Eurovita entra nel private insurance e lancia Gold Protection

A
A
A

La compagnia di bancassicurazione guidata da Andrea Battista ha presentato a milano la nuova gamma di servizi assicurativi dedicati alla clientela private e affluent.

Marco Muffato di Marco Muffato26 giugno 2015 | 07:14

VOCAZIONE PER IL PRIVATE – Costituire una divisione specializzata nel private insurance realizzando nuove soluzioni dedicate ai canali distributivi del comparto affluent e private e alla loro clientela. Sono le principali novità presentate ieri a Milano da Eurovita, la compagnia di bancassicurazione guidata dall’a.d. Andrea Battista (nella foto) e partecipata dal colosso americano JC Flowers (JCF), con uno spazio particolare dedicato a ‘Gold Protection’, il prodotto di punta della nuova divisione private basato su una gamma di servizi assicurativi di protezione. La nuova soluzione di Eurovita si rivolge alla clientela affluent e ai soggetti che percepiscono redditi o possiedono patrimoni rilevanti, con l’obiettivo di offrire risposta alle esigenze di tutela della sicurezza della clientela, anche attraverso la destinazione dei capitali assicurati per fini di passaggio generazionale.

PROTEZIONE ORO – Gold Protection, in particolare, offre un capitale assicurato – sia causa di morte che invalidità totale e permanente da infortunio e da malattia – che varia da 1 milione a 5 milioni di euro. Grazie all’accordo con Europ Assistance, Gold Protection comprende un servizio di check up sanitario tramite una rete di centri medici convenzionati, e la possibilità di usufruire del servizio di noleggio con conducente su tutto il territorio nazionale per raggiungere il centro medico.
Il progetto è frutto anche di una doppia partnership con RGA, leader nella riassicurazione Vita, e Europe Assistance leader nei servizi di assistenza.

ACCORDI CON RETI E PRIVATE BANK Eurovita punta così sia a rafforzare l’offerta per l’attuale canale delle banche partner che ad attivare collaborazioni con una selezione di reti di promotori finanziari e partnership con private banker specializzati. L’a.d. Battista ha annunciato che saranno siglati entro la fine del 2015 almeno due o tre accordi con reti e private bank.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Intesa, colpo grosso per Fideuram

Il deal riguarda il gruppo svizzero Morval Vonwiller, che comprende anche Banque Morval, società at ...

Esame Srep superato per le banche italiane

Tutti gli istituti di medie e grandi dimensioni del nostro Paese hanno hanno certificato che il capi ...

Fideuram Ispb, semestre da urlo

Nei primi 6 mesi raccolta di 7,5 mld (+80%), utile di 443 mln (+10%), le masse salgono a 207 mld. ...