Fideuram ISPB sprinta grazie all’amministrato

A
A
A

Il gruppo presieduto da Matteo Colafrancesco supera tutti i concorrenti ad aprile nella nuova produzione e comanda anche la classifica del primo quadrimestre con l’ottimo risultato conseguito nel risparmio amministrato. Il gestito, fulcro del business, è tornato a sorridere il mese scorso ma continua a essere negativo sui quattro mesi.

Marco Muffato di Marco Muffato30 maggio 2016 | 13:38

IL SEGRETO DEL SUCCESSO – E’ Fideuram ISPB la capofila del business nel ranking Assoreti. Il gruppo presieduto da Matteo Colafrancesco ha conseguito 614 milioni di raccolta netta ad aprile battendo nettamente la grande rivale Banca Mediolanum che si è fermata a quota 500 milioni di euro. Ben diversa la composizione del risultato però tra le due big. Fideuram ISPB ha vinto la quarta tappa del 2016 grazie soprattutto al risparmio amministrato con 448 milioni di euro di nuovi afflussi a fronte dei 166 conseguiti nel risparmio gestito, mentre Banca Mediolanum registra un maggiore equilibrio tra le due componenti ottenendo 257 milioni di euro nel gestito. 

CHI VINCE E CHI PERDE – Più marcato il contributo del gestito nel risultato della terza classificata, Banca Generali, pari a 279 milioni di euro sui complessivi 429 milioni realizzati ad aprile. Raccolta considerevole anche quella conseguita da Allianz Bank (385 milioni), FinecoBank (344 milioni), Azimut (213 milioni). Uniche due realtà in rosso sono il gruppo Banca popolare di Vicenza (-2,5 milioni di euro) e Veneto Banca (-5,8 milioni).
DA INIZIO ANNO – E’ sempre il gruppo Fideuram ISPB a guidare il business da inizio anno con 2,4 miliardi di raccolta netta positiva. Una leadership costruita di fatto nel risparmio amministrato, visto che il gestito da gennaio ad aprile è negativo per -160 milioni di euro. Segue Banca Mediolanum con 2,2 miliardi di euro, di cui 768 milioni registrati nel gestito. Terzo gradino del podio per Banca Generali con 1,95 miliardi di eurodi cui ben 1,1 miliardi in gestito. Anche se il gruppo che ha ottenuto il risultato più significativo nel gestito è Azimut con un miliardo di euro di nuova produzione su un totale di 1,2 miliardi di euro. 
Sotto i risultati di raccolta netta di tutte le reti del comparto Assoreti. 

 

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Buone regole da migliorare

Assoreti, lo sprint dell’amministrato

Reti, raccolta ancora tonica

Assoreti: il patrimonio dei clienti supera i 518 miliardi

ConsulenTia18/Tofanelli (Assoreti): “Reti, cogliete l’attimo”

Assoreti: 2017 da record per la produzione

Assoreti, raccolta in frenata a novembre. Bene il gestito

Reti, a ottobre riparte la raccolta

Reti, nuovo record per il patrimonio

Reti, raccolta positiva ma in frenata

Reti, agosto da record per la raccolta

Reti, fondi e polizze trainano la raccolta

Tofanelli (Assoreti e Ocf): “Il 30 bis? Vigilanza più difficile ma nei tempi giusti”

Reti, il patrimonio sfiora i 500 miliardi

Reti, raccolta positiva ma in frenata

Reti, raccolta boom grazie a fondi e polizze

Regole Esma, la classificazione della clientela è il tallone d’Achille

Assoreti, fondi e polizze trainano la raccolta di aprile

Colafrancesco (Assoreti): “Puntiamo sulla relazione professionale”

Senatore Marino: vi spiego la cabina di regia sull’educazione finanziaria

Reti, nuovo record per il patrimonio

Consulenti, Mifid 2 al meeting dei big boss

Fideuram ISPB frantuma ogni record: 1,5 mld di gestito a marzo

Assoreti: raccolta sprint a marzo grazie al gestito

Consulenti, grande meeting dei big boss

Assoreti, la raccolta dei cf accelera a febbraio

Assoreti: confermato Colafrancesco, Doris e Foti vicepresidenti

Colafrancesco (Assoreti): “Il cf, una professione attraente per i giovani”

Tofanelli (Assoreti): “Universitari necessari per il futuro dei cf”

Reti, parte bene il 2017. Raccolta di 2,3 miliardi a gennaio

Reti, altro record per il patrimonio

Reti, ottima la raccolta nel 2016 ma non batte il record

Assoreti, frena la raccolta a novembre

Ti può anche interessare

ITForum Milano / Riva (Intel): tanti benefici tech per la consulenza

Secondo Riva, il settore dei servizi finanziari potrà migliorare l’esperienza dei clienti, abbass ...

Formazione di livello per i cf

di Giancarlo Sandrin* Tra i vari aspetti regolamentati da Mifid 2 ce n’è uno che dovrebbe essere ...

Crédit Agricole Italia nomina due vicedirettori

Un paio di nuovi incarichi ai vertici della filiale italiana del gruppo francese ...