Per costruire portafogli è essenziale l’analisi di mercato

A
A
A

Per lo spazio dedicato ai consulenti premiati nell’ambito del PF Awards 2016, il focus di oggi è su Paolo Pineschi, vincitore nella categoria Analisi di mercato.

Chiara Merico di Chiara Merico1 febbraio 2016 | 13:03

Per lo spazio dedicato ai PF Awards 2016 in collaborazione con PF-Professione Finanza, il focus odierno è su Paolo Pineschi (nella foto), responsabile Private Banking Firenze di B.ca Passadore & c. Spa, vincitore nella categoria Analisi di mercato.

LUNGA ESPERIENZA – “Sono un Private Banker di 46 anni e opero in questo campo dal ’95. Mi sono avvicinato a questo mondo con uno stage, poi diventato esperienza lavorativa di 1 anno, nell’allora ABN AMRO del Principato di Monaco. Rientrato a Modena, di cui sono originario, nel ’96 ho lavorato in diverse strutture dell’allora nascente Private Banking nazionale operando fra Parma e Bologna. L’incorporazione di Banca Steinhauslin & c. in MPS del 2004 mi ha portato ad un trasferimento in Toscana, regione in cui, pur avendo cambiato Istituto alle cui dipendenze opero, tuttora risiedo”. Per Pineschi “la scelta del Private Banking deriva dalla convinzione, di allora e accresciuta dall’esperienza, delle enormi potenzialità connesse a tale ramo di attività e dalla varietà di temi affrontati che permette di non cadere nella routine propria di altre attività più intimamente bancarie. Ho sempre cercato di affiancare temi di finanza mobiliare ad elementi di pianificazione fiscale e successoria nonché, seppur ad un livello meramente finanziario, di consulenza aziendale. Questo sia per interesse personale che per la particolare sensibilità che il cliente tipo Private (nei territori in cui ho operato ed opero prevalentemente imprenditore) presta a tali tematiche. Fra queste la successione nell’impresa assume particolare rilevanza. Proprio per questo sono iscritto dal 2003 all’Associazione Il Trust in Italia di cui ho frequentato e frequento i numerosi ed interessanti convegni. Nell’edizione PF Awards ’16 ho partecipato con profitto a tutte e 8 le categorie proposte. Ovviamente, sia per la mia formazione sia per la normale vocazione delle società in cui opero, l’analisi dei mercati e la costruzione del portafoglio del cliente, in coerenza con i bisogni espressi e sottesi, rappresentano la parte principale della mia attività”.

FONDAMENTALE L’ANALISI – L’analisi dei mercati è fondamentale per Pineschi: “Reputo l’analisi dei mercati finanziari una attività fondante e propedeutica alla costruzione di un portafoglio di investimento, sia nella componente strategica che nelle movimentazioni di tipo tattico. L’attività di consulenza mobiliare richiede necessariamente competenze sia nell’analisi dei mercati che nella costruzione di un portafoglio ad elevata personalizzazione, quest’ultimo elemento che connota il segmento del Private Banking, ambito ventennale della mia attività”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Studio di A.T. Kearney: il futuro è nella Robo 4 advisory

Secondo la nota società di consulenza, i prossimi anni saranno dominati da realtà ibride, forti di ...

La rete Credem perde il numero 1 della Campania

Brutto colpo per la rete dei consulenti finanziari del Credito Emiliano che perde la figura manageri ...

Mps emette due bond da 7 miliardi

Si tratta di due prestiti obbligazionari garantiti dallo Stato e con scadenza tra il 2018 e il 2020. ...