Che difficoltà cancellare i pignoramenti nelle centrali rischi

A
A
A

Una falla normativa sui sistemi di informazioni creditizie consente comportamenti troppo punitivi nei confronti di chi ha sanato precedenti situazioni di pignoramento. Ecco come fare per uscirne fuori in maniera rapida.

Marco Muffato di Marco Muffato4 settembre 2015 | 08:46

DOMANDA. Una mia cliente, lavoratrice dipendente con regolare busta paga e conto bancario, ha richiesto una carta di credito il cui rilascio, contrariamente alle sue aspettative, è stato negato. Dopo aver verificato la presenza di eventuali segnalazioni pregiudizievoli ha compreso che l’unica motivazione plausibile è dovuta alla presenza presso Crif-Eurisc di una segnalazione di pignoramento immobiliare del 2004 che però vede anche un’annotazione di cancellazione del 2012. Possibile che a distanza di tanti anni sia ancora assoggettata a situazioni relative a tanti anni addietro e soprattutto sanate? Non esiste un tempo massimo di conservazione dei dati? Come si può risolvere? G.M., Roma

RISPOSTA.
A differenza di altre società le quali cancellano, per esempio, dopo cinque anni, Crif-Eurisc non prevede un termine massimo dopo il quale i dati relativi al pignoramento e soprattutto alla cancellazione vengano eliminati automaticamente. Occorre, quindi, presentare un’apposita richiesta di cancellazione in base al diritto di accesso ai propri dati personali. Nel caso in cui non dovessero provvedere, la sua cliente potrà presentare ricorso al Garante Privacy, situazione per la quale Crif potrebbe preferire di evitare un pronunciamento negativo provvedendo di propria iniziativa alla cancellazione. Un comportamento che limita le cancellazioni dei dati solo per quei soggetti che si attivano presso il Garante Privacy, lasciando invece iscritti tutti gli altri. A tal proposito, non essendo previsto il termine massimo di conservazione di tali dati come invece per altre tipologie di iscrizione, non sarebbe affatto male se il Garante Privacy provvedesse in merito integrando la propria Delibera numero 8 del 16 novembre 2004 che a partire dal successivo 1 gennaio detta precise e comuni regole a cui riferirsi nel trattamento dei dati da parte delle società di informazione creditizia.
 

Hai un quesito da porre a Sportello Advisory? Scrivi a: sportelloadvisory@bluerating.com

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Interessi sui mutui: quando la banca rischia l’usura

Mps: bond subordinati convertiti in azioni, ristoro solo per il bond ‘Antonveneta’

Rimborso dei buoni fruttiferi postali, il nodo dei co-intestatari

Richiesta antichi estratti conto negata al cliente, ma la banca ha torto

Buoni senza info sul termine? Tema caldissimo per l’Abf

Donazioni, quando le polizze vita si fanno preferire

Bond subordinati ai clienti, la Consob è responsabile?

Trasloco c/c e deposito titoli in 12 giorni: arrivano le sanzioni

Bonifici con Iban errato: ABF punisce l’errore e il cliente si rivolge al giudice

L’azienda non versa i contributi al fondo pensione. Cosa fare?

Banca di Credito Popolare, azionisti in allarme per il valore dei titoli

Un film la doppia tassazione sui beneficiari di buoni postali residenti all’estero

Gestione in famiglia abusiva, attenti alla caccia alle streghe

Broker (abusivi) del Forex, o perdi o vinci i soldi non li vedi più.

Lo strano mutuo Abbey National. Che grana per i clienti Unicredit

Nasce il sistema informativo sui morosi della telefonia

La dichiarazione di successione in banca? Per il Garante la richiesta non lede la privacy

Ricerchi una polizza? Il risultato non è sicuro e l’Ivass vuole vederci chiaro

Equalizzatore fiscale, quel mostro che a volte ritorna

Gli assegni smarriti possono essere protestati: meglio chiederne il sequestro

Salvataggi: i conti di deposito rimborsati meno velocemente dei conti correnti

Niente paura, la firma biometrica è sicura

Libretti delle Coop, troppi rischi rispetto ai vantaggi

Il timbro sul buono postale è illeggibile? Non scatta la prescrizione

Doppio addebito dei biglietti aerei? Questione di sicurezza

Conto bloccato per le rate del mutuo: un illecito ai limiti del reato

Rendite tassate come il lavoro? Anche peggio

L’imposta sulle polizze miste vale anche per le rendite

Le trappole dei broker del Forex e dei Cfd

Copia dei dati bancari, come funziona il pagamento delle spese

Quando manipolare il mercato costa caro anche per piccoli guadagni

Conversione delle lire in euro, l’unica soluzione è fare causa al Mef?

Ti può anche interessare

False informazioni, sospeso un consulente ex di Banca Mediolanum

Provvedimento della Consob ai danno in un professionista acusato di irregolarità ...

Fondi attivi europei, chi ha battuto il benchmark nel 2016

Un anno difficile, quello trascorso per i gestori attivi dei fondi domiciliati in Europa, che in men ...

Banca Generali e Del Piero insieme a Torino

Al Museo del Risorgimento del capoluogo piemontese un incontro con il fuoriclasse ex bianconero ...