Credem punta sulla Capitale

A
A
A

Aperto un nuovo centro ai Parioli: gli obiettivi sono 50 milioni di euro di nuovi prestiti erogati, 120 milioni di euro di nuove masse e tre nuovi professionisti entro fine 2017.

Chiara Merico di Chiara Merico6 settembre 2017 | 12:14

LA STRATEGIA – Un nuovo centro dedicato ai clienti con grandi patrimoni aperto nei mesi scorsi in via Paisiello ai Parioli, 2 mila nuovi clienti, 50 milioni di euro di nuovi prestiti erogati, 120 milioni di euro di nuove masse e tre nuovi professionisti entro fine 2017. Sono questi gli elementi cardine della strategia di sviluppo di Credem, tra i principali gruppi bancari italiani quotati con 600 filiali ed oltre sei mila dipendenti in tutta Italia, a Roma e provincia. Tale strategia prevede, accanto agli investimenti in tecnologia ed assunzioni, anche l’apertura di punti vendita in aree ed alto potenziale di sviluppo come Roma. Credem è già presente a Roma e provincia con 15 filiali e 140 persone e conta oltre 33 mila clienti per due miliardi di euro di masse. Nel primo semestre del 2017 l’istituto ha erogato a famiglie ed imprese del territorio 52 milioni di euro di prestiti. L’obiettivo per il 2017 è proseguire nella strategia di sviluppo ed incremento della clientela e delle masse e la nuova filiale dedicata ai clienti con grandi patrimoni, guidata dal responsabile Paolo Melchiorri che negli ultimi 12 mesi ha già inserito quattro professionisti e ad oggi conta 18 consulenti, sarà uno dei capisaldi di tale strategia. La divisione private banking di Credem, coordinata dal responsabile Alessandro Denti, conta a livello nazionale 250 professionisti che gestiscono circa 17 miliardi di euro di asset finanziari. Credem è presente nel Lazio con 28 tra filiali e centri per le imprese in cui operano 198 persone, oltre 56 mila clienti e masse per 2,7 miliardi di euro. Nella regione il gruppo ha erogato nei primi sei mesi dell’anno 64 milioni di euro di prestiti a famiglie e imprese.

ECONOMIA VIVACE – “Il private banking Credem si sta sviluppando in modo importante”, ha dichiarato Alessandro Denti, responsabile private banking dell’istituto. “Gli investimenti in persone, tecnologia e nuovi spazi per clienti e professionisti sono le basi della nostra strategia di sviluppo che porteremo avanti con decisione anche nei prossimi mesi. La richiesta dei clienti con importanti patrimoni”, ha proseguito Denti, “è amministrare sia la componente puramente finanziaria ma anche gestire in modo consapevole la distribuzione della ricchezza per le generazioni future. I nostri private banker sono pronti per supportare i clienti anche grazie alla Global Wealth Advisory, il centro servizi di consulenza e assistenza specialistica del gruppo Credem. Figure professionali esperte in pianificazione successoria incontrano il cliente, al fianco del banker, e individuano insieme come agire sul patrimonio complessivo, nell’ottica di evitare, ad esempio, inutili comproprietà tra eredi o tutelare un erede più debole”. Abbiamo scelto di investire con decisione su un territorio che pensiamo abbia grandi potenzialità”, ha dichiarato Paolo Melchiorri, coordinatore del centro private di Roma. “Siamo convinti”, prosegue Melchiorri, “che la tecnologia e l’innovazione siano fondamentali nel rapporto tra banca e clienti ma riteniamo altrettanto indispensabile la componente umana. Per questo investiamo da sempre sia in tecnologia sia sulle persone e questa nuova filiale ne è la dimostrazione. Roma è un territorio con un’economia vivace e con ottime prospettive di crescita per i prossimi anni anche in un contesto generale complesso come l’attuale”, ha concluso Melchiorri.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Credem, ecco la superdivisione dedicata ai privati

Credem, Denti a capo del private banking

Ti può anche interessare

Intesa Sanpaolo, il wm punta a Est

Il gruppo guidato da Carlo Messina ha manifestato interesse per Fincentrum, società proprietaria di ...

Azimut punta forte sul private equity

Il gruppo sale al 100% di Futurimpresa sgr. Albarelli: “sarà la piattaforma per investire nel non ...

Anasf, ecco gli articoli modificati dello statuto

A cambiare sono gli articoli 1 e 3, vediamo come ...