La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi18 agosto 2017 | 12:50

Che Londra, l’hub finanziario più importante d’Europa, sia tra le città dove affittare un ufficio o un’agenzia è più costoso che altrove è noto a tutti da anni. Ma le cose potrebbero cambiare da qui a un paio d’anni al massimo, complice la Brexit.

Partiamo dai dati attuali: secondo Findalondonoffice.co.uk, affittare un ufficio nella capitale britannica può costare, tutto compreso, dalle 68 sterline l’anno per piede quadro, nel quartiere di Canary Wharf, alle 93 sterline della City, sino alle 148 sterline in quartieri come Mayfair e St James. Tenendo presente che le dimensioni degli uffici a Londra variano molto, da un minimo di 990 piedi quadri (circa 92 metri quadri) a oltre 11.400 piedi quadri (circa 1.060 metri quadri), significa che per affittare un ufficio a Londra occorre sborsare da 67 mila a 1,7 milioni di sterline l’anno (in euro significa da 76mila a 1,93 milioni l’anno).

Dunque, nonostante si notino già da alcuni mesi un calo delle richieste di nuovi uffici, e questo abbia portato ai primi cali dei fitti (i ‘rent’), l’ulteriore rialzo dei tassi sulle attività business (i ‘business rate’) ha continuato a far salire il costo totale per gli affittuari. Comprensibile che anche per il dorato mondo della finanza di Sua Maestà l’esigenza di tagliare i costi si faccia sentire, col risultato di promuovere la crescita di soluzioni di coworking anche nel caso di uffici per financial advisor. Su questo equilibrio precario rischia ora di abbattersi la Brexit: gruppi come Standard Chartered, Nomura Holdings, Sumitomo Mitsui Financial Group e Daiwa Securities Group hanno già deciso di ridurre la loro presenza nella capitale britannica, altri come Citigroup, Goldman Sachs Group e Morgan Stanley stano valutando il da farsi.

Se le mandanti andranno via, anche i financial advisor le seguiranno? La situazione non sembra ancora sul punto di precipitare e secondo molti, alla fine, solo poche migliaia di addetti potrebbero realmente trasferirsi da Londra a Francoforte, Dublino o in un altro hub finanziario europeo. Così Londra resterebbe in testa alla classifica dei maggiori centri finanziari mondiali (il Global Financial Centres Index), davanti a New York. Una classifica dove Francoforte è solo 23esima.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn7Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Brexit: dopo essere stata spavalda Theresa May deve usare toni più concilianti con la Ue

Brexit, M&G trasferisce quattro fondi in Lussemburgo

Brexit, al via il trasloco dell’Eba da Londra

Sterlina in calo, la Bank of England non ha fretta di alzare i tassi

Kempen investe sui family offices

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Brexit, si scaldano i toni e Jp Morgan Chase compra uffici a Dublino

Brexit: le banche pronte al trasloco da Londra, chi si rafforzerà su Milano?

Mattone in crisi a Londra

La Brexit? Un’occasione per le banche asiatiche

Londra: anche Jp Morgan e Lloyd’s pronte al trasloco causa Brexit

Qatar Holding continua a cercare nuovi investimenti in Gran Bretagna

La Brexit costerà caro al Regno Unito e alle sue banche

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Brexit: la Ue resta compatta, per ora Theresa May non parla dei costi

M&G prepara fondi lussemburghesi a prova di Brexit

La Brexit pesa sui prezzi degli immobili a Londra

Arriva anche in Italia il Brexit Navigator di Aon

Brexit, 25 banche internazionali pronte a traslocare in Germania

State Street lancia il Brexometer

Borse reagiscono al discorso di Theresa May sulla Brexit

Sterlina sempre più giù: la May rinuncerà al mercato unico?

L’impatto della Brexit? Te lo misura il Brexit Navigator

Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

Brexit, il rischio di un’uscita brusca aumenta

Scozia: Sturgeon non esclude nuovo referendum indipendentista

Gran Bretagna, il mercato del lavoro inizia a frenare

Ti può anche interessare

Polizze, Banco Bpm dice addio a UnipolSai e Aviva

Sciolta la partnership di bancassurance con il gruppo bolognese che cederà la propria quota in Popo ...

Banca Generali, febbraio col turbo

Secondo miglior mese di sempre per raccolta netta: 668 milioni. Con un totale da inizio anno ad oltr ...

Commercialista o consulente finanziario? La risposta nel 2018

Mentre si avvicina la nascita dell’Albo Unico Ocf e della Mifid 2, gli esperti contabili premono ...