Banca Profilo, l’utile mette il turbo

A
A
A

La chiusura della semestrale ha riportato risultati più che positivi: un utile netto in crescita del 104% anno su anno a 5 milioni di euro e ricavi consolidati in aumento del 27,2% tendenziale a 32,6 milioni.

Francesca Vercesi di Francesca Vercesi31 agosto 2017 | 08:44

RISULTATI POSITIVI – Da qui al 2019 Banca Profilo punta a raccogliere 9 miliardi di euro di masse gestite, di cui circa 7 in Italia e il resto in Svizzera. Adesso le masse complessive del private banking, della controllata svizzera e del family office ammontano a 6,3 miliardi e la chiusura della semestrale ha riportato risultati più che positivi: un utile netto in crescita del 104% anno su anno a 5 milioni di euro e ricavi consolidati in aumento del 27,2% tendenziale a 32,6 milioni. Se si dà poi uno sguardo al listino, al netto di qualche presa di profitto degli ultimi giorni, da inizio anno a oggi il titolo è corso molto tanto da aver segnato un +34,23% e un +35,96% a un anno. Certo il trend sul comparto è decisamente rialzista: il Ftse Italia Banche, l’indice settoriale a Piazza Affari segna una performance a un anno pari a +44,50% ma c’è chi si chiede se sul gruppo parte della società che fa capo a Matteo Arpe Sator (che attraverso Arepo BP detiene oltre il 60% di Banca Profilo) ci sia un qualche interesse da parte del mercato. Su Banca Profilo, che offre servizi specialistici per la gestione del patrimonio di privati e istituzionali e per le esigenze finanziarie delle imprese, la copertura degli analisti è molto scarsa e la società, riluttante per natura a parlare di sé o ad autopromuoversi, non ha nemmeno corso nella campagna acquisti di nuovi banker che tanto caratterizza le realtà private di questi ultimi anni. Basta guardare ai numeri: da 4 anni i banker sono fermi a un numero che oscilla tra i 39 e i 40 e non è prevista, nemmeno da piano industriale 2017-2019, una prossima attività di reclutamento. La banca, con ogni probabilità, non si sente di poter scendere in campo a giocare una partita dove non c’è competizione dato che ci sono realtà private che stanno mettendo sul piatto percentuali, per acquisire nuovi professionisti, che arrivano anche al 4% dei portafogli che portano in dote. La crescita delle masse di questi ultimi tempi di Banca Profilo, dunque, deriva da un certo riposizionamento. Ovvero: nuove strategie di prodotto, più sinergia tra private banking, investment banking e fiduciaria, più soluzioni assicurative ai fini di pianificazione patrimoniale, strumenti alternativi e illiquidi, una maggiore offerta di debito e equity per seguire lo sviluppo delle pmi e l’utilizzo dei club deal.

NON CI SONO SEGNI DI SPECULAZIONE – Potrebbe dunque risultare interessante agli occhi di un investitore? Fonti vicine al gruppo non hanno la percezione di manovre particolarmente speculative o di mani forti industriali sul titolo. Si tratterebbe quindi di classici flussi da investitori istituzionali di lungo termine. Piuttosto, dicono, potrebbe aver giocato l’effetto Pir che, se prima si sono esposti molto sugli industriali, poi hanno cominciato a muoversi sui titoli dei bancari quotati. La raccolta dei Pir (piani industriali di risparmio), infatti, è sempre più corposa tanto che, secondo stime elaborate da Equita e Intermonte, dovrebbe raggiungere i 10 miliardi di euro nel 2017 e i 68 miliardi entro il 2021. Semmai, fanno sapere, l’appeal da parte di potenziali investitori potrebbe derivare non tanto dalle masse o dai ricavi di Banca Profilo quanto da altro, ovvero dal fatto che la banca sta lavorando per essere quella che, nello scenario italiano, si distinguerà nel fintech. Il riferimento va alla partnership con Tinaba (app per pagamenti e trasferimenti gratuiti via smartphone) per la gestione dei servizi bancari e di investimento. L’idea di puntare al digitale è, insieme all’editoria, una delle passioni di Matteo Arpe (è stato lui a capire le potenzialità di Fineco e a guidarne la ristrutturazione quando era in Capitalia) che ha sempre un occhio vigile su mondo delle start up e che è pronto a metterci dei soldi, qualora dovesse trovare cose che gli interessano (e che non costano eccessivamente). Banca Profilo, intanto, ha annunciato che «sarà possibile fruire entro fine anno dei servizi di investimento Robo Gestioni». Di questo ecosistema digitale Banca Profilo farebbe la parte bancaria (robogestioni, credito Lombard, crowdfunding). L’idea, poi, secondo quanto risulta a Bluerating, è di portare i servizi del private sul mercato retail. Quindi robogestioni anche per portafogli da 5mila euro o erogazione di credito anche per cifre piccole, magari tramite smartphone. La banca avrebbe inoltre adattato la propria piattaforma di asset allocation in una che investe solo in Etf. Può forse essere questo il «valore aggiunto» del gruppo? Di certo, al momento, il peso potenziale di questi nuovi progetti non c’è nei numeri né nell’esposizione di Borsa.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Profilo punta su Berlino

Banca Profilo, utile su del 104%

Matteo Arpe: “Ecco perché Tinaba non é una banca”

Matteo Arpe, “ecco perché Tinaba non è una banca” – VIDEO

Banca Profilo, Di Giorgio nuovo presidente

Banca Profilo archivia il 2015 con un utile su del 66,4%

Banca Profilo, che balzo per l’utile 2015

Banca Profilo, utile netto in crescita del 53,7%

Banca Profilo, dividendo da 0,3 centesimi per azione

Private banking, masse a 2,8 miliardi per Banca Profilo

Private banking, tris di ingressi in rosa per Banca Profilo

Banca Profilo, l’utile segna un +24,5% nel primo trimestre

Banca Profilo si riorganizza, focus sul private banking

Promotori, Banca Profilo fa shopping in UniCredit

Matteo Arpe stappa lo champagne per il 2012 di Banca Profilo

Matteo Arpe e la sua Banca Profilo vanno a gonfie vele nel 2012

Banche, Angelo Testori da B. Network a Profilo Merchant

Banca Profilo, il fondatore vende le sue azioni

La Banca Profilo di Arpe chiude il semestre in crescita

Banca Profilo, cambi nel cda

Banca Profilo, ritorno all’utile

Banca Profilo aumento di capitale ok

Il “Profilo” del nuovo Piano Industriale

Arpe sfida da oggi Geronzi e Braggiotti

Banche – Profilo torna in nero e prosegue la ristrutturazione

Glossip – A come Matteo Arpe

E' uscito il nuovo ADVISOR

Banca Profilo, sottoscritto il 99,67% delle azioni

Banca Profilo, via all'aumento di capitale

Banca Profilo, calo semestrale del 51%

Nuova Profilo con Arpe presidente e Sator azionista

Banche – Profilo in calo, stabile il primo trimestre

Banca Profilo in rosso di 77,9 milioni

Ti può anche interessare

Consulenti finanziari, ecco quanto guadagnano in America

La struttura delle commissioni (regressive) utilizzata dai financial advisor statunitensi ...

Il colpo di piccone di Widiba, arriva la Banca a 3D

L’a.d. della banca del gruppo Mps ha presentato a Milano il nuovo modello distributivo che sarà c ...

Cartellino giallo della Consob a Verona: sospeso un consulente finanziario

Provvedimento dell’authority in Veneto, per ora in via solo cautelare. Ma le accuse sono pesanti: ...