMANDA – Un cliente mi ha posto delle domande relativamente alla scadenza di un bond sottoscritto in emissione per un importo di 50mila euro e rimborsato alla pari. Il cliente si è visto addebitare due somme con causale “Capital gain D.L. 461/97” perché il titolo era in origine intestato solo a lui ma circa due anni fa lo aveva spostato in un dossier cointestato con la moglie. Ciò aveva portato un prezzo di carico fiscale aggiornato al prezzo di mercato di quel giorno, inferiore a 100. A me pare che il calcolo sia corretto. Oppure mi sbaglio?
G.C., Milano

RISPOSTA – Il lettore non si sbaglia. La modalità di calcolo è giusta perché al momento del trasferimento dei titoli non si è mantenuta l’identica intestazione dei bond e la normativa sul capital gain prevede che una simile operazione venga considerata al pari di una cessione a titolo oneroso, con conseguente liquidazione dell’imposta. In quel momento, quindi, il cliente si è visto contabilizzare una minusvalenza fiscale pari alla differenza tra il prezzo di carico e il prezzo al momento del trasferimento, che poi è stato il prezzo di assunzione in carico nel nuovo rapporto. Ed ecco il motivo per cui si è giunti all’applicazione del capital gain a scadenza. E’ anche ovvio che la “vendita” abbia fatto emergere una minus che è stata già utilizzata dal cliente a compensazione di successive plusvalenze (altrimenti non ci sarebbe stato addebito a suo carico). Ed è stato anche un bene, in quanto dal 1 luglio 2014 l’aliquota è passata al 26% contro il 20% in vigore al momento del passaggio dei titoli. Da notare come alcune banche consentano di attribuire il possesso dei titoli al portatore, immessi in un dossier cointestato, anche a uno solo degli intestatari. In questo caso il titolo sarebbe stato trasferito mantenendo il prezzo di carico. In questi casi si evitano tante complicazioni fiscali.

Hai un quesito da porre a Sportello Advisory? Scrivi a: sportelloadvisory@bluerating.com

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Clonazione assegni, è sufficiente una foto per finire nei guai

Vittima del phishing? Diritto al risarcimento solo in un caso

Credito al consumo, paga le rate ma non riceve servizi. Che fare?

Vecchi buoni postali, allo studio un archivio digitale

Rimborso a chi estingue in anticipo anche per le polizze sui mutui

Successione del c/c, serve la volontà di tutti gli eredi

Acf e Abf, stop ai ricorsi sulle ex popolari venete

Farsi pagare l’assegno in banca? Il documento d’identità non basta

Risarcimento subordinati Mps: un’offerta da accettare al volo

Il conto corrente di base arriva sul serio. Per legge.          

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Interessi sui mutui: quando la banca rischia l’usura

Mps: bond subordinati convertiti in azioni, ristoro solo per il bond ‘Antonveneta’

Rimborso dei buoni fruttiferi postali, il nodo dei co-intestatari

Richiesta antichi estratti conto negata al cliente, ma la banca ha torto

Buoni senza info sul termine? Tema caldissimo per l’Abf

Donazioni, quando le polizze vita si fanno preferire

Bond subordinati ai clienti, la Consob è responsabile?

Trasloco c/c e deposito titoli in 12 giorni: arrivano le sanzioni

Bonifici con Iban errato: ABF punisce l’errore e il cliente si rivolge al giudice

L’azienda non versa i contributi al fondo pensione. Cosa fare?

Banca di Credito Popolare, azionisti in allarme per il valore dei titoli

Un film la doppia tassazione sui beneficiari di buoni postali residenti all’estero

Gestione in famiglia abusiva, attenti alla caccia alle streghe

Broker (abusivi) del Forex, o perdi o vinci i soldi non li vedi più.

Lo strano mutuo Abbey National. Che grana per i clienti Unicredit

Nasce il sistema informativo sui morosi della telefonia

La dichiarazione di successione in banca? Per il Garante la richiesta non lede la privacy

Ricerchi una polizza? Il risultato non è sicuro e l’Ivass vuole vederci chiaro

Equalizzatore fiscale, quel mostro che a volte ritorna

Gli assegni smarriti possono essere protestati: meglio chiederne il sequestro

Salvataggi: i conti di deposito rimborsati meno velocemente dei conti correnti

Niente paura, la firma biometrica è sicura

Ti può anche interessare

Reti, nuovo record per il patrimonio

A marzo, gli asset complessivi gestiti dalle reti dei consulenti finanziari abilitati all'offerta f ...

Bnl Bnp Paribas Life Banker, convention a Roma

Si è chiusa oggi la kermesse alla presenza di Luigi Abete, presidente di Bnl Bnp Paribas ...

Occhio a Gallant Finance (ex MarketBrokers), è una società abusiva

La Consob segnala diverse società che offrono servizi di investimenti senza autorizzazione. Incluso ...