L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

A
A
A

Un cliente di un cf domanda se l’aumento dei costi forfettari di conto corrente per via del fondo salva-banche sia effettivamente regolare.

Marco Muffato di Marco Muffato8 settembre 2017 | 08:25

Un cliente domanda se l’aumento dei costi forfettari di conto corrente per via del fondo salva-banche sia effettivamente regolare. Che ne pensate?
R.B., Milano

In una recente decisione, la  4845 del 5 maggio, l’Arbitro Bancario ha reputato illegittimo un simile aumento perché l’istituzione del Fondo Nazionale di risoluzione determina costi a carico dell’intermediario che non sono però correlati alla variazione apportata unilateralmente mediante l’incremento della voce “Spese e competenze del periodo di liquidazione”. Inoltre la scelta compiuta dall’intermediario di colpire i conti correnti perché contratti più diffusi è svincolata dalla tipologia contrattuale interessata dalla variazione e scollegata dagli oneri previsti originariamente per tali contratti. La nota 412631/17 del Direttorio della Banca d’Italia reputa inammissibili le variazioni che non presentano correlazione tra le tipologie di contratti e le tariffe interessate dalle variazioni, da un lato, e l’incremento dei costi posto a base della modi ca. Tali variazioni si traducono in nuovi costi con un’alterazione del sinallagma negoziale sfavorevole al cliente perché non si pongono come modi ca di oneri già previsti. L’intermediario ha richiamato il fatto che si tratterebbe di prelievo una tantum, ma nella citata nota si rileva che interventi una tantum si traducono di fatto in prelievi occasionali che, dal punto di vista del cliente, riducono l’incentivo a valutare l’opportunità del recesso, anche nei casi in cui sarebbe conveniente.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Ti può anche interessare

I big e la governance di prodotto, come cambia il business

I nuovi risultati della ricerca promossa dal Cetif si concentrano sulla strada verso una compliance ...

Costa (Enasarco): “I contributi per la formazione? Stanno avendo grande successo”

Il presidente dell’ente di assistenza e previdenza degli agenti di commercio e dei consulenti fina ...

Scf, pronto il documento per l’iscrizione all’Albo OCF

Ascosim, l’associazione presieduta da Massimo Scolari, ha pubblicato le Linee Guida per la redazio ...