Banca Mediolanum, un trimestre in chiaroscuro

A
A
A

Discesa dell’utile trimestrale del gruppo (-47%) a causa della diminuzione delle commissioni di performance. Ma la raccolta è ancora in forte crescita(+66%)

Andrea Telara di Andrea Telara28 aprile 2016 | 14:41

RISULTATI IN CHIAROSCURO- L’utile è in calo ma la raccolta continua a essere in forte crescita. Si è chiuso così il primo trimestre dell’anno per il Gruppo Mediolanum, che oggi ha presentato i risultati sul periodo che va da gennaio a marzo del 2016 (anche se la pubblicazione dei dati non è più obbligatoria per le nuove regole introdotte nell’Unione Europea). I profitti netti consolidati si sono attestati attorno a 73,2 milioni di euro, con una discesa del 47% rispetto al primo trimestre del 2015. Colpa del calo delle commissioni di performance, che si sono ridotte sensibilmente a causa dell’andamento negativo dei mercati finanziari nei primi mesi dell’anno. Di segno opposto il dato sulla raccolta netta totale in Italia che, attraverso le attività di Banca Mediolanum, è stata invece positiva per oltre 1,722 miliardi di euro, con una crescita del 66% in rapporto al primo trimestre del 2015. La sola raccolta in fondi (che include quella realizzata attraverso le polizze unit-linked) si è attestata invece a 604 milioni di euro.

DORIS SODDISFATTO – “Sono molto soddisfatto dei dati perché abbiamo visto appunto crescere la clientela e la raccolta netta totale”, ha detto l’amministratore delegato di Banca Mediolanum, Massimo Doris. “E’ vero che c’è stato un calo dell’utile”, ha aggiunto Doris, “ma il risultato economico è stato influenzato in questo caso da un andamento del mercato debole , contro una prima parte del 2015 che è stata invece molto positiva”. Doris ha dunque invitato a guardare anche altri fattori come appunto la la crescita dei clienti e delle masse gestite che gettano le basi per il futuro”. Inoltre, l’amministratore delegato di Banca Mediolanum ha anticipato che i dati sul mese di aprile stanno dando segnali incoraggianti visto che “la raccolta è ancora forte e prosegue il trend iniziato a dicembre”.

GLI ALTRI DATI – Il totale delle masse gestite e amministrate dal gruppo Mediolanum è salito nel primo trimestre a oltre 70,85 miliardi di euro, in crescita del 2% rispetto al dato al del 31 marzo 2015 e sostanzialmente in linea con il saldo della fine dello scorso anno. Gli impieghi della banca alla clientela retail si sono attestati a quasi 6,4 miliardi di euro, in aumento del 14% sul primo trimestre dell’esercizio passato. L’incidenza dei crediti deteriorati netti sul totale crediti è molto contenuta: pari allo 0,8%, una cifra che consente al Gruppo Mediolanum di avere un Cet1 (il coefficiente che misura l solidità patrimoniale degli istuttui di credito) pari al 19,1%, uno dei più alti in tutto il sistema bancario italiano. Il numero di consulenti finanziari della banca al 31 marzo 2016 è risultato invece pari a 4.390 unità, di cui 452 fanno parte della fascia di consulenti top, dediti alla fascia di investitori classificati come private o affluent. I clienti italiani della banca al 31marzo 2016 sono invece risultati pari a 1.149.491, ovvero 20.500 in più rispetto alla fine dell’anno precedente.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Mediolanum, 5 family banker per un nuovo tour

Banca Mediolanum premiata per l’innovazione

Banca Mediolanum a forza sette

Mediolanum, raffica di eventi targati Corporate University

Banca Mediolanum, fondi e gestioni trainano la raccolta

Mediolanum rischia l’indice

Banca Mediolanum, trasloco in Spagna

Banca Mediolanum entra nel club dei super tecnologici

Mediolanum e le altre: le foto dal Forum Banca

Fideuram ISPB corre da sola, B. Generali insegue

Falsi rendiconti e distrazione di somme dei clienti, sospeso ex B.Mediolanum

Banca Mediolanum: educazione finanziaria, la nuova sfida per i risparmiatori

Pir e Apple Pay spingono Ennio Doris

La svolta di Banca Mediolanum

Banca Mediolanum, oggi il big show

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

E. Doris (B.Mediolanum): “Pir, volano per mercati e imprese”

Piazza Affari, occhio a Banca Carige, Unipol e Banca Mediolanum

Banca Mediolanum, fondi col vento in poppa

La corsa di Fideuram ISPB, B. Mediolanum insegue

Pir, Banca Mediolanum lancia anche le polizze

Personal branding: in università con Mediolanum

Doris, un botto da 80 milioni

B. Mediolanum e Bnl prime in reclutamento a giugno

Srep, nel 2018 tocca anche a Banca Mediolanum

Banca Mediolanum, raccolta da record

Doris (Banca Mediolanum): “Lavoriamo per cambiare le commissioni di performance”

Banca Mediolanum, volano i profitti e le masse

Appropriazione indebita. Radiato un consulente ex di Banca Mediolanum

Citigroup promuove i Pir, plaude a Banca Mediolanum

Sei uomini d’oro per Banca Mediolanum

Imprese, risparmio e Pir: se ne parla sul canale di Banca Mediolanum

Banca Mediolanum, Doris in tour per far conoscere i Pir alle imprese

Ti può anche interessare

Capobianco (OCF): “Ricambio, giovani cf in lieve crescita”

Il direttore generale di OCF Joe Capobianco fa il punto sulle nuove generazioni di consulenti finanz ...

Appropriazione indebita, sospeso un consulente ex di Banca Leonardo

Provvedimenti ai danni di un consulente accusato di aver distratto somme degli investitori, falsific ...

Reti, altro record per il patrimonio

Alla fine del 2016, le masse gestite e amministrate dalle imprese associate ad Assoreti ha superato ...