Doris (Banca Mediolanum): sulla raccolta netta il 2015 batterà il 2014

A
A
A

Banca Mediolanum punta sul private banking e prevede di archiviare il 2015 con una raccolta netta migliore di circa il 10-15% rispetto ai 4 miliardi del 2014.

di Diana Bin30 luglio 2015 | 15:25

RACCOLTA E RECLUTAMENTO Banca Mediolanum punta sul private banking e prevede di archiviare il 2015 con una raccolta netta migliore di circa il 10-15% rispetto ai 4 miliardi del 2014. Lo hanno detto Ennio e Massimo Doris (insieme nella foto), rispettivamente presidente e amministratore delegato di Banca Mediolanum, nel corso della conference call con gli analisti a commento dei dati semestrali del gruppo. Sul fronte del reclutamento, da gennaio a giugno la rete ha inserito in tutto 95 nuovi family banker, mentre 88 hanno lasciato, 81 per seguire altre strade professionali e sette perché giunti al termine della propria carriera lavorativa: in questo passaggio, evidenzia Banca Mediolanum, si è evidenziato un miglioramento del portafoglio medio dei professionisti operativi all’interno della rete, che a fine giugno si attestava a 13,1 milioni di euro (dai 12,2 di gennaio).

PORTAFOGLIO MEDIO IN CRESCITA – In particolare, la quota di professionisti con un portafoglio medio superiore ai 20 milioni di euro è salito dal 15% di inizio anno al 18%, mentre la percentuale di family banker con asset in gestione tra 10 e 20 milioni è salita dal 31 al 33%. Si è ridotta invece dal 30 al 28% la quota di pf con un portafoglio medio tra 5 e 10 milioni e dal 19 al 17% quella dei portafogli tra 1 e 5 milioni. Stabile al 5% invece la quota di portafogli inferiori a un milione di euro. Più nel dettaglio, al 30 giugno 2015 i private banker – ovvero i family banker dedicati a una clientela di tipo affluent e high net worth – erano in tutto 404, con un portafoglio medio di 32,1 milioni di euro.

PREVISIONI – Sul fronte della raccolta attesa per fine anno, Massimo Doris ha spiegato all’agenzia di stampa Radiocor che il 2015 dovrebbe concludersi con una crescita in linea con il primo semestre, quando è stata del 15%. “Metto in conto un progresso almeno del 10-15%”, ha detto. E il mese di luglio sarà “più o meno in linea con giugno, forse un po’ più alto”, mentre la raccolta netta in fondi sarà “buona ma inferiore a giugno, quando il dato aveva beneficiato di un’operazione di un cliente importante molto particolare”. Il mese che sta per concludersi evidenzierà invece un deciso incremento dei mortgage: “stiamo registrando una fortissima crescita delle richieste”, ha detto Ennio Doris.

RICHIAMO CONSOB – Quanto al richiamo della Consob al rispetto della normativa Mifid, Massimo Doris ha precisato che “i nostri family banker non percepiscono bonus legati alle commissioni e dunque non hanno interesse a incentivare un prodotto rispetto a un altro. I nostri fondi”, ha aggiunto il manager, “sono stati approvati a livello europeo. Se poi l’Esma, come pare, a inizio del 2016 darà nuove indicazioni e nuovi standard, ci adegueremo”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Mediolanum: masse su, utile giù

ConsulenTia18/Bosisio (Mediolanum): “La burocrazia non seppellirà la consulenza”

Mediolanum CU, poker di appuntamenti per Centodieci è Ispirazione

Mediolanum, che raccolta a dicembre. Fideuram ISPB leader sui 12 mesi

Banca Mediolanum, brand che spacca

Doris: Mediolanum, banca delle Pmi

Banca Mediolanum, dominio sull’Aim grazie ai Pir

Banca Mediolanum a quota 109 family banker nel 2017

Consob, radiazione nel milanese

Lady Doris, il tesoro si ingrossa

Banca Mediolanum, Ennio e Massimo Doris insieme nel nuovo spot

Doris (Banca Mediolanum): “La Mifid 2? Valorizzerà la consulenza finanziaria”

Doris vale un miliardo

Soldi in Svizzera, radiato un cf ex Mediolanum (e sospeso un altro)

Mediolanum fa 100 nel reclutamento

Doris (Banca Mediolanum): “Così i Pir cambiano il risparmio e le imprese”

Banca Mediolanum, raccolta Pir miliardaria

Banca Mediolanum, per Mediobanca è un titolo da comprare

Banca Mediolanum entra nel business della cessione del quinto

Top Manager Reputation, Ennio Doris guadagna tre posizioni

Banca Mediolanum, cambio di listino a Piazza Affari

Banca Mediolanum si rafforza in Romagna, Triveneto e Puglia

Pir, un sostegno alle pmi. Se ne parla sul canale di Banca Mediolanum

Banca Mediolanum, i Pir trainano la raccolta

Banca Mediolanum, lo spot sui Pir in anteprima

Recruiting cf: B. Generali ride, Credem no

Tecnologia e risparmio, se ne parla sul canale Youtube di Banca Mediolanum

Congressi Anasf, i cf di Banca Mediolanum vincono in Veneto

Doris, un tesoro da 100 milioni

Mediolanum, 5 family banker per un nuovo tour

Banca Mediolanum a forza sette

Mediolanum, raffica di eventi targati Corporate University

Mediolanum rischia l’indice

Ti può anche interessare

Conto alla rovescia verso Mifid 2, banche a confronto

Prenderà il via a Milano il 13 ottobre l'edizione numero 15 del Pan European Banking Meeting. Che t ...

Quattro comparti di TCW nella rete di CheBanca!

I clienti di CheBanca! potranno sottoscrivere l’offerta di TCW attraverso le oltre 100 filiali pre ...

Fideuram ISPB ingaggia dieci cf

Le due reti di cf del gruppo guidato dall’a.d. Paolo Molesini hanno accolto nei primi dieci mesi d ...