Generali punta agli emergenti tramite il canale mobile

A
A
A

Raggiunto un accordo globale con Obi per raggiungere tramite il canale mobile i mercati emergenti.

Daniel Settembre di Daniel Settembre28 agosto 2015 | 13:00

L’ACCORDO – Il gruppo Generali si prepara a sfruttare il canale mobile raggiungendo fino a 20 mercati in rapida crescita entro il 2017. L’obiettivo sarà raggiunto grazie a un accordo siglato con Obi Worldphones, una società di telefonini co-fondata dall’ex ad di Apple John Sculley che ha appena lanciato sui mercati dell’Asia, dell’Africa e del Medioriente i due smartphone SF1 e SJ1.5. Le app di Generali saranno integrate nei nuovi Worldphones di Obi con l’obiettivo di raggiungere una base potenziale di consumatori di oltre 10 milioni di persone.

SERVIZI VIA SMARTPHONE
– “Questo accordo innovativo con Obi Worldphones”, spiega Giovanni Giuliani, Group Strategy and Business Development Director del Gruppo Generali, “permetterà a Generali di offrire servizi di grande utilità ad un segmento di clienti di grande potenziale attraverso il loro strumento preferito – lo smartphone. Generali, attraverso la sua app, sarà presente nella schermata principale dei cellulari Obi, dando vita a una nuova forma di coinvolgimento con i clienti. Siamo molto felici di lavorare con Obi, una startup tecnologica di ultima generazione e con un riconosciuto track record che si distingue per il suo design di alta qualità e le sue eccezionali capacità distributive.”

PIATTAFORMA ASSICURATIVA
– Secondo i termini dell’accordo, Generali e Obi svilupperanno insieme una piattaforma assicurativa mobile basata su app “native”, integrate nel set-up standard dei cellulari, con l’obiettivo di coinvolgere i consumatori attraverso l’offerta di servizi di grande utilità direttamente nell’home screen dei cellulari Obi Worldphones. Le applicazioni saranno sviluppate sulla base delle caratteristiche specifiche dei singoli Paesi e offerte ai clienti dei mercati in cui sia Generali sia Obi operano, a partire da Turchia, India, Indonesia, Vietnam, Filippine ed Emirati Arabi Uniti nel 2015, con l’obiettivo di raggiungere 20 Paesi entro il 2017.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Banca Imi quota una nuova obbligazione in lire turche

Il Pil turco nel secondo trimestre 2017 è cresciuto ad un tasso del +2,1%, che si è attestato al d ...

Azimut, 120 milioni di raccolta per Ipo Club

Primo obiettivo raggiunto per le sottoscrizioni del fondo chiuso dedicato al sostegno delle imprese ...

Fineco festeggia il miglior semestre di sempre

nella prima metà dell'anno la banca guidata da Alessandro Foti ha realizzato ricavi per 282,7 milio ...