Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

A
A
A

La corsa al rialzo dei financial advisor del Regno Unito si è fermata. Ecco qualche numero che lo dimostra.

Luca Spoldi di Luca Spoldi12 settembre 2017 | 09:49

Complici le incertezze legate alla Brexit, la corsa al rialzo dei salari dei financial advisor britannici si è fermata: secondo il sito PayScale, infatti, 
la paga mediana a fine luglio 2017 era pari a 35.166 sterline all’anno, ossia appena 54 sterline in più (+0,15%) rispetto a 12 mesi prima. In frenata anche le richieste di professionisti, visto che PayScale riporta, tra i primi di maggio e fine luglio, solo tre ricerche aperte da Ameriprise Financial, da New York Life e da Morgan Stanley. La cosa non stupisce: negli ultimi mesi le attenzioni delle maggiori istituzioni finanziarie già presenti a Londra e sul territorio britannico sono state rivolte a dove riallocare il personale, nel caso probabile che tra 2 anni le società britanniche perdano l’accesso al mercato unico europeo, più che al rafforzamento degli staff nel Regno Unito. Quello che sembra non essere cambiato è il profilo lo professionale per spuntare retribuzioni più elevate: occorrono “capacità comunicativa orale-verbale e capacità di gestione delle relazioni con la clientela (customer relationship management)”. Il salario vero e proprio, nelle singole componenti, amplia la banda d’oscillazione, che ora parte dalle 18.018 sterline e arriva a 59.733 sterline (lo scorso anno si stava tra i 18.629 e i 51.736 pound), il che sembra indicare che chi entra ora deve accontentarsi di salari più bassi mentre chi ha esperienza 
(e portafogli) può ancora spuntare qualche aumento. In leggero rialzo il bonus, che va da zero a 20.388 sterline (lo scorso anno il limite superiore
 era di 19.944 pound). Un vero boom è registrato dalla compartecipazione agli utili (profit sharing) che lo scorso anno si fermava a 4.085 sterline l’anno mentre quest’anno tocca le 78.906 sterline. In compenso le commissioni non superano in media i 16mila pound (contro un massimo di 40.547 sterline l’anno passato). Il totale arriva così a 18.502-70.807 sterline, contro i 18.416- 63.248 pound del 2016, ma la modfica del peso delle diverse componenti potrebbe indicare ulteriori mutamenti nel settore, anche sotto la spinta della Fca, che vorrebbe un’unica commissione da applicare ai fondi al posto delle diverse voci di costo attuali, per aumentare la trasparenza del settore.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Brexit: dopo essere stata spavalda Theresa May deve usare toni più concilianti con la Ue

Brexit, M&G trasferisce quattro fondi in Lussemburgo

Brexit, al via il trasloco dell’Eba da Londra

Sterlina in calo, la Bank of England non ha fretta di alzare i tassi

Kempen investe sui family offices

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Brexit, si scaldano i toni e Jp Morgan Chase compra uffici a Dublino

Brexit: le banche pronte al trasloco da Londra, chi si rafforzerà su Milano?

Mattone in crisi a Londra

La Brexit? Un’occasione per le banche asiatiche

Londra: anche Jp Morgan e Lloyd’s pronte al trasloco causa Brexit

Qatar Holding continua a cercare nuovi investimenti in Gran Bretagna

La Brexit costerà caro al Regno Unito e alle sue banche

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Brexit: la Ue resta compatta, per ora Theresa May non parla dei costi

M&G prepara fondi lussemburghesi a prova di Brexit

La Brexit pesa sui prezzi degli immobili a Londra

Arriva anche in Italia il Brexit Navigator di Aon

Brexit, 25 banche internazionali pronte a traslocare in Germania

State Street lancia il Brexometer

Borse reagiscono al discorso di Theresa May sulla Brexit

Sterlina sempre più giù: la May rinuncerà al mercato unico?

L’impatto della Brexit? Te lo misura il Brexit Navigator

Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

Brexit, il rischio di un’uscita brusca aumenta

Scozia: Sturgeon non esclude nuovo referendum indipendentista

Gran Bretagna, il mercato del lavoro inizia a frenare

Ti può anche interessare

Sofferenze bancarie, il 70% è dei grandi clienti

Secondo uno studio dell’associazione di categoria Unimpresa, la maggioranza dei crediti deteriorat ...

Documenti falsi, radiato dall’Albo un cf ex Banca Euromobiliare

Provvedimento duro della Consob ai danni di un professionista accusato di gravi violazioni. ...

Consulenti finanziari, training class: cosa sapete delle modifiche contrattuali?

La risposta esatta alla domanda pubblicata ieri, a proposito dei servizi di liquidazione, era quella ...