Allianz Global Corporate & Specialty rafforza il team

A
A
A

La società esperta di rischi aziendali ha annunciato l’ampliamento del proprio team mondiale di responsabilità civile ambientale (EIL) con nuove assunzioni senior nelle aree del Mediterraneo e del Nord America.

Chiara Merico di Chiara Merico8 settembre 2016 | 06:55

LE NOMINE – Prosegue l’aumento dei rischi ambientali in tutto il mondo, e per questo motivo Allianz Global Corporate & Specialty (AGCS), società del gruppo Allianz esperta di rischi aziendali, ha annunciato l’ampliamento del proprio team mondiale di responsabilità civile ambientale (EIL) con nuove assunzioni senior nelle aree del Mediterraneo e del Nord America. “Gli indennizzi ambientali rappresentano un enorme rischio finanziario e reputazionale per le aziende, e continueremo ad investire sugli elementi migliori per servire al meglio i nostri clienti”, ha dichiarato Arthur Lu, head del global EIL per AGCS. “AGCS è impegnato a pieno nella crescita di questo settore, come dimostrato dalla creazione di un team di esperti e dall’ampliamento dell’offerta dei prodotti”.

NUOVI MERCATI – Allianz fornisce assicurazioni EIL da oltre un ventennio in Europa, e nel 2014 è riuscita a raggiungere il resto del mondo, inclusi i mercati di Nord America, Asia ed Africa sub-sahariana. “La forza di AGCS nel mercato Liability ci permette di aiutare i clienti ad affrontare alcuni dei rischi più complessi come EIL,” dichiara Michael Hohmann, global head della linea Liability. “I migliori talenti del settore che si sono uniti al nostro team multinazionale ci aiuteranno a cogliere le opportunità di crescita mondiale nel segmento EIL”. Dámaso Alvarez Peña diventa Responsabile dell’area Responsabilità Civile Ambientale (EIL) per l’area del Mediterraneo, a Madrid. Alvarez arriva ad AGCS da Chubb, dove ricopriva il ruolo di Regional Environmental Risk Manager per l’Iberia e l’Europa dell’Est. In precedenza, Alvarez ha lavorato nel settore privato, in particolare nei campi di business development e in quello ambientale. In Nord America, Ken Baker diviene esperto indennizzi, a New York. Baker porta con sé quasi un decennio di esperienza tecnica negli indennizzi maturata in AIG, e prima ancora faceva parte della Excess Casualty Global Broking Unit per Marsh USA. Inoltre, Nicole Baker e Steve Tagert assumono il ruolo di executive underwriter, Baker con base a Houston, e Tagert a Philadelphia. Tagert ha un’esperienza di oltre 18 anni nel campo delle assicurazioni, e prima di entrare nel team AGCS ha assunto ruoli senior di underwriting, oltre che di management generale e di product line in AIG e XL Catlin. Baker apporta inoltre quasi un decennio di esperienza assicurativa in ambito EIL anche da AIG, e prima di iniziare la carriera assicurativa ha ricoperto ruoli senior in Allied Waste e in Waste Management. A seguito di graduali modifiche legislative, applicazioni di normative e un aumento della globalizzazione aziendale, l’esigenza di assicurazioni ambientali commerciali è aumentata, in particolare nei mercati americani ed europei. “Multe e sanzioni sono le modalità attraverso cui le autorità regolatorie locali stanno cercando di mantenere o migliorare gli standard locali, cercando di aumentarne al contempo la consapevolezza”, spiega Lu.

AREE EMERGENTI  – Il rischio ambientale e le modifiche alle normative non si fermano alle frontiere, e sempre più aziende multinazionali devono affrontare nuove difficoltà quando si espandono all’estero. Aree emergenti quali l’Europa dell’Est, l’Asia, l’America del Sud, il Medio Oriente e l’Africa hanno assistito ad una tendenza all’aumento nelle richieste di questo tipo di copertura, specie in quei Paesi in cui è obbligatoria. “Abbiamo decisamente assistito ad un aumento nella richiesta di copertura globale”, ha dichiarato Lu. “Soprattutto nei mercati maturi nei quali i risk manager vogliono acquistare polizze mondiali, incluse quelle locali nei Paesi non ammessi”. Per rispondere a questa domanda e garantire una coerenza, AGCS offre alle compagnie multinazionali dei programmi indipendenti e globali per l’inquinamento. Questi programmi comprendono un approccio coerente alle polizze locali e generali, offrendo un’ampia copertura assicurativa che va dall’inquinamento improvviso e graduale, costi di bonifica “first” e “third party” rischi relativi a edifici di proprietà e fuori sede, trasporti, e interruzioni delle attività di “first party”. AGCS garantisce soluzioni EIL per operazioni nei siti fissi e responsabilità dell’inquinamento degli appaltatori nelle aree aziendali, con limiti fino a €50.000.000. I settori chiave comprendono produzione, costruzioni, energia e immobiliare

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Allianz Bank: Mifid 2 sarà un’opportunità

Dwane (Allianz GI): “Positivi sulle banche europee”

Allianz Bank apre a Rimini

Valzer di poltrone dentro Allianz Gi

Allianz Italia, staffetta al vertice

Allianz Bank Fa, così si prepara a Mifid 2

Allianz Bank, un botto di commissioni

Lo Juventus Stadium diventa Allianz Stadium

Ping An, Allianz e Axa: i tre big mondiali dell’assicurazione giocano a tutto campo

Allianz Italia premiata al Politecnico

Allianz Azioni Italia All Stars diventa Pir compliant

Allianz, raccolta e utile operativo in crescita

Allianz Global Corporate & Specialty si rafforza con Guacci

Allianz Italia, Parzani alla presidenza

Allianz cede tre immobili a Milano a Kryalos Sgr

Risparmio gestito: Allianz e Poste regine di febbraio

Allianz Bank, convention stellare a Milano

E’ in edicola il nuovo numero di iFinance

Pimco: la raccolta netta accelera, Allianz può sorridere

Allianz Italia, utile col turbo

Allianz tratta per espandersi in Australia

Le grandi manovre su Generali

Generali nel mirino

Generali e Mediobanca in luce a Piazza Affari

Classifiche Bluerating: BlackRock in testa tra i fondi a ritorno assoluto Europa

Allianz Bank FA a forza sette nel Centronord

Referendum, Campora: i mercati ci snobbano

Allianz diventa socio di minoranza in MoneyFarm

Allianz mette un piede in MoneyFarm: comprata quota di minoranza

Allianz entra in MoneyFarm

A inizio 2017 Allianz lancerà una nuova app per la clientela

Risparmio, Italia 15esima per ricchezza

I droni commerciali? Molti vantaggi ma anche nuovi rischi

Ti può anche interessare

Vendere un fondo: ecco cosa cambia con le regole Esma

Un esempio concreto di come i consulenti finanziari potranno collocare un prodotto obbligazionario s ...

Azimut, nei 9 mesi il secondo miglior utile di sempre

Positiva anche l’attività di reclutamento di consulenti finanziari e private banker: nei primi 9 ...

Intesa Sanpaolo lancia un bond da 1,25 miliardi

L'obbligazione, destinata a investitori professionali e intermediari finanziari, partecipa all’ass ...