Banche, rimpasto in cda per Carige

A
A
A

Il board ha preso atto delle dimissioni rassegnate dai consiglieri Luca Bonsignore, Lorenzo Cuocolo e Giuseppe Zampini e ha cooptato Beniamino Anselmi, Marco Macciò e Giampaolo Provaggi

di Diana Bin29 maggio 2015 | 12:28

NUOVE NOMINE – Nuove nomine nel cda di Banca Carige. Il board presieduto da Cesare Castelbarco Albani (nella foto) ha preso atto delle dimissioni rassegnate dai consiglieri Luca Bonsignore, Lorenzo Cuocolo e Giuseppe Zampini e ha cooptato Beniamino Anselmi, Marco Macciò e Giampaolo Provaggi. Si tratta in sostanza di un primo rimpasto della governance dell’istituto genovese dopo l’ingresso del gruppo Malacalza, prima con l’acquisto del 10,5% dalla Fondazione e poi con un ulteriore 4,66% dai francesi di Bpce.

AUMENTO DI CAPITALE – Il patto prevede anche che, nell’elezione del cda di Carige, Malacalza “si impegna a presentare e votare una lista nella quale sarà indicato nella terza posizione, il nominativo di un candidato consigliere desigato dalla Fondazione, a condizione che la Fondazione medesima detenga, al momento della presentazione della lista, una partecipazione in Carige superiore allo 0,3% del capitale sociale”. Carige ha approvato un aumento di capitale da 850 milioni che dovrebbe partire all’inizio del mese prossimo.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Bufi (Anasf): “La fedeltà alla mandante è un bene. Ecco perché”

Il presidente di Anasf Maurizio Bufi, premiatore della categoria High Fidelity dei Bluerating Awards ...

Generali, azzerata (o quasi) la quota in Intesa Sanpaolo

La compagnia del Leone di Trieste si è liberata del pacchetto di circa il 3% della banca acquistato ...

Ascosim: dopo Consob ecco la scuola per i consulenti

Dopo la pubblicazione del Regolamento Intermediari Consob, l'associazione punta dritto alle iniziati ...