Conversione delle lire in euro: la parola passa ai giudici

A
A
A

Come ampiamente prevedibile il Governo non intende convertire le vecchie lire in euro e ora tocca ai giudici esprimersi su quello che appare un giustissimo diritto dei cittadini.

Marco Muffato di Marco Muffato29 aprile 2016 | 09:25

Domanda. Scrivo a tre mesi di distanza dal vostro ultimo intervento riguardo la possibilità di convertire le lire in euro. La Banca d’Italia ha risposto che è consentito solo a chi può dimostrare di averla richiesta entro il 28 febbraio 2012, vale a dire quasi nessuno. Discorso chiuso, quindi?

G.C., Roma
 
Risposta. Il discorso non è affatto chiuso, ma l’iter non si prospetta agevole. Lo scorso 23 febbraio, il deputato Sara Moretto del Pd ha presentato sul tema un’interrogazione in Commissione Finanze, passata poi alla Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione. Il vice ministro dell’Economia Luigi Casero ha risposto il 16 marzo citando di fatto integralmente il testo che sta arrivando in risposta a tutti coloro i quali hanno inviato la richiesta di conversione (leggi qui ). Secondo il Ministero, “operazioni di cambio che non soddisfino questa condizione, avanzate cioè da persone che non sono in grado di dimostrare di aver presentato una istanza di conversione entro i termini originari, non essendo previste nell’attuale quadro legislativo, richiedono l’introduzione di una nuova norma”. In pratica: per convertire tutte le lire in euro occorre una nuova legge che, aggiungiamo noi, il governo non è disposto a promulgare perché consapevole dell’impegno economico, stante le migliaia di richieste pervenute.
Cosa fare? Come previsto, l’unica strada è quella dei tribunali. Cosa niente affatto semplice perché, se è vero che la logica è dalla parte dei cittadini, da un punto di vista strettamente giuridico la Corte Costituzionale, cancellando il termine anticipato del 6 dicembre 2011, ha riproposto il termine originario del 28 febbraio 2012 (vedi nostro precedente articolo sul tema qui
 
Con queste premesse è necessario far valere altri principi giuridici, sicuramente corretti, ma il cui valore è rimesso alla valutazione dei giudici in merito alla palese impossibilità da parte del cittadino di rispettare un termine di scadenza che in quel momento non esisteva perché cancellato dal secreto in seguito dichiarato illegittimo. Si tratta pertanto di avviare delle cause pilota che cercano di affermare dei principi attraverso la strada giudiziaria. Le vertenze devono per forza di cose essere individuali, non essendo possibile l’azione collettiva in un caso del genere.
 
Per coloro i quali non lo avessero ancora fatto, Il primo passo necessario è presentare istanza di conversione. Allo scopo, sempre l’Aduc ha messo a disposizione sul proprio sito un modulo editabile (scarica qui)  di richiesta di conversione delle lire in euro. Tale modulo va spedito a qualsiasi filiale della Banca d’Italia, meglio quella di competenza geografica i cui riferimenti sono nella colonna di destra della seguente pagina. Il modulo può essere spedito a mezzo raccomandata A.R. E’ anche possibile utilizzare la posta elettronica certificata. In tal caso, il modulo, se allegato e non copiato, deve essere sottoscritto con firma digitale.
Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Farsi pagare l’assegno in banca? Il documento d’identità non basta

Risarcimento subordinati Mps: un’offerta da accettare al volo

Il conto corrente di base arriva sul serio. Per legge.          

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Interessi sui mutui: quando la banca rischia l’usura

Mps: bond subordinati convertiti in azioni, ristoro solo per il bond ‘Antonveneta’

Rimborso dei buoni fruttiferi postali, il nodo dei co-intestatari

Richiesta antichi estratti conto negata al cliente, ma la banca ha torto

Buoni senza info sul termine? Tema caldissimo per l’Abf

Donazioni, quando le polizze vita si fanno preferire

Bond subordinati ai clienti, la Consob è responsabile?

Trasloco c/c e deposito titoli in 12 giorni: arrivano le sanzioni

Bonifici con Iban errato: ABF punisce l’errore e il cliente si rivolge al giudice

L’azienda non versa i contributi al fondo pensione. Cosa fare?

Banca di Credito Popolare, azionisti in allarme per il valore dei titoli

Un film la doppia tassazione sui beneficiari di buoni postali residenti all’estero

Gestione in famiglia abusiva, attenti alla caccia alle streghe

Broker (abusivi) del Forex, o perdi o vinci i soldi non li vedi più.

Lo strano mutuo Abbey National. Che grana per i clienti Unicredit

Nasce il sistema informativo sui morosi della telefonia

La dichiarazione di successione in banca? Per il Garante la richiesta non lede la privacy

Ricerchi una polizza? Il risultato non è sicuro e l’Ivass vuole vederci chiaro

Equalizzatore fiscale, quel mostro che a volte ritorna

Gli assegni smarriti possono essere protestati: meglio chiederne il sequestro

Salvataggi: i conti di deposito rimborsati meno velocemente dei conti correnti

Niente paura, la firma biometrica è sicura

Libretti delle Coop, troppi rischi rispetto ai vantaggi

Il timbro sul buono postale è illeggibile? Non scatta la prescrizione

Doppio addebito dei biglietti aerei? Questione di sicurezza

Conto bloccato per le rate del mutuo: un illecito ai limiti del reato

Rendite tassate come il lavoro? Anche peggio

L’imposta sulle polizze miste vale anche per le rendite

Le trappole dei broker del Forex e dei Cfd

Ti può anche interessare

Marzotto Sim raddoppia l’utile

L'ultimo esercizio della società di consulenza si è chiusa con profitti netti per oltre 1 milione ...

Ubs, utile col vento in poppa nel primo trimestre

Il gruppo elvetico ha realizzato profitti per 1,3 miliardi di franchi svizzeri tra gennaio e marzo d ...

Mifid 2, consulenti dite la vostra

Dopo l’ok del governo la Consob apre alle consultazioni entro il 30 settembre. Bufi: “Anasf si f ...