Robo-advisor: agli italiani piacciono, ma con il consulente vicino

A
A
A

Secondo il Schroders Global Investor Study, più del 50% dei nostri connazionali è pronto ad affidarsi alla consulenza “robottizzata”, ma con l’aiuto di un professionista

di Redazione5 luglio 2016 | 09:16

Più della metà degli italiani è pronta ad affidare la gestione dei propri risparmi ai cosiddetti robo-advisor, le piattaforme online che offrono soluzioni di investimento tramite algoritmi. E’ quanto emerge dall’edizione 2016 dello Schroders Global Investor Study. Anche nell’approccio alla tecnologia gli investitori italiani richiedono comunque il supporto di un professionista del risparmio: se il 60% degli investitori coinvolti dalla ricerca è infatti pronto ad abbracciare la nuova frontiera degli investimenti, ben il 49% condiziona la sua disponibilità alla possibilità di interagire con un consulente, mentre solo l’11% si dice pronto a percorrere questa strada in autonomia.

Il restante 40% del campione di investitori sondato da Schroders in Italia (1.000 rispondenti, su un dato globale di 20.000 in 28 Paesi) si divide tra chi al momento dice no a questa possibilità, ma lascia uno spiraglio aperto per il futuro (31%), e chi la esclude completamente, sentendo il bisogno di un contatto diretto, in prima persona, con un consulente (9%). A livello demografico, prevedibilmente i millennial italiani (18-35 anni) sembrano più propensi a sfruttare le nuove tecnologie: il 70% è pronto infatti, autonomamente o con il supporto online di un consulente, ad affidarsi a un robo advisor. La percentuale scende invece al 45% tra gli investitori italiani con più di 55 anni.

ITALIANI PRAGMATICI – L’avvento dei robo-advisor sembra quindi costituire un’opportunità per i consulenti finanziari, più che una minaccia. Gli investitori evidenziano infatti, pur con modalità evolute, il bisogno di continuare a essere supportati nei processi decisionali dai consulenti finanziari. Questi ultimi, in base ai dati sull’Italia che emergono dallo studio di Schroders su un campione di 1.836 consulenti a livello globale, di cui 215 italiani, potrebbero godere di un buon grado di fiducia da parte degli investitori per via del profilo distintivo di maggiore pragmatismo e cautela rispetto ai colleghi esteri. Sono infatti mediamente più propensi a sensibilizzare i loro clienti a una prospettiva di medio-lungo periodo e più realisti in termini di ritorni conseguibili. Mentre il lasso di tempo raccomandato agli investitori dai consulenti finanziari a livello globale è di poco superiore ai 4 anni (4,3 anni), i consulenti italiani in media consigliano ai clienti di detenere un investimento per quasi sei anni (5,8 anni). Ciò evidenzia una maggiore attenzione a “educare” gli investitori a obiettivi e logiche di lungo termine.

Più nel dettaglio, il 65% dei consulenti finanziari italiani interpellati dichiara di adottare un orizzonte superiore ai 3 anni (47% il dato globale), mentre solo il 4% consiglia di investire a un anno (10% globale). Per quanto riguarda le aspettative di rendimento, i consulenti italiani, in media, puntano a ottenere un ritorno del 5,9% annuo dagli investimenti dei loro clienti, ben due punti percentuali sotto la media globale (7,9% annuo), denotando un maggior realismo.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Terra dei robo-advisor? Più bisogno di cf “fisici”

Robo advisor, accordo tra Online sim e Ambrosetti AM sim

Goldman Sachs cerca qualcuno che sappia sviluppare un robo-advisor

Goldman Sachs offre lavoro a chi sa sviluppare un robo-advisor

Binck Bank acquista il robo-advisor Pritle

Nasce Euclidea, il primo private banking fintech alla portata di tutti

Moneyfarm lancia la prima gestione patrimoniale per tutti

Il Financial Times “gufa”: la tecnologia spazzerà via i cf

Consulenza finanziaria, la minaccia non sono i robo-advisor

Le banche digitali mettono nel mirino 3 milioni di utenti e-commerce

La tedesca Cashboard riceve 3 milioni di euro di finanziamento

Nutmeg raccoglie 30 milioni di sterline

Fineco lancia X-Net, la piattaforma di cyborg-advisory

Merrill Lynch svela i piani del suo robo-advisor

Merrill Lynch svela i piani del suo robo-advisor

Sorpresa robo-advisor: a usarli di più sono i clienti di fascia alta

Sorpresa robo-advisor: a usarli di più sono i clienti di fascia alta

Robo-advisor: per 3 consulenti su 4 sono ok per migliorare l’efficienza

Allianz mette un piede in MoneyFarm: comprata quota di minoranza

Allianz, presto in Italia nuovo brand per investire con l’intelligenza artificiale

Wells Fargo lancerà un robo-advisor nel 2017

Betterment raggiunge i 5 miliardi di dollari di gestito

“Robo-Advisor e dintorni”, aperte le iscrizioni al convegno Ascosim

Ambrosetti Asset Management, partnership con Deus Technology

Metà degli italiani dice già sì ai robo-advisor, purché con l’appoggio di un consulente

Il robo-advisor blocca il trading nel post-Brexit: clienti sul piede di guerra

Quasi la metà dei nordamericani abbraccia la consulenza automatizzata

Il robo-advisor scopre il “factor investing”

Brexit, per i robo-advisor non è un evento catastrofico

FinTech, il 2016 sarà record di finanziamenti

SigFig, altri 40 milioni di dollari nelle tasche del robo-advisor

Ubs investe nel robo-advisor SigFig

MoneyFarm: ora il robo-advisor si può toccare

Ti può anche interessare

Generali taglia i costi per 200 milioni

Cura dimagrante per la Compagnia del Leone. Il personale però resta escluso dal piano di snelliment ...

Consulenti e reti, la mazzata delle regole Esma

La European Securities and Markets Authority ha pubblicato le linee guida che definiscono meglio gli ...

Crédit Agricole Italia, il risparmio gestito traina la raccolta

Le masse del gruppo raggiungono i 145 miliardi di euro, grazie soprattutto all'asset management (+11 ...