Giuliani (Azimut): “Sede estera? Ipotesi remota, ma non impossibile”

A
A
A

Durante l’assemblea degli azionisti della società, il presidente Pietro Giuliani ha fatto il punto su progetti futuri. Ma il bonus straordinario non viene approvato.

Daniel Settembre di Daniel Settembre28 aprile 2016 | 12:00

L’ULTIMA APPROVAZIONE – Dopo l’approvazione di ieri da parte di Banca d’Italia della scissione con incorporazione di Azimut Consulenza Sim in Azimut Capital Management Sgr – penultimo passaggio della riorganizzazione del gruppo che porterà alla cancellazione dall’albo delle sim e a rendere pienamente disponibile la cassa – resta ancora da ricevere l’approvazione dell’ultimo passaggio, la trasformazione di Cgm Italia sim in sgr (qui la notizia). Un passaggio che richiede “ancora qualche settimana di attesa”, ha spiegato Pietro Giuliani, presidente di Azimut durante l’assemblea degli azionisti che, tra le altre cose, ha approvato il bilancio dell’ultimo esercizio. “Una approvazione che consentirà di liberare più di mezzo miliardo di euro di liquidità, al momento congelati”. Se non dovesse arrivare, Azimut sta pensando al trasferimento della sede legale all’estero: “La vediamo come un’ipotesi remota, ma non impossibile”, ha sottolineato Giuliani.

“PUNTIAMO A PARTNERSHIP” – “Siamo interessati non solo al risiko bancario in atto in Italia, ma anche alle aggregazioni degli istituti di credito operativo”, ha aggiunto lo stesso Giuliani illustrando i possibili utilizzi della liquidità di cassa. “Come Azimut non faremo investimenti finanziari, ma puntiamo a partnership di lungo periodo nell’asset management tramite l’acquisto di capitale sociale in aziende disponibili. Stiamo aspettando l’occasione e il momento giusto proprio in concomitanza con la liberazione di liquidità di cassa che dovrebbe arrivare tra 2/3 settimane grazie all’ultima approvazione da parte di Bankitalia”.

BONUS E ATTIVITA’ ESTERE –
Non è stato approvato, invece, il bonus straordinario “una tantum” da 5 milioni lordi previsto per il consiglio di amministrazione uscente, motivato “alla luce dell’intenso impegno richiesto e profuso dal cda nel suo mandato e degli eccezionali risultati raggiunti dalla società nel periodo, con particolare riguardo all’anno 2015”. In ultimo il processo di internalizzazione della società. “Ci aspettiamo che le nostre attività all’estero (al momento in fase di startup) raggiungano presto il break-even, avvicinandosi a una redditività di medio lungo periodo simile a quello che già facciamo qui in Italia”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, a novembre raccolta a +403 milioni

Azimut, terza tappa del buyback

Azimut, continua lo shopping in Australia

Azimut, il titolo piace a Credit Suisse

Azimut, ecco la newco dei 3 ex super gestori

Albarelli (Azimut): “Tanto sviluppo, tanto estero”

Azimut: “Piano di acquisto completato da 1.200 colleghi”

Azimut e Alfalah Investments lanciano un fondo sull’azionario pakistano

Azimut colpisce ancora in Australia

Azimut? Arriverà a 50 euro

Azimut, nei 9 mesi il secondo miglior utile di sempre

Bluerating in edicola: “Partiamo in vantaggio con la Mifid 2”

Azimut, rivoluzione nella gestione

Azimut, l’Australia traina la raccolta a ottobre

Colpo AlpenBank, ingaggiata Rita Ghigo

Fineco e le altre: è tempo di trimestrali

Azimut, alleanza in Medio Oriente

Azimut, l’estero fa bene al business

Azimut, è caccia grossa a 150 bancari “affluent”

Azimut, acquisizione in Iran

Azimut, BlackRock scende di nuovo sotto il 5%

Azimut CM festeggia il primo compleanno con 80 cf in più

Azimut Wealth Management sopra la soglia dei 10 miliardi

Lanzoni entra nella squadra di Azimut Wm a Genova

Azimut varca la soglia dei 4 miliardi

Azimut fa ancora shopping in Australia

Azimut, nuovo colpo in Australia

Personal branding: Azimut ti prende per mano

Investire sull’economia reale è un bene

Azimut festeggia il via libera dal Brasile

Azimut, Anima e FinecoBank: risparmio gestito sotto i riflettori a Milano

Azimut punta forte sul private equity

Blueindex: è tempo di trimestrali ma occhio al dollaro

Ti può anche interessare

OCF, è partito il tavolo tecnico sulla Vigilanza

La commissione fornirà, in ottica consultiva e propositiva, orientamenti per il futuro esercizio de ...

Credit Agricole e Sace finanziano Goglio

il gruppo Crédit Agricole Cariparma ha destinato 15 milioni di euro di finanziamento, finalizzati a ...

Fineco, a febbraio frena la raccolta ma migliora l’asset mix

Lo scorso mese la raccolta netta dell'istituto guidato da Alessandro Foti è stata pari a 458 milio ...