Doris, un botto da 80 milioni

A
A
A

Grosso aumento di capitale della holding H-Invest. Per comprare il 5% di Banca Mediolanum se Berlusconi dovrà vendere.

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino28 agosto 2017 | 08:30

Ennio Doris (nella foto) vara un grande rafforzamento della sua cassaforte del controvalore di 80 milioni di euro. Nei giorni scorsi, infatti, a Milano nello studio del notaio Chiara Trotta si è svolta un’assemblea straordinaria di H-Invest, holding del fondatore di Banca Mediolanum e controllata attraverso Fin.Prog. Italia. All’assemblea si è presentato Maurizio Carfagna, amministratore delegato di H-Invest (e che fra l’altro per conto di Mediolanum siede nel consiglio d’amministrazione di Mediobanca) che ha varato un aumento di capitale da 20 a 100 milioni di euro. La ricapitalizzazione avverrà in denaro e dovrà essere sottoscritta entro il prossimo settembre, mediante nuove azioni da 1 euro cadauna.

L’ultimo bilancio di H-Invest, chiuso a maggio 2015, evidenzia riserve per oltre 9 milioni, 19 milioni di immobili e partecipazioni per 45 milioni. Perché Doris ha bisogno di ricapitalizzare una società solida, che ha un patrimonio netto di oltre 33 milioni? Una spiegazione è che le nuove risorse servano all’acquisto di altri titoli Mediaset, di proprietà della Fininvest di Silvio Berlusconi, socio di Doris, in lotta con la Vivendi di Vincent Bolloré. O che, più realisticamente, possano preludere all’acquisto di azioni della stessa Banca Mediolanum se l’ex premier fosse costretto a vendere.

La famiglia Doris, infatti, ha detto in più occasioni sia con Ennio sia col figlio Massimo di essere disposta ad acquistare una quota del 5% della partecipazione del 20% di Banca Mediolanum detenuta da Fininvest, qualora il gruppo del Biscione dovesse essere costretto a cederla per ottemperare alla richiesta effettuata dalla Bce e ribadita da Banca d’Italia. Bankitalia lo scorso aprile ha dato 18 mesi a Fininvest per cedere la quota eccedente il 9,99% nella società di asset management, in attesa dell’esito del ricorso presentato dalla famiglia Berlusconi alla Corte di Giustizia Europea. Fininvest attualmente possiede il 30,1% della banca milanese, secondo azionista dopo la famiglia Doris con oltre il 36% per cento.

Sul fronte Mediaset, all’assemblea dello scorso giugno i Doris erano presenti con un rotondo pacchetto del 2,8%: 34 milioni di titoli spalmati proprio su H-Invest (18,2 milioni), Fin. Prog. Italia (2,8 milioni), T-Invest holding di Lina Tombolato moglie di Ennio Doris (11,6 milioni) e la stessa Lady Doris (1,4 milioni).

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn635Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Mediolanum, raccolta Pir miliardaria

Banca Mediolanum, per Mediobanca è un titolo da comprare

Banca Mediolanum entra nel business della cessione del quinto

Top Manager Reputation, Ennio Doris guadagna tre posizioni

Banca Mediolanum, cambio di listino a Piazza Affari

Banca Mediolanum si rafforza in Romagna, Triveneto e Puglia

Pir, Banca Mediolanum e Fideuram campioni di raccolta

Doris scoppia di salute

Pir, un sostegno alle pmi. Se ne parla sul canale di Banca Mediolanum

Banca Mediolanum, i Pir trainano la raccolta

Fineco e le altre: è tempo di trimestrali

Banca Mediolanum, lo spot sui Pir in anteprima

Tecnologia e risparmio, se ne parla sul canale Youtube di Banca Mediolanum

Congressi Anasf, i cf di Banca Mediolanum vincono in Veneto

Doris, un tesoro da 100 milioni

Mediolanum, 5 family banker per un nuovo tour

Banca Mediolanum premiata per l’innovazione

Banca Mediolanum a forza sette

Mediolanum, raffica di eventi targati Corporate University

Banca Mediolanum, fondi e gestioni trainano la raccolta

Mediolanum rischia l’indice

Banca Mediolanum, trasloco in Spagna

Banca Mediolanum entra nel club dei super tecnologici

Mediolanum e le altre: le foto dal Forum Banca

Fideuram ISPB corre da sola, B. Generali insegue

Falsi rendiconti e distrazione di somme dei clienti, sospeso ex B.Mediolanum

Banca Mediolanum: educazione finanziaria, la nuova sfida per i risparmiatori

Pir e Apple Pay spingono Ennio Doris

La svolta di Banca Mediolanum

Banca Mediolanum, oggi il big show

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

E. Doris (B.Mediolanum): “Pir, volano per mercati e imprese”

Piazza Affari, occhio a Banca Carige, Unipol e Banca Mediolanum

Ti può anche interessare

Vendita di diamanti in banca, fioccano le multe per gli intermediari

Sanziono per Diamond Private Investment (Dpi) e Intermarket Diamond Business ...

Polizze, ai cf piace la multiramo

Un’analisi del settimanale Milano Finanza evidenzia come le reti dei consulenti finanziari colloch ...

Credem di nuovo tra i Top Employers

La certificazione viene assegnata alle aziende con la migliore qualità del lavoro. Premiate le iniz ...