Pf Awards 2016, è di Fineco la medaglia d’argento nella Relazione con il cliente

A
A
A

Per lo spazio dedicato ai consulenti premiati nell’ambito del PF Awards 2016, il focus di oggi è su Andrea Romei, medaglia d’argento nella categoria Relazione con il cliente.

Chiara Merico di Chiara Merico29 aprile 2016 | 09:12

Per lo spazio dedicato ai PF Awards 2016 in collaborazione con PF-Professione Finanza, il focus odierno è su Andrea Romei di Fineco (nella foto), medaglia d’argento nella categoria Relazione con il cliente.

IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER OGNI ESIGENZA – “Il mio percorso lavorativo inizia nel 1989. Avevo 21 anni, e la mia passione per la finanza nasceva già prima di svolgere questa attività. Nel 1988 praticavo l’analisi tecnica facendo grafici sulla carta millimetrata, prelevando le quotazioni da Il Sole 24 Ore”, racconta Romei, che in questa edizione si è aggiudicato anche la medaglia d’oro nella categoria Costruzione del portafoglio. “Col passare degli anni, e l’avvento dei computer e internet, la mia passione si è via via evoluta, sia da un punto di vista personale, con l’elaborazione di trading systems e modelli operativi su strumenti derivati e azioni, sia da un punto di vista professionale, con lo sviluppo di sistemi per la gestione e il controllo del rischio nei portafogli d’investimento. Inoltre, confrontandomi tutti i giorni con i mercati e con gli investitori, mi sono reso conto che la maggior parte dei risultati dei nostri investimenti non la fanno i mercati, bensì i nostri comportamenti. Per questo ho deciso di estendere le mie competenze anche nell’ambito della finanza comportamentale. Il mio desiderio di conoscenza mi ha portato a sviluppare un forte interesse verso tutte queste tematiche, con l’unico obiettivo di generare valore ed aiutare i miei clienti a raggiungere i loro obiettivi d’investimento. Essermi specializzato in questi ambiti mi permette di garantire una consulenza professionale, un’elevata personalizzazione del servizio e una qualità impeccabile. Unendo al mio sapere i migliori strumenti tecnici disponibili e il team di professionisti che la banca con la quale collaboro mi mette a disposizione, cerco di essere, per coloro che me ne danno l’opportunità, il punto di riferimento per ogni esigenza finanziaria, previdenziale e patrimoniale, dalla più semplice alla più complessa. Ora, a distanza di anni, la cosa che più di tutte mi rende orgoglioso è il fatto di aver intrapreso questo lavoro rivolgendomi a persone che, pur non conoscendomi, hanno deciso di concedermi la loro fiducia. Molti di essi ancora oggi riconoscono la mia professionalità permettendomi di stare al loro fianco, e a fianco delle loro famiglie, nelle più importanti scelte d’investimento. Questo, oltre ad essere per me un grande piacere, è una soddisfazione sia personale che professionale”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

La ricchezza è un bene, ma come gestirla? Se ne parla all’evento Aifo

GESTIRE LA RICCHEZZA – Ricchezza, un bene da tutelare ma anche un nodo da gestire. Si terrà ...

Intesa Sanpaolo, il wealth management sostiene l’utile

l gruppo guidato da Carlo Messina ha chiuso il primo semestre con profitti netti di 1,74 miliardi di ...

Ragaini (B.Generali): “A breve nuove soluzioni Pir”

Come ogni anno il Forum Ambrosetti, nella suggestiva cornice di Villa d’Este a Cernobbio, rapprese ...