Al top i numeri di Mediolanum mentre Banca Esperia soffre

A
A
A

Il gruppo guidato da Ennio e Massimo Doris ha archiviato un semestre caratterizzato da masse e raccolta in crescita. Nota dolente Banca Esperia che ha chiuso il semestre con un calo dell’utile del 23%.

Gianluca Baldini di Gianluca Baldini30 luglio 2015 | 13:20

IL GRUPPO MEDIOLANUM – Il consiglio di amministrazione di Mediolanum (nella foto Ennio e Massimo Doris), riunitosi oggi a Basiglio, ha approvato la relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2015. Secondo i dati diffusi dal gruppo, nella prima metà del 2015 evidenziano il risultato di periodo più solido nella storia di Mediolanum, grazie alla continua espansione delle masse e alla crescita ininterrotta – anche nel secondo trimestre – dei ricavi ricorrenti. Tra questi, le commissioni di gestione hanno registrato un incremento del 27% rispetto a un anno fa, a conferma della sostenibilità del modello di business. Il gruppo ricorda anche che alla crescita dei risultati economici si accompagna una solidità patrimoniale che vede Mediolanum ai primi posti in assoluto nel panorama bancario italiano. Come sottolineato, l’utile netto consolidato del semestre è stato 227,4 milioni di euro, +38% rispetto al risultato dello stesso periodo dell’anno scorso. Il totale delle masse gestite e amministrate è salito a 69.841 milioni, in crescita del 14% rispetto al dato al 30 giugno 2014 e dell’8% rispetto al saldo di inizio anno. Il common equity tier 1 ratio risulta pari al 18,5% al 30 giugno 2015.

BANCA MEDIOLANUM – Più nel dettaglio, relativamente a Banca Mediolanum: la raccolta netta è stata positiva per 2.173 milioni complessivi, +15% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Da segnalare in particolare la raccolta in fondi (che include quella realizzata attraverso le polizze unit-linked), attestatasi a 2.712 milioni, +17% rispetto al primo semestre dell’anno scorso. Gli impieghi alla clientela retail si sono attestati a 5.831 milioni di euro, in crescita del 18% rispetto al 30 giugno 2014. L’incidenza dei crediti deteriorati netti sul totale crediti è pari allo 0,7%. Il numero di promotori finanziari al 30 giugno 2015 è pari a 4.393 unità. Il totale dei clienti al 30 giugno 2015 si attesta a 1.101.503. I conti correnti e di deposito al 30 giugno 2015 hanno raggiunto il numero totale di circa 800.300 unità.

BANCA ESPERIA – Per quanto riguarda Banca Esperia (nella foto l’a.d. Cingoli), vanno segnalati in particolare: utile netto di 5,8 milioni, in calo del 23% rispetto al periodo corrispondente del 2014. Masse amministrate attestatesi a 17.612 milioni, in crescita del 14% rispetto al 30 giugno 2014 e dell’11% rispetto a inizio anno. Con riferimento ai mercati esteri:  l’utile netto dei mercati esteri risulta pari a 4,5 milioni.Le masse gestite e amministrate si sono attestate a 3.897 milioni, in aumento del 26% rispetto al 30 giugno 2014 e del 12% da inizio anno. Si ricorda che sul bilancio semestrale consolidato abbreviato sono tuttora in corso le attività di revisione contabile limitata da parte della società di revisione legale dei conti, che non ha ancora emesso la propria relazione.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Mediolanum, raccolta Pir miliardaria

Banca Mediolanum, per Mediobanca è un titolo da comprare

Banca Mediolanum entra nel business della cessione del quinto

Top Manager Reputation, Ennio Doris guadagna tre posizioni

Banca Mediolanum, cambio di listino a Piazza Affari

Banca Mediolanum si rafforza in Romagna, Triveneto e Puglia

Pir, un sostegno alle pmi. Se ne parla sul canale di Banca Mediolanum

Banca Mediolanum, i Pir trainano la raccolta

Banca Mediolanum, lo spot sui Pir in anteprima

Recruiting cf: B. Generali ride, Credem no

Tecnologia e risparmio, se ne parla sul canale Youtube di Banca Mediolanum

Congressi Anasf, i cf di Banca Mediolanum vincono in Veneto

Doris, un tesoro da 100 milioni

Mediolanum, 5 family banker per un nuovo tour

Banca Mediolanum a forza sette

Mediolanum, raffica di eventi targati Corporate University

Mediolanum rischia l’indice

Banca Mediolanum, trasloco in Spagna

Fideuram ISPB corre da sola, B. Generali insegue

Banca Mediolanum, estate a forza 9

La svolta di Banca Mediolanum

Banca Mediolanum, oggi il big show

E. Doris (B.Mediolanum): “Pir, volano per mercati e imprese”

Banca Mediolanum, fondi col vento in poppa

La corsa di Fideuram ISPB, B. Mediolanum insegue

Pir, Banca Mediolanum lancia anche le polizze

Personal branding: in università con Mediolanum

B. Mediolanum e Bnl prime in reclutamento a giugno

Doris: Faremo anche la banca d’affari

Banca Mediolanum, volano i profitti e le masse

Sei uomini d’oro per Banca Mediolanum

Investire nelle pmi, Mediolanum a tutto campo sui Pir

Banca Mediolanum, Doris in tour per far conoscere i Pir alle imprese

Ti può anche interessare

Icbpi, arrivano Tridico e De Sanctis

Due new entry per l'Istituto centrale delle banche popolari italiane. ...

Ubi Banca chiude l’anno in perdita. Ma il 2017 sarà in “forte miglioramento”

Ubi Banca ha archiviato l’anno con una una perdita di 830,2 milioni, a fronte di un utile di 116,8 ...

Bluerating in edicola: “Partiamo in vantaggio con la Mifid 2”

E’ uscito il numero di novembre del mensile con una intervista a sergio Albarelli, a.d. del Gruppo ...