Credem assume un esercito di giovani

A
A
A

Previsti 150 inserimenti entro la metà del 2018 nelle rete commerciale negli uffici di direzione.

Andrea Telara di Andrea Telara27 settembre 2017 | 09:57

Credem, punta ad assumere entro la metà del 2018 oltre 150 giovani, di cui 15 nell’information technology. L’istituto ha già inserito complessivamente 142 persone nei primi sei mesi del 2017 (di cui il 66% sono giovani) con una crescita dell’organico del 1% su base annua. Negli ultimi tre anni sono state invece circa 700 le assunzioni, di cui oltre 60% riguardano i giovani.

“Riteniamo che le persone siano l’elemento decisivo di un’organizzazione soprattutto se eroga servizi”, ha dichiarato Andrea Bassi, responsabile gestione del personale di Credem. “E’ per questa ragione che il nostro gruppo investe costantemente in formazione manageriale e tecnica per oltre quarantamila giornate di all’anno. Certamente il contesto vede molte sfide all’orizzonte e crediamo che investire sulla componente umana sia una delle scelte vincenti sempre che questa sia assistita da infrastrutture tecnologiche di supporto”, ha aggiunto Bassi. “In media dopo quattro anni, quasi il 60% dei neoassunti ricopre una responsabilità diversa da quella che aveva ricoperto in fase di assunzione, segno della vitalità del progetto di sviluppo delle carriere”.

A livello regionale, le posizioni aperte riguardano prevalentemente Lombardia, Emilia Romagna, Lazio, Campania, Calabria e Sicilia. La ricerca è rivolta a diplomati e laureati in discipline economiche, scientifiche e giuridiche. Per quanto riguarda l’ambito commerciale, i neoassunti potranno diventare gestori di clientela privata e small business con una successiva crescita manageriale come direttore di filiale. All’interno della direzione centrale le persone inserite potranno ricoprire ruoli con responsabilità via via crescenti, sulla base di un percorso sviluppato secondo capacità ed attitudini personali.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Sorpresa Fideuram, si riparla di quotazione

Ipo allo studio del piano McKinsey per Intesa. Quest’anno utile per 900 milioni. Due nodi: l’int ...

Ubs, utile miliardario e un po’ meno bonus a Ermotti

Il gruppo elvetico pubblica i dati 2016. I profitti netti sono leggermente inferiori ai 3,3 miliardi ...

Fineco non è in vendita

Presentando il piano industriale del prossimo triennio, la controllante UniCredit ha manifestato la ...